domenica , 12 luglio 2020
Home / Storia / DUE MODI DIVERSI PER RACCONTARE LA GUERRA
Gallerie di Piedicastello (Trento), 18 maggio 2012

DUE MODI DIVERSI PER RACCONTARE LA GUERRA
Gallerie di Piedicastello (Trento), 18 maggio 2012

In occasione della mostra Ritorno sul Don: la guerra degli italiani in Unione Sovietica 1941-1943, allestita presso le Gallerie di Piedicastello fino al 30 settembre 2012, la Fondazione Museo storico del Trentino ha organizzato un ciclo di presentazioni di alcune novitA� storiografiche sulla campagna di Russia.

Il primo appuntamento si terrA� venerdA� 18 maggio ad ore 18.00 nei due ex tunnel stradali di Piedicastello e riguarderA� la presentazione del volume di Gustavo Corni “Raccontare la guerra: la memoria organizzata”, edito da Bruno Mondadori nel 2012.

Questo libro ripercorre, sulla base di un vasto campione letterario (narrativa, memorialistica, scrittura autobiografica), i modi in cui la campagna di Russia e il suo esito disastroso sono stati narrati, dal 1945 alla metA� degli anni sessanta, nella fase culminante della Guerra fredda, ricostruendone i modelli e i luoghi comuni dominanti. Il volume, inoltre, mette in luce analogie e differenze nella percezione e nelle strategie interpretative di ciascun paese.

Al termine della presentazione del volume, in cui la��autore dialogherA� con lo storico Quinto Antonelli, sarA� possibile effettuare una visita guidata alla mostra Ritorno sul Don.

Alle 21.00 invece, nella suggestiva cornice della galleria nera, alcuni lettori (Sara Bertoldi, Milena Bigatto, Simonetta Giorgetti, Anna Lambertini, Luigino Mongera, Francesca Rocchetti, Fabio Sacco, Lino Tommasini), guidati dalla regia dei Maura Pettorruso, si cimenteranno nel reading: “Ogni volta: ombre nere in tempo di pace“.

Le letture che animeranno lo spettacolo provengono da testi di Simone Cristicchi, Ryszard KapuA�ciA�ski, William Langewiesche, Erich Maria Remarque, Mario Rigoni Stern, Helga Schneider, Gino Strada.

Otto lettori mescolano le loro voci, passando da un conflitto alla��altro e creando una folla che osserva, si indigna, soffre, si stupisce e, soprattutto, non vuole dimenticare.A�Da questo brulicare di piccole voci comuni, alcune storie prendono il sopravvento e diventano portatrici di un pensiero universale, a�?in questi tempi di finta pacea�?.

Informazioni:
Fondazione Museo storico del Trentino
Tel. 0461 17470000
info@museostorico.it a�� www.museostorico.it

Vedi anche

Al Muse appuntamenti per i più piccoli tra pipistrelli e mammiferi

Fino al 4 novembre 2018 al MUSE gli appuntamenti per i più piccoli assolutamete da …