LO STRANO CASO DELL’APPRENDISTA LIBRAIA di Deborah Meyler

pubblicato da: Mirna - 5 novembre, 2018 @ 3:15 pm

Novembre, soprattutto  questo terribile novembre, ci invita a rifugiarci e a consolarci  in letture più o meno leggere.IMG_20181105_150530

I racconti che parlano di librerie avvincono sempre. Poco tempo fa ho visto anche un film delizioso La casa dei libri che parlava di autori, di amore per i libri, di ciò che la lettura ci può dare.

Questo romanzo di Deborah Meyler ha come  titolo originale The Bookstore molto  più adatto che il titolo tradotto.

Ma evidentemente la storia della giovane inglese  Esme che studia a New York e che trova la sua dimensione in una piccola libreria nell’Upper West Side di New York dopo aver scoperto di essere incinta ha qualcosa di particolare.

Saranno i libri e gli amici librai a farle vedere in una nuova prospettiva il suo legame con il padre del bambino che dapprima non voleva sapere di questa gravidanza  mentre in un secondo tempo le chiede di sposarla.

Soprattutto capirà, grazie alle pagine di libri come Il Mago di Oz, Il giovane Holden, Il Vecchio e il mare, le opere di Shakespeare – che hanno sempre una risposta ad ogni domanda –  chi è veramente e cosa vuole dalla vita.

E’ dunque un romanzo di formazione,  “strano” forse  perchè la protagonista conosce se stessa mentre aspetta un bambino.

Deborah Meyler è una giovane libraia che dopo tanti sacrifici è riuscita a salvare due librerie indipendenti di New York. In questo suo primo romanzo racconta la sua magnifica esperienza tra libri e scaffali.

Non è un romanzo rosa, ma gli si avvicina!

Edizioni Garzanti 2014

 

condividi

1 commento
Lascia un commento »

  1. Mi è spiaciuto molto non aver potuto essere dei vostri martedì, ma le esigenze di nonna hanno sempre la priorità su tutto…
    So comunque da Riccardo che l’incontro è stato gradevole e stimolante e saluto voi tutti amici lettori con la nostra carissima Mirna in testa, ripromettendomi di essere sicuramente presente la prossima volta.
    Durante l’estate ho letto alcuni testi teatrali, ma senza grandi soddisfazioni.
    Ho letto però anche un paio di libri da cui sono stata catturata: IO E TE di Ammanniti e IL LIBRO SELVAGGIO di Juan Villoro. Questo secondo è particolarmente interessante e ne avrei parlato volentieri. Forse lo farò la prossima volta. Ho visto che il tema sarà il viaggio e credo di poter farci rientrare questo libro in qualche modo. Mi è piaciuto veramente molto.
    A peresto, Mirna e tutti!