mercoledì , 3 Marzo 2021

A NORD DI TRENTO, A SUD DI BOLZANO
Trento, 23 novembre a�� 8 dicembre 2012

Un territorio, otto fotografi, una mostra e un convegno. Sono questi gli ingredienti del progetto A�A nord di Trento, a sud di BolzanoA� che verrA� inaugurato (con la��apertura della mostra) venerdA� 23 novembre 2012 alle ore 18.00 al Centro Direzionale Interporto Trento, Via Innsbruck, 15 e resterA� in esposizione fino all’8 dicembre 2012.

Una��occasione per guardare con piA? attenzione e occhi diversi al territorio che divide i due capoluoghi provinciali, teatro, per molti secoli, di un vero e proprio confine politico e culturale.

La valle della��Adige A? una delle valli piA? interessanti della��arco alpino. Non solo per il suo essere canale di comunicazione, con il valico del Brennero, tra la��Italia e la mitteleuropa, ma soprattutto per la sua struttura naturale e antropica, caratterizzata da grandi e fertili aree agricole e da un originario sistema insediativo, storicamente ordinato in piccoli borghi lungo il fiume e allo sbocco dei solchi vallivi. A partire dal secondo dopoguerra questo sistema con forti potenzialitA� identitarie, simboliche ed espressive ha in parte ceduto il passo a una forte pressione antropica che A? sfociata in una��urbanizzazione e infrastrutturazione che talvolta ha compromesso il suo fragile equilibrio.

Proprio per capire quanto e come A? cambiato la��uso del territorio in questa A�terra di mezzoA� Ambiente TrentinoA�e le sezioni di Trento e di Bolzano della��Istituto Nazionale di UrbanisticaA�hanno ideato questa indagine fotografica che concentra la��attenzione su uno dei tratti piA? emblematici del territorio regionale, quello compreso tra le periferie nord di Trento e sud di Bolzano. Un territorio che sfugge a classificazioni univoche e non A? mai stato oggetto di uno studio unitario, anche in ragione dei moderni confini e della separazione amministrativa legata alle due province autonome.

Con tali motivazioni A? stato affidato a otto fotografi il compito di interrogare con il proprio estro le peculiaritA� di questo territorio, lavorando su altrettanti temi di ricerca. Nessuna ambizione di esaustivitA�, ma solo la volontA� di compiere un primo passo nel guardare con occhi nuovi questo territorio che continua a offrire chiavi di lettura attraenti per capire come stiamo trasformando il nostro paesaggio, e come siamo da esso trasformati tutti noi che ci abitiamo.

La ricerca per immagini A? stata affidata a fotografi operanti in Trentino e in Alto Adige. Ad ognuno di essi A? stato affidato un tema da sviluppare con il massimo grado di libertA�, previo il a�?rispettoa�? della��obiettivo generale del progetto, raccontare un territorio in trasformazione attraverso immagini di paesaggio:

Leonhard Angerer (8 stampe b/n)
Una ricerca a metA� strada tra la��eccellenza contemporanea in architettura e la progettazione innovativa di strutture pubbliche problematiche o legate ad emergenze sociali.

Luca ChistA? (8 stampe)
Il paesaggio antropico notturno, osservando alcune delle piA? rilevanti infrastrutture della viabilitA� e del trasporto.

Ivo CorrA� (16 stampe)
Confini culturali, linguistici e territoriali: cosa cambia quando si varca la a�?Chiusa di Salornoa�??

Erich Dapunt (8 stampe)
Tensioni e contraddizioni negli spazi di contatto tra zone industriali e artigianali e aree residenziali.

Anna Da Sacco (8 stampe)
I luoghi del passato ora abbandonati o svuotati del significato originario, oppure in attesa di altra destinazione da��uso.

Hugo Munoz (8 stampe)
Una prospettiva aerea per un nuovo livello di lettura dei cambiamenti in atto in un paesaggio inteso come il risultato delle diverse azioni fisiche e biologiche, antropiche e culturali e della percezione della��osservatore.

Francesca Padovan (8 stampe)
Immagini di edifici e abitazioni diversi tra loro per etA� e condizioni, mettendo in evidenza la loro peculiare relazione con gli elementi naturali circostanti.

Paolo Sandri (4 stampe panoramiche)
Un viaggio alla ricerca di luoghi che per consuetudine sono considerati punti panoramici.

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …