RESURREZIONE – un’avventura “into the wild”

pubblicato da: pibedeor - 1 febbraio, 2016 @ 3:27 pm

Copertina Resurrezione

 

Il romanzo “RESURREZIONE: un’avventura into the wild, ovvero un viaggio nella solitudine dei boschi, nella neve scura della mente: una corsa contro il tempo sulle montagne dell’Austria, per un suicidio perfetto” dello scrittore Pierluigi Tamanini ruota attorno all’epicentro narrativo del ritrovamento del corpo di Efrem Kowalski sulle alte montagne innevate dell’Austria in pieno inverno, nudo e crocifisso a un solitario pino mugo a forma di croce.
La sua storia ci viene raccontata da un giornalista attraverso le pagine dell’autobiografia che lo stesso Efram ha lasciato.

Tre sono le parole necessarie per descrivere Efrem Kowalski: lavoro, scrittura e corsa.
Immigrato lettone, lavora in una grande fabbrica in Austria per guadagnare il denaro necessario da inviare ai genitori malati e per permettergli di sopravvivere in un piccolo alloggio senza agi. Lavora più ore possibile, con precisione per non perdere il posto, risparmiando fino all’ultimo centesimo per mandare tutto in Lettonia. In cambio non riceve alcun segno di ringraziamento, nessuna premura, attenzione, affetto, da parte dei genitori che accecati dal denaro senza sforzo esigono sempre più.
Però in fondo, si ripete Efrem tra sé e sé… “Sanno che sono troppo buono”.

La routine quasi matematica delle giornate solitarie in terra straniera trova la sua valvola di sfogo nella scrittura, quasi un moto di evasione dalla realtà, una reazione alle forze contrarie, che crea un mondo immaginario che si affianca e si sovrappone a quello reale come una seconda pelle, alle volte come una patologia da tenere sotto controllo. Diventa sogno e ancora di salvezza dalla normalità: pubblicare un libro e diventare famoso. E la corsa diventa un altro modo di scrivere, quasi che il movimento coincidesse con il pensiero. “Un’ora di corsa equivale a un’ora di pensieri. Un’ora di pensieri equivale a un’infinita catena di immagini. Un’infinita catena di immagini equivale a un romanzo potenziale. Un’ora di corsa, e ho una storia da raccontare.”

Però la natura ha qualcosa di salvifico: le terre selvagge, le alte vette dell’Austria, il fitto dei boschi di pini, sono l’appiglio di verità a cui Efrem si aggrappa per tornare a vivere. Perfino la fatica e la sofferenza si trasformano in segni tangibili di vita vissuta, sulle montagne.
Mi faccio animale selvaggio e torno a fondere vivere e sopravvivere, conscio della loro indispensabile coincidenza.”

Un altra parola aggiungerei per completare il ritratto di Efrem Kowalski: bontà. Una bontà d’animo che in qualche modo, in quest’epoca moderna, non è una virtù, ma uno svantaggio. Non gli permette per esempio di abbandonare il lavoro per continuare a mantenere i genitori, non gli consente di cambiare vita, di viverla appieno, permette alle persone di approfittarsi di lui.

Tutto cambia con la cassa integrazione. I suoi unici due amici Lucas e Klaus, due fratelli sordomuti che lavoravano con lui alla fabbrica, si trasferiscono in Thailandia per godersi i soldi della liquidazione, lasciandolo completamente solo. Ecco una altra parola per descrivere Efrem Kowalski: solitudine.

La sera di natale del 1999 Efrem decide allora di buttarsi nell’avventura di attraversare in dieci giorni le Alpi innevate per arrivare sul confine con l’Ungheria. Spinto dal desiderio d’avventura, dal richiamo delle terre selvagge, dalla libertà che solo la natura riesce a dargli, non è però attrezzato, non ha con se cibo a sufficienza, vestiti pesanti, scarpe adatte. Il suo programma di attraversare in solitaria le Alpi austriache svanisce ancor prima di cominciare, intrappolato in un rifugio in alta quota circondato dalla neve. Decide di scrivere l’autobiografia di quegli ultimi giorni, mentre la sua storia si avvicina inesorabilmente al cuore pulsante dell’intera narrazione: il suo corpo nudo, crocifisso a un albero di pino a forma di croce, con il proprio taccuino legato al collo e un sorriso dolce stampato sul viso.

Sarà la morte o forse una resurrezione? Suicidio o atto di rinascita?…Un’avvenimento che svelerà tutta la verità riguardo Efrem Kowalski.


Formato: Formato Kindle e brossura
Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
Lingua: Italiano
ASIN: B00IFEVTNA
Media recensioni4.0 su 5 stelle (83 recensioni)

Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #119 gratuiti nel negozio Kindle Store
n.1 in Kindle Store > eBook Kindle > Viaggi
n.1 in Kindle Store > eBook Kindle > Letteratura e narrativa > Letteratura di viaggio
n.4 in Kindle Store > eBook Kindle > Azione e avventura



 

Condividi

Lascia un commento

*