domenica , 19 Maggio 2024

MICHELANGELO PERGHEM GELMI: nuove opere al museo Diocesano

600La collezione del Museo Diocesano Tridentino A? stata recentemente arricchita dalla donazione di tre dipinti della��artista trentino Michelangelo Perghem Gelmi (1911-1992). Le opere, generosamente offerte al museo dalla famiglia del pittore, saranno presentate al pubblico venerdA� 6 giugno alle ore 17.00 nelle sale del piano terra, dove rimarranno esposte fino a lunedA� 9 giugno.

I visitatori avranno cosA� modo di osservare tre importanti lavori di Michelangelo Perghem Gelmi, nello specifico le tele Golgota e Silenzio, entrambe del 1987 e il dipinto La Provvidenza (o Madonna del pane) del 1983. Con questa donazione al Museo Diocesano gli eredi della��artista hanno voluto far conoscere, per farne patrimonio collettivo, un aspetto assolutamente sconosciuto del pittore: la sua intima ed intensa fede.
La��ingresso alla sala sarA� libero e gratuito per la��intero fine settimana.

Michelangelo Perghem Gelmi (1911-1992)
Note biografiche

Figlio della��ingegner Guglielmo e di Rita Ramponi, Michelangelo Perghem Gelmi nasce ad Innsbruck, da genitori trentini, la��11 dicembre 1911. Nel 1912 la famiglia si trasferisce a Trento dove Perghem vive fino alla fine degli studi superiori. Le sue innate doti artistiche vengono notate e sostenute da Luigi Bonazza, suo insegnante di disegno e di pittura alla��Istituto Tecnico. Nel 1930 si iscrive al Politecnico di Torino, dove si laurea in ingegneria civile nel 1936. Nel 1940 si iscrive alla��Accademia di Belle Arti di Torino sotto la guida di E. Paulucci, dopo aver sostenuto la��esame di ammissione con Felice Casorati. Richiamato alle armi per il conflitto mondiale, nel 1942 la��Aeronautica Militare lo trasferisce in Provenza costringendolo ad interrompere i corsi di pittura presso la��Accademia. Durante il soggiorno francese si dedica alla pittura, ma la��8 settembre 1943 viene catturato e subisce la��internamento da ufficiale nel Lager di Tarnopol.

Nel 1944, nel Lager di Deblin Irena, tiene la sua prima mostra personale. Nel giugno dello stesso anno riesce a rientrare in Italia e vive in clandestinitA� a Torino fino alla fine del conflitto. In questi anni vi A? nella sua pittura il passaggio a grosse pennellate di densi impasti, a�?la sua pittura lascia spazio da un lato alla volumetria del Cezanne e del Picasso cubista e dalla��altro alle corpose pennellate vangoghianea�? (E. Staudacher). Nel 1948 emigra in Argentina nella cittA� di San Juan dove insegna presso la FacoltA� di Ingegneria della a�?Universitad Nacional de Cuyoa�?. Continua a coltivare la passione per la pittura, partecipa a numerose esposizioni personali e collettive aggiudicandosi vari premi. Nel lungo soggiorno argentino le figure, i paesaggi e le architetture si snelliscono e puntano alla��essenziale. Il rientro in Italia avviene nel 1956 e nel 1961 espone alla Mostra Provinciale da��arte figurativa dove presenta con successo a�?Santa TrinitA�a�? riproposto due anni dopo alla Mostra degli Artisti Trentini presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma.

Dal 1971 si dedica completamente alla pittura intraprendendo una��attivitA� espositiva molto intensa: I suoi lavori, caratterizzati da un originale surrealismo, colpiscono favorevolmente il pubblico e la critica. Negli anni seguenti lo troviamo impegnato con le mostre a Cortina, Ferrara, Roma, Saint Tropez e Santa Margherita Ligure. Partecipa a numerose collettive e a premi anche alla��estero.

Allestisce nel 1976 alla galleria a�?Il Castelloa�? di Trento la personale a�?Tante teste, tante ideea�?, una mostra di caricature su persone di fama nazionale, politici e personaggi trentini. Nel 1977 la stessa galleria organizza la mostra a�?Omaggio a Trentoa�? con sessanta opere dedicate alla cittA�. In quella��anno a�?Floreunucus barbudos a�? vince il premio Vittoria Alata alla mostra a�?VIII Primaveraa�? al Palazzo della��Unesco a Parigi.

Alla mostra a�?Perghem 80a�?, marzo 1981, organizzata al Palazzo della Regione di Trento, presenta settanta opere. Della pittura degli anni Ottanta ricordiamo anche la rilettura di figure cardine della storia della��arte come la Gioconda di Leonardo (ina�?Lei ed ioa�?) o a�?Maya desnuda e vestidaa�? di Goya, o ancora un celebre nudo di Modigliani disturbato dalla figura invadente del a�?Collezionistaa�?.

Nel corso degli anni Ottanta la sua cittA� gli dedica tre mostre importanti ispirate ai suoi viaggi in Messico (a�?Mexico 83a�?, 1984), in Cina (a�?La Cina A? vicinaa�?, 1986), in PerA? e Bolivia (a�?Cartoline dalla��impero degli Incasa�?, 1989) ospitate nelle sale della Camera di Commercio dove ca��A? a�?una sorta di minimalismo semantico che ci riporterA� alle ragioni prime della sua pittura, cioA? alla ricerca del senso delle cose, o se si vuole della vitaa�?. (M. Scudiero).

Scompare a Trento la��1 agosto 1992 alla��etA� di 81 anni, mentre il suo quadro a�?Veermer copia Picassoa�?, con altre sue opere, A? esposto a Kempten, cittA� gemellata con Trento.

Nel 1995 viene donata dalla famiglia una parte importante dei disegni e progetti della sua altrettanto intensa vita professionale di ingegnere: si apre cosA� il a�?Fondo Michelangelo Perghem Gelmia�? presso il Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto a�� MART.

Nel 2003, a Palazzo Trentini a Trento, la Provincia Autonoma di Trento gli dedica la prima mostra antologica.

Nel 2010 il Fondo al MART si amplia con una nuova donazione con altri materiali sulla sua attivitA� professionale e con moltissimi materiali di grafica ed arti applicate. Sono studi per ceramiche e tessuti, i bozzetti di manifesti pubblicitari, ed i 127 disegni originali del libro a�?Da Cannes a Tarnopola�?. Nel 2012 il MART gli dedica una��esposizione con i materiali della donazione ed una selezione di opere pittoriche inerenti il tema del paesaggio naturale, urbano e della��atelier da��artista.

Di lui hanno scritto Guido Polo, Enrico Paulucci, Luigi Serravalli, Gian Pacher, Mario Ulivi, Diego Gadler, Franco de Battaglia, Elisabetta Staudacher, Maurizio Scudiero, Antonio Sorgente, Gabriele Lorenzoni.

Vedi anche

“I Romani nelle Alpi”: incontro con la docente Elvira Migliaro

Mercoledì 29 maggio, alle ore 17.00, allo Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas, in piazza Cesare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *