Come affrontiamo situazioni difficili?

pubblicato da: Serena - 21 ottobre, 2013 @ 1:21 pm

Nella vita tutte le persone di trovano ad affrontare situazioni difficili che, a seconda di come vengono valutate, generano spesso emozioni negative, tipo tristezza, rabbia o paura, emozioni che le persone gestiscono spesso con difficoltà.

Le persone usano diverse strategie cognitive e comportamentali per sentirsi meglio. Tecnicamente si chiamano strategie di coping, in italiano strategie di fronteggiamento.

Richard Lazarus, importante studioso delle emozioni, negli anni ’80 aveva distinto 2 tipologie di strategie:

  • coping centrato sul problema: consiste nell’affrontare il problema in maniera diretta, sviscerandolo nelle sue componenti e ricercando soluzioni per fronteggiare la crisi; per esempio la persona non reagisce in modo impulsivo ma si ferma a riflettere, si attiva per costruirsi un piano di azione e lo segue con determinazione, ricerca un consulto professionale, ecc.
  • coping centrato sulle emozioni: consiste nel ridurre le proprie emotive negative e l’ansia che ne deriva, senza però agire sugli aspetti determinanti il problema; per esempio la persona ricerca qualcuno con cui sfogarsi, oppure cerca di rivalutare la situazione in termini più positivi, oppure cerca di evitare di pensarci distraendosi in altre attività.

Le strategie di coping rientranti nella prima tipologia, secondo l’autore, sono ritenute più funzionali al benessere perché orientate alla risoluzione della situazione problematica, mentre le strategie rientranti nella seconda categoria sono definite disfunzionali proprio perché non risolvendo alla radice il problema, esso tenderà a ripresentarsi. Studi successivi hanno ampliato l’analisi sulle strategie di coping ma questo lo approfondirò in un articolo successivo.

Dott.ssa Serena Costa

Ti è piaciuto questo articolo? Se si, clicca mi piace alla pagina e, se vuoi rimanere aggiornato su questi argomenti, iscriviti alla newsletter!

Condividi

Lascia un commento