mercoledì , 17 ottobre 2018
Home / arte & cultura / “Disarmati di fronte alla morte: gli sguardi del cinema”

“Disarmati di fronte alla morte: gli sguardi del cinema”

Martedì 12 giugno alle 18.00, presso l’Officina dell’Autonomia in via Zanella 1/A a Trento, proseguono gli incontri organizzati a margine dalla mostra “LaBoriosa morte”.

Un dialogo tra Gianluigi Bozza e Massimo Libardi parlando di guerra di morte e di cinema, questo solo una delle tante serate sul tema promosse dalla Fondazione Museo storico del Trentino e dal Comune di Brentonico. Assieme a Gianluigi Bozza e Massimo Libardi si ragionerà attorno al tema “Disarmati di fronte alla morte: gli sguardi del cinema”.

La morte come evento individuale che avviene in uno spazio “storico” e sociale e, quindi, collettivo e che riguarda in prima istanza i corpi; la guerra, ma anche le sue infinite ombre dagli esiti distruttivi: questi gli argomenti principali su cui si focalizzerà invece il prossimo incontro, quello di martedì 17 giugno. La riflessione sarà accompagnata dalla visione di alcuni spezzoni di film particolarmente significativi in cui è evidente l’azione oscena esercita dalla guerra nei confronti dei corpi.

Protagonisti dell’incontro saranno Massimo Libardi, responsabile del Sistema Culturale Valsugana Orientale e del Servizio Cultura del Comune di Borgo Valsugana, tra i fondatori del Centro studi per la filosofia mitteleuropea e membro del Centro studi sulla storia dell’Europa orientale, e Gianluigi Bozza, giornalista, organizzatore culturale, critico cinematografico e autore di numerosi saggi riguardanti il cinema, la fotografia e la pubblicità.

 

Vedi anche

MUSEO DIOCESANO TRENTINO, Corso in 3D applicato ai beni culturali

Corso di rilievo 3D applicato ai beni culturali, il primo incontro è fissato per sabato …