martedì , 28 Maggio 2024

LE BIANCHE BRACCIA DELLA SIGNORA SORGEDAHL
Lars Gustafsson

Tanti racconti in un unico racconto di un docente anziano. Ma perchA? anziano? Ea�� a�?appenaa�? settantenne, per cui al limite si potrebbe dire agA�, ma si sa che si vuole sempre etichettare tutto e tuttia��

Ma forse A? lui che si sente anziano, vecchio, e in una giornata brumosa di un ottobre inglese lascia via libera alla memoria e alle riflessioni sulla sua vita che talvolta gli sembra forse un sogno o la vita di un altro o addirittura una��illusione.

Ea�� cosA� che il nostro professore di filosofia entra ed esce nel suo Tempo passato e presente, rincorre e si abbandona alla sua memoria eidetica, cosA� tipica della��infanzia e spesso della��etA� avanzata. I ricordi della sua vita e specialmente quelli della�� estate del 1954, quando ancora viveva in Svezia, vengono percepiti con la comparsa immediata di immagini mentali nitide in tutte le loro caratteristiche.

Si lascia trasportare, va e ritorna in quella lontana estate , ma entra anche nei ricordi di sua madre che gli raccontava sempre storie magiche o inquietanti su personaggi particolari come la��a�?organaraa�?, una misteriosa fanciulla, che riuscA� a far suonare nuovamente un vecchio organo arrugginito o un prevosto-fantasma che si aggirava nottetempo in un villaggio di campagna.

Continua a leggere sul blog di Mirna Moretti >

Vedi anche

Luigi Siviero presenta le sue poesie in biblioteca a Trento

Martedì 21 maggio ad ore 17:30 nella cornice della Sala degli Affreschi della Biblioteca comunale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *