venerdì , 23 agosto 2019
Home / arte & cultura / Signora fotograf(i)a: a Palazzo Roccabruna la sezione trentina

Signora fotograf(i)a: a Palazzo Roccabruna la sezione trentina

Sarà inaugurata a Trento il prossimo venerdì 24 maggio 2019 alle 17.30, nella prestigiosa cornice di Palazzo Roccabruna, la sezione trentina della mostra euregionale “Signora fotograf(i)a”, e resterà aperta fino al 27 luglio 2019 con orario: martedì e mercoledì dalle 10.00 alle 17.00 e giovedì e venerdì 10-20, sab 17-20.

In particolare, l’iniziativa “Signora fotograf(i)a” si sviluppa in cinque città dell’Euregio con i relativi archibi fotografici: Lienz, Innsbruck, Brunico e Bolzano (18 maggio – 30 giugno 2019), trovando completamento a Trento (24 maggio – 27 luglio 2019), a Palazzo Roccabruna appunto, con l’obiettivo di valorizzare la fotografia storica in quanto specchio di trasformazioni culturali e tecniche e parte integrante del patrimonio culturale.

Stili di vita per la sezione trentina, che sarà inaugurata il prossimo venerdì 24 maggio, alle ore 17.30, con il coordinamento locale della Soprintendenza per i beni culturali e il sostegno del Servizio attività culturali. Grazie alla collaborazione della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Trento, sarà la prestigiosa cornice di Palazzo Roccabruna ad accogliere il percorso tra le espressioni fotografiche di ciò che oggi chiamiamo “tempo libero”, in relazione con le nuove libertà, reali e/o illusorie, sperimentate dalle donne nel corso di una storia che coinvolge il corpo e il mutevole concetto del pudore.

Speciale attenzione sarà dedicata a quel peculiare dispositivo di autorappresentazione e conservazione della memoria che è l’album fotografico. Alle immagini si aggiungerà un montaggio video dedicato alle donne nei filmati storici dei F.lli Pedrotti, che dalla fine degli anni Venti si distinsero nei campi della musica, dell’alpinismo, della fotografia e del cinema di montagna; l’elaborazione, a cura di Format – Centro audiovisivi per l’Ufficio stampa della Provincia autonoma di Trento, si segnala tra l’altro per le rare immagini di sciatrici su pendii ancora privi di impianti di risalita.

Ai primi 10 visitatori che completeranno la visita di tutte le sedi della mostra, l’APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi offrirà gratuitamente il museum pass e l’occasione di approfondire la conoscenza delle attrazioni culturali trentine (Info: Ufficio turistico di Trento, p.za Dante 24, Tel. 0461.216000, info@discovertrento.it).

Nell’occasione, Palazzo Roccabruna ospiterà anche un calendario di iniziative collaterali, con proposte laboratoriali a cura dell’Ufficio per il sistema bibliotecario trentino PAT e la presentazione del volume miscellaneo in cui sono approfonditi i temi dell’esposizione.

Vedi anche

Al Muse le monumentali sculture animali di Jürgen Lingl-Rebetez

Al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, fino al 12 gennaio 2020 sarà possibile …