giovedì , 18 Luglio 2024

Aspettando il “Festival Quinto Teatro”,
Il festival delle normalità differenti

Locandina - Festival QUinto TeatroIl 14 -15 e 16 novembre, il Primo Festival Quinto Teatro metterà in scena tre diversi spettacoli presso l’Auditorium S. Chiara ed il Teatro Portland.

Il festival, definito anche come il festival delle normalità differenti basa la propria essenza su di un semplice, ma allo stesso tempo, forte prioncipio. Se è vero che l’artista è colui che è capace di trasformare la realtà facendola diventare sogno allora non ci sono dubbi che essere artista è una condizione veramente accessibile a tutti: la persona disabile ha i mezzi per superare i limiti della nostra convenzionalità e per diventare artista.

Gli spettacoli rappresentano alcuni fra gli esperimenti più interessanti nel panorama nazionale di coinvolgimento artistico e professionale di persone disabili. I registi e le compagnie lavorano su circuiti teatrali professionali e presentano spettacoli che hanno la stessa dignità di quelli che troviamo nei cartelloni dei più celebrati teatri tradizionali. Con un’unica variante: gli attori superano veramente le barriere convenzionali, trasformandosi in artisti senza però rinnegare la loro condizione personale.

In teatro c’è una storia recente, che ha però radici lontane, che vede gruppi teatrali, registi, drammaturghi e attori che si confrontano con quelle che definiamo arte del disagio; carcerati, persone con disabilità, tossicodipendenti, nomadi, anziani o adolescenti.
In questo processo nasce una nuova figura di attore, un “attore sociale� che utilizza l’arte del teatro per darsi una voce, raccontare il proprio dramma, che vede in questa “arte� (perché di arte dobbiamo parlare e non di buoni sentimenti) la possibilità di ricostruirsi una sua identità, di rivendicarla, di comunicazione sociale dalla quale è stato escluso.
Nasce un “teatro degli esseri� che si differenzia dal “teatro della rappresentazione� perché il contenuto della loro opera sono loro stessi, sono contenuto e contenitore, con il dramma sociale di cui sono portatori.

Questi artisti “diversi� non intervengono solo a “mettere in forma� la comunicazione, ma costituiscono natura della comunicazione stessa, sostanziandone possibilità e verità. Non c’è contenuto e contenitore perché il più delle volte, l’organicità delle loro presenze, che siano attori disabili, detenuti o altro, è tale che fonde corpo e mente, intenzione e azione, risorse tecniche e contenuti personali.

Lottano contro tutte le esclusioni, non solo per le proprie, perché sono capaci di portarci un altro sguardo, un’altra visione del mondo e ci insegnano che ci sono modi di vivere e di percepire la realtà diversi, altri.

Il teatro si avvicina a questo mondo non con intenti terapeutici, pedagogici, ma per coglierne il mistero che appartiene all’inesplicabilità dell’arte mentre la terapia è costretta a fermarsi su questa soglia. Per questo il teatro, a differenza di altre pratiche terapeutiche o didattiche, lavora per moltiplicare le differenze. Lavora non per renderci tutti uguali, ma per esaltare tutte le differenze, tutte le diversità.

Il teatro come il luogo dove “si rende visibile l’invisibile�, come “luogo della visione� nella globalità delle sue eccezioni: “visione� di ciò che si vede, ma anche profezia (quello che potrebbe essere) e memoria (personale e collettiva).
Il teatro ha la sua ragione se è capace di “rivelare� l’oscuro, il rimosso, o semplicemente svela quello che già è sotto i tuoi occhi ma che, comunemente, non si vede.

A breve, su TrentoBlog la presentazione di ogni songolo spettacolo con i rispettivi riferimenti logistici.

Per maggiori informazioni:
Compagnia Arditodesìo (ex Teatro di Bambs)
c/o Teatri Possibili Trento, C.so 3 Novembre, 72, 38100 Trento
tel. 0461.924470
email festival@quintoteatro.it

Vedi anche

Lagarina Jazz: a Isera l’imperdibile concerto dei “Floors”

Giovedì 20 giugno 2019 si apre il Lagarina Jazz con l’aperitivo in musica e un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *