Perché raccontare bugie?

pubblicato da: Serena - 16 febbraio, 2013 @ 4:02 pm

Capita a volte di sentire genitori preoccupati perché un proprio figlio sembra avere appreso quella “brutta abitudine” di raccontare bugie. E questo accade a partire dai bambini piccoli ai ragazzi nel bel mezzo dell’adolescenza.

Ma perché i bambini raccontano le bugie, cioè affermazioni intenzionalmente false? Quando sentiamo affermazioni del tipo: “Non sono stato io!”, “E’ stato lui”, nonostante noi li abbiamo presi con le mani nel sacco, può essere che quei bambini abbiano paura delle conseguenze delle proprie azioni e, temano quindi, di perdere l’approvazione dell’adulto. Oppure quando ci raccontano storie piuttosto inverosimili spacciandole assolutamente per vere, siamo probabilmente di fronte a bambini in età prescolare che non hanno ancora ben distinto la realtà dalla fantasia. I bambini un pò più grandicelli possono raccontare bugie anche perché, ad esempio, vogliono difendere qualcuno. E gli adolescenti che, invece, rispondono negativamente alle domande curiose degli adulti o eludono le risposte raccontando versioni alternative della realtà, tendono a raccontare bugie perché hanno sempre più l’esigenza di tutelare un proprio spazio privato in cui i genitori non ci possano entrare.

Ma gli adulti? Gli stessi genitori che si lamentano di questo sono immuni dalle bugie? Sappiamo bene che è proprio dagli adulti che i bambini apprendono l’arte della menzogna. Provate a pensare a quando i bambini scoprono che Babbo Natale e Santa Lucia non esistono! Che cos’è questa se non una vera e propria bugia collettiva creata ad hoc dai propri genitori e sostenuta da tutti i familiari? Oppure gli adulti raccontano “bugie a fin di bene” per proteggere i destinatari dal dolore di una realtà raccontata in tutta la sua verità.

Le bugie, quindi, vengono raccontate in tutte le età e di per sé, nella maggior parte dei casi, non hanno un carattere poi così negativo. I bambini vanno, quindi, non colpevolizzati per aver raccontato qualche frottola ma aiutati a comprenderne i meccanismi sottesi.  Le bugie possono diventare, però, negative quando diventano l’unica strategia utilizzata nel rapporto con gli altri oppure vengono utilizzate per nuocere a qualcuno. In questi casi è realmente opportuno intervenire.

Dott.ssa Serena Costa

Condividi

Lascia un commento