mercoledì , 3 giugno 2020
Home / arte & cultura / ANTONIETTA GIACOMELLI
UNA PROTAGONISTA TRA DUE SECOLI

ANTONIETTA GIACOMELLI
UNA PROTAGONISTA TRA DUE SECOLI

Fonte: Scout sezione Rovereto website GiovedA� 10 dicembre alle ore 20.30 nella sala degli Specchi, Palazzo Rosmini sulla��omonimo corso a Rovereto si terrA� la serata dedicata a a�?Antonietta Giacomelli. 1857 a�� 1949 Una protagonista tra due secolia�?. Interverranno la��assessore Giuliano Vaccai, il direttore della Biblioteca Gianmario Baldi, la storica Chiara Reggiani, i rappresentanti di Agesci e Cngei. Modera la giornalista Patrizia Belli.

Antonietta Giacomelli viene riconosciuta come promotrice e fondatrice del movimento scout a Rovereto.
Nata a Trieste nel 1857 da un imprenditore e patriota risorgimentale e da Maria Rosmini, la donna era cugina del filosofo roveretano.
A 37 anni pubblicA? il suo primo libro che fu apprezzato nel corso degli anni tanto da meritarsi ben sei ristampe. Poco dopo, trasferita a Roma, ne pubblicA? un altro che ebbe ancora maggiore visibilitA�. I suoi scritti venivano letti nei circolo cattolico-liberali sia per la purezza dei sentimenti, ma soprattutto per il loro valore pedagogico e la spinta della��autrice verso la��emancipazione femminile. Sia a Roma che, in seguito a Venezia Antonietta Giacomelli si prodigA? nel fondare associazioni femminili ma anche periodici sempre miranti alla promozione e alla valorizzazione della donna. CriticA? la��educazione impartita nei collegi femminili, tanto che la Chiesa mise alla��indice alcuni suoi scritti.
Condanne che furono piA? espressione del loro tempo che conseguenza di reali colpe della Giacomelli, ugualmente la provarono nella��animo. A distanza di quasi quaranta��anni, anche grazie alla mediazione fa parte dei rosminiani, ottenne la��annullamento dalla messa in Indice e la riedizione dei suoi scritti. Evento eccezionale nella storia dei libri posti alla��Indice.
Nel 1909 la Giacomelli si trasferA� a Rovereto, con una parentesi a Milano durante la prima guerra mondiale dove fece la crocerossina. Al termine del conflitto, la letterata rientrA? nella cittA� della Quercia e fondA? la sezione locale delle Giovani esploratrici italiane e la rivista della stessa unione. Ad Asolo fondA? una��altra sezione scout di matrice cattolica. MorA� nel 1949. Di recente il consiglio comunale di Rovereto ha approvato la proposta di tumulare nel famedio cittadino le spoglie di Antonietta Giacomelli, tributando in questo modo la��alta riconoscenza per una donna che si A? distinta e spesa per la cittA� con intelligenza e lungimiranza.

Per maggiori informazioni:
Tel. 0464/452319
bellipatrizia@comune.rovereto.tn.it

Vedi anche

A Rovereto lo “Zandonai Day” in onore del celebre musicista

Sabato 8 giugno 2019 la Biblioteca Civica di Rovereto propone un matinée in onore di …