venerdì , 23 Febbraio 2024

L’AZIONE EDUCATIVA PER UN MUSEO IN ASCOLTO
VIII Convegno Nazionale A.M.E.I.

Dal 19 al 21 ottobre Trento ospiterA� il convegno La��azione educativa per un museo in ascolto, promosso e organizzato dalla��Associazione Musei Ecclesiastici Italiani (A.M.E.I.) alla quale aderiscono piA? di duecento realtA� museali diffuse su tutto il territorio nazionale. Il tema scelto per il consueto appuntamento biennale, la��ottavo dalla nascita della��associazione, riguarderA� la funzione educativa del museo, uno dei compiti istituzionali piA? importanti e attuali. La��esigenza di ritrovarsi per riflettere sul tema e condividere esperienze ed idee nasce da una domanda molto sentita dai musei ecclesiastici: come coniugare azione educativa e finalitA� pastorale, riuscendo a fare del museo ecclesiastico un ponte che unisce, un luogo educativo aperto al dialogo e al confronto, capace di cogliere e soddisfare le esigenze dei propri pubblici e della comunitA� di riferimento?
Il quesito sarA� il perno degli interventi dei relatori, a partire dalla prolusione di JA�rom Cottin, docente di Teologia pratica presso la FacoltA� di teologia protestante di Strasburgo. Gli altri contributi sono stati affidati ad esperti di collaudata esperienza, dalla coordinatrice della commissione tematica Educazione e mediazione di I.C.O.M. Italia, Silvia Mascheroni, al Presidente di Clio a��92, Ivo Mattozzi, alla direttrice del master in Servizi educativi del patrimonio artistico, dei musei di storia e di arti visive della Cattolica di Milano, Cecilia de Carli. In occasione del convegno A? stata inoltre effettuata una��indagine, coordinata dal Museo Diocesano Tridentino, finalizzata a verificare lo a�?stato della��artea�� della��azione educativa nelle istituzioni museali ecclesiastiche. I materiali didattici raccolti costituiranno il punto di partenza per istituire un centro di documentazione sulla��educazione museale nelle istituzioni ecclesiastiche, al quale in futuro potranno accedere i soci di A.M.E.I. I lavori saranno conclusi da un workshop volto a fornire ai partecipanti indicazioni metodologiche e strumenti utili ad acquisire competenze da applicare nelle singole realtA� museali.
La scelta di Trento come sede di questa��importante appuntamento non A? casuale: qui, nel 1902, fu fondato uno dei primi musei diocesani perchA� fungesse da a�?aula didatticaa�� per il corso di Arte sacra e Archeologia cristiana del Seminario teologico. Una vocazione educativa ancora oggi molto viva e consolidata negli anni dalla vice direttrice del Museo Diocesano Tridentino, Domenica Primerano, che ha ideato il convegno e coordinato la��organizzazione dello stesso in collaborazione con il direttivo AMEI e con Silvia Mascheroni.
La��interesse suscitato dalla��argomento richiamerA� in cittA� circa 250 partecipanti provenienti da tutta Italia: soci AMEI, esperti di tutela e valorizzazione della��arte sacra, educatori museali, studenti universitari e docenti delle scuole trentine, ai quali la partecipazione al convegno sarA� riconosciuta ai fini della��aggiornamento.

Il Programma del convegno e tutte le altre informazioni relative alla segreteria organizzativa, sono reperibili nelle pagine dedicate dei siti www.amei.biz e www.museodiocesanotridentino.it.

Vedi anche

A Rovereto lo “Zandonai Day” in onore del celebre musicista

Sabato 8 giugno 2019 la Biblioteca Civica di Rovereto propone un matinée in onore di …