venerdì , 14 dicembre 2018
Home / Eventi / Dragon Boat: in estate il campionato trentino UISP

Dragon Boat: in estate il campionato trentino UISP

Si parte il 9 giugno a San Cristoforo, sul Lago di Caldonazzo, e si chiude l’8 settembre a Borgo Valsugana sul fiume Brenta.

Dragon Boat, lo sport che trasmette emozioni.

E’ stata presentata nei giorni scorsi l’11^ edizione del campionato trentino UISP di Dragon Boat che si compone di 8 tappe che coinvolgeranno 5 laghi e un fiume. Si parte il 9 giugno a San Cristoforo, sul Lago di Caldonazzo, e si chiude l’8 settembre a Borgo Valsugana sul fiume Brenta.
“Lo sport è fondamentale – ha detto l’assessora provinciale Sara Ferrari, intervenuta alla presentazione – per lo sviluppo di valori basilari, come lo spirito di gruppo e la solidarietà, nonché la tolleranza e la correttezza delle azioni. Principi indispensabili per favorire un arricchimento della nostra vita quotidiana e un miglioramento dell’equilibrio fra corpo e psiche.

L’imbarcazione utilizzata in questo sport è il simbolo della socializzazione e della squadra perché “tutti sono nella stessa barca” ed è meravigliosa l’aggregazione e la sinergia che si crea tra persone di tutte le età e di entrambi i generi. Per questo il Dragon Boat è una disciplina che si presta perfettamente a valorizzare le abilità sportive femminili e maschili, il territorio e le attività socioculturali”.

Le origini di questa disciplina sportiva risalgono ad oltre 2000 anni fa quando, narra la leggenda, il poeta e statista cinese Qu Yuan si gettò nel fiume Mi-Lo con un atto disperato per protestare contro le vessazioni cui veniva sottoposto il suo popolo dal Governo di allora.

I pescatori, saputa la notizia, si lanciarono con grandi barche alla ricerca del corpo di Qu Yuan sbattendo con forza le acque con i remi per allontanare i pesci. Da allora è nata una tradizione che ricorda quel giorno, celebrato in tutto l’Oriente, il quinto giorno della quinta luna con il Dragon Boat Festival.

Oggi il Dragon Boat è una disciplina sportiva diffusa in tutto il mondo, che prevede gare su imbarcazioni lunghe 12,66 metri e larghe 1,06 metri con la testa e la coda a forma di dragone. Sull’imbarcazione trovano posto 22 atleti: il tamburino – a prua – che scandisce il tempo, il timoniere – a poppa. Le gare, che inizialmente si svolgevano sulla distanza di 700 yarde (640 metri), oggi si svolgono sulle distanze classiche dei 250-500-1000 metri.

Le gare di fondo, che sono state disputate per la prima volta agli Europei ‘98, si svolgono sulla distanza di 2000 metri.

Vedi anche

L’università di Trento promuove l’eliminazione della violenza contro le donne

Numerose le iniziative organizzate e sostenute dall’Ateneo in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della …