IL PERSONAGGIO E LO SCRITTORE
Attacco a Mauro Corona

pubblicato da: pibedeor - 20 giugno, 2013 @ 7:45 pm

Non sono un giornalista, non sono famoso, non vivo di scrittura, non sono un esperto in nessun campo, non mi ospitano alla radio o in televisione…faccio una vita “normale” = per gli editori non esisto!

Ma è davvero così importante “chi è l’autore” perchè la sua opera abbia successo? Stranamente in molti casi è la cosa più importante.
Ci sono due correnti di pensiero riguardanti la relazione tra opera e autore: c’è chi è convinto che la comprensione dell’opera non possa prescindere dalla conoscenza della biografia dell’autore che l’ha prodotta in quanto elemento essenziale che contribuisce al significato; e chi invece vede l’opera come elemento indipendente, sufficiente a sé stessa. La verità secondo me sta nel mezzo, ma guardandomi attorno tendo sempre più a propendere per la seconda tesi.

Proviamo a fare un parallelo con l’arte contemporanea. Esistono diverse opere d’arte contemporanea che nascondono un significato che è intrinseco nella biografia dell’autore, per esempio molte opere di autori provenienti da zone di guerra o che hanno vissuto esperienze particolarmente sconvolgenti nel loro passato, sono incomprensibili se non relazionate con la storia personale dell’autore.

Dall’altra parte però si arriva all’estremo di considerare arte qualsiasi opera prodotta da un autore affermato. Mi viene da pensare a chi spaccia per arte una semplice sedia di legno posta nel mezzo di una stanza, oppure una stanza vuota dove la luce viene accesa e spenta a intermittenza. E’ davvero arte questa? Mi fa sorridere poi sentire le spiegazioni metafisiche e filosofiche dei critici o degli autori stessi su opere di questo genere.

Tutto questo per arrivare alla questione di partenza: se l’avessi messa io la sedia in mezzo alla stanza vuota, sarebbe stata considerata arte? Qualcuno l’avrebbe esposta veramente in una mostra?

Mi è capitato di vedere in rete due video-interviste (la prima è realizzata da Mountainblog, la seconda dal gruppo Tags) realizzate in occasione del TrentoFilmFestival di quest’anno allo scrittore Mauro Corona e sono rimasto colpito nello scoprire quanto si somigliassero tra loro le risposte dell’autore. Addirittura in entrambe le interviste viene menzionata una stessa citazione…allora mi è venuto il dubbio… Mauro Corona ha fatto i compiti a casa prima di presentarsi al Festival?

continua »

Condividi

3 Comments »

STORIE DI CARTA
Intervista all’autore A. Greenman

pubblicato da: pibedeor - 13 giugno, 2013 @ 1:32 pm

Ho conosciuto A. Greenman a Marrakesh in Marocco, alloggiavamo entrambi all’ostello Waka Waka e la prima cosa che ho pensato appena l’ho visto è stata: che personaggio strano! (..di solito sono sempre i migliori).

Greenman alloggiava nel terrazzo all’aperto dell’ostello, nonostante durante la notte non fosse poi tanto caldo, e se ne andava in giro indossando quelle tipiche tuniche che gli uomini e gli anziani in Marocco sono soliti portare. Abbiamo passato un pomeriggio a chiacchierare su quel terrazzo ed ho scoperto con grande sorpresa che era uno scrittore! Pochi giorni da ci siamo sentiti per e-mail, così ho deciso di chiedergli la gentilezza di rispondere a qualche domanda e Greenman, che ora si trova in Portogallo ad affrontare un nuovo viaggio, ha accettato volentieri.

Allora Greenman raccontaci in due parole chi sei e che tipologia di libri scrivi.

Ciao a tutti. Negli ultimi 12 anni o giù di lì ho vissuto in un perpetuo “anno sabbatico”, registrando le mie avventure in giro per il mondo in una serie di racconti. Collettivamente questi racconti formano un romanzo completo chiamato ‘I Travel Light – The Man Who Walked Out of the World‘.
Sono nato nel sud dell’Inghilterra nel 1971, da genitori contadini che viaggiavano molto, in cerca di lavoro, passando da un’azienda all’altra, acquisendo in questo modo l’abitudine a viaggiare già in tenera età. Successivamente sono andato a fare volontariato in fattorie e aziende agricole in tutto il mondo.

continua »

No Comments »

LA REALTA’ AUMENTATA
Nuove forme di pensare il libro

pubblicato da: pibedeor - 2 giugno, 2013 @ 2:54 pm

Chi vorrebbe trovare le caratteristiche che contraddistinguono i media digitali, ovvero multimedialità, interattività, bidirezionalità, dinamicità,…nella carta stampata, che invece è statica, lineare, monomediale e poco interattiva? Io si e anche la Realtà Aumentata.

Immaginate di essere, per esempio, studenti di architetture mentre state studiando un antico palazzo romano per capirne le qualità strutturali. Ecco, il libro che state leggendo vi fornirà immagini della costruzione, del palazzo visto da varie angolazioni, la sua pianta interna,…ma se si potesse vederlo in 3D? Averlo davanti ai propri occhi, con la possibilità di ruotarlo in varie angolature, di ingrandirne alcune parti, di vedere le strutture interne prendere vita…non sarebbe meglio? Ma procediamo per ordine.

Che cos’è la Realtà Aumentata?

continua »

No Comments »

PRESENTAZIONE LIBRO IL CAMALEONTE
30 maggio – Palazzo Assessorile di Cles

pubblicato da: admin - 9 maggio, 2013 @ 9:53 am

Il 30 maggio 2013 alle ore 20:45 al Palazzo Assessorile di Cles (TN) presenterò il mio libro “Il Camaleonte” in occasione della rassegna “Incontri con l’autore a Palazzo“.

Il titolo scelto per la serata è “Identità complesse” e insieme a me ci sarà anche Vilma Cretti, autrice del romanzo “Il bene ad ogni costo”. La serata prevede un intermezzo musicale con la band Choking Ties.

Due autori per la stessa serata, legati da tematiche tra loro simili, è la formula scelta dalla rassegna per stimolare il confronto, il dibattito, per fornire diversi punti di vista e diverse angolazioni per riflettere sullo stesso argomento.

Questa serata sarà spunto di riflessione per parlare dell’identità personale, della sua importanza e complessità, della ruolo sempre più importante che assume nella società moderna come identità fisica e della ricerca, che è forse la ricerca di ogni persona, di una propria identità interiore stabile nella quale riconoscersi.

Il Camaleonte su Amazon.it > 

No Comments »

KINDLE DIRECTED PUBLISHING
Pubblicare il proprio libro su Amazon

pubblicato da: pibedeor - 5 maggio, 2013 @ 8:28 pm

Amazon permette di pubblicare in modo semplice e gratuito il proprio libro in formato ebook rendendolo scaricabarile da qualsiasi utente del sito e parte del mondo. Il libro sarà disponibile non solo per chi possiede un dispositivo di lettura Kindle, ma grazie all’applicazione “Kindle” sarà possibile leggere i libri di Amazon su qualsiasi dispositivo, iPhone, IPad e MacBook compresi.
Vediamo nel dettaglio i passi da compiere per caricare su Amazon la propria opera.

continua »

2 Comments »

EBOOK O CARTA STAMPATA?
Generazioni a confronto

pubblicato da: admin - 2 maggio, 2013 @ 7:20 pm

Cartaceo o digitale? Si sente spesso dire che l’editoria cartacea è in crisi, che in futuro il formato digitale dell’ebook soppianterà completamente la carta stampata, ma sarà veramente così? Quando due tipi di tecnologie si scontrano, una non soppianta mai l’altra completamente, ma in un certo qual senso la reinventa. Così è successo per la radio quando comparve la prima televisione, e succede ora a quest’ultima con l’avvento di Internet. Ciò che si verifica non è una soppressione di un media a discapito di uno nuovo, quello se succede il più delle volte è  un’ibridazione dei due media a confronto e in alcuni casi la reinvenzione di utilizzo di un vecchio media (o tradizionale) in abitudini nuove o per scopi diversi.

continua »

1 Comment »

IL DETECTIVE MARTIN MOHU
Ultimo capitolo del Camaleonte

pubblicato da: pibedeor - 14 aprile, 2013 @ 9:47 pm

In seguito alle numerose denunce pervenute alla centrale di polizia relative al caso “il Camaleonte” verra’ creata un’unita’ speciale. Il detective Martin Mohu e’ la persona a capo delle indagini. Martin ha perso la memoria a lungo termine a causa di una pallottola conficcatasi nel craneo in seguito a una sparatoria.

Proprio in ospedale in seguito all’incidente, dopo il risveglio dal come, s’innamorera’ di Lia, infermiera dell’ospedale persso il quale era ricoverato.

Le qualita’ investigative di Martin, nonostante l’incidente, sono rimaste formidabile, per questo viene affidata a lui l’indagine sul caso del Camaleonte.

La possibilita’ che il Camaleonte sia effettivamente in grado di cambiare identita’ non lo convince fin da principio. Riuscira’ a trovare un’altra pista percorribile e seguendo il suo ingegno elaborera’ un ingegnoso piano per smascherarlo e dimostrare a tutti la sua vera identita‘.

No Comments »

IL TERZO CAPITOLO DEL LIBRO E’ IL CAMALEONTE

pubblicato da: pibedeor - 26 marzo, 2013 @ 1:45 pm

come si può amare una persona che non ha nome? Come può nascere un sentimento tanto forte, capace di trasformare l’animo umano, se non trova un viso nel quale specchiarsi? E’ per questo che faccio ciò che faccio, prendo in prestito la vita degli altri per qualche ora, rubo il nome, la voce, il corpo, e tra le pieghe dei loro letti, tra le braccia delle loro mogli, cerco quell’attimo di amore vero per non essere più solo.”

La domanda che attraversa il libro è: chi è il Camaleonte? Nel terzo capitolo entriamo nella sua testa per scoprire i suoi pensieri dall’interno come un chirurgo che penetra la superficie delle apparenze.

L’opposto di solitudine non è moltitudine, né compagnia, ma solo: amore. Ed è questo che il Camaleonte ricerca prendendo a prestito le identità altrui per provare quell’attimo d’amore che ci rende vivi, finendo sempre però nell’equivoco di confondere il sesso con i sentimenti, accontentandosi ogni volta delle briciole di un amore che non è rivolto a lui come persona, ma solamente alla “maschera” che indossa in quel momento.

Quando chiudi gli occhi il mondo continua a esistere. Le strade, i palazzi, il solito cielo tornano alla vista uguali a prima, uguali a sempre, e allora capisci che non sei tu al centro del mondo, ma il mondo è il tuo centro. Tutto gira intorno, è un continuo rincorrere, scappare, sgomitare, sopravvivere, vivere, che in fondo se l’osservi da lontano è la stessa cosa che chiudere gli occhi: sembra non esista altro che te stesso. Sullo sfondo nero dei tuoi occhi ci sei tu e tutto il resto è una bugia che conosci bene. Così cammino a occhi chiusi per il mondo, cieco davanti alle orme di sofferenza che lascio la mio passaggio, alla paura e al disgusto che suscito, perchè sullo sfondo nero della mia vita è disegnata una cosa sola: il mio bisogno.

continua »

No Comments »

PAULA
Il secondo personaggio de “Il Camaleonte”

pubblicato da: pibedeor - 13 marzo, 2013 @ 8:51 pm

Il secondo personaggio del libro “Il Camaleonte” si chiama Paula, amica di Bianca Bòis e della sorella minore Mari, lavora come giornalista per la maggiore testa giornalistica della città. La sua vita appare tranquilla, ma sotto la superficie piatta della quotidianità si cela un segreto inafferrabile: il desiderio di volare. Tale desiderio si ridesterà in lei dopo l’incontro con il Camaleonte.

continua »

No Comments »

BIANCA BOIS
Capitolo 1 del libro “Il Camaleonte”

pubblicato da: pibedeor - 2 marzo, 2013 @ 7:32 pm

Bianca Bòis è il primo capitolo e personaggio del libro “il Camaleonte”. Incatenata al ricordo di un amore che non c’è più e mai più potrà tornare, arriva al punto di trasformarsi lei stessa in un ricordo: nel ricordo di quando era felice, nel ricordo del marito che amava, morto tragicamente in un incidente stradale.

..“Sono morta dentro come lo sono le stelle che si spengono e muoiono nello spazio smettendo di brillare per sempre. Dalla Terra continuiamo a vederle come se ci fossero ancora, come se niente fosse successo, perché la luce che emanano impiega un lasso di tempo quasi infinito per percorrere la distanza che le separa dai nostri occhi. Vediamo la luce del passato nel presente e ci illudiamo che tutto sia esattamente come i nostri occhi lo vedono.
Dentro me c’è stata un’esplosione che mi ha uccisa. Sono morta, ma nessuno riesce a vederlo.”

continua »

No Comments »



Pagina 4 di 512345