giovedì , 25 Febbraio 2021

30 SETTEMBRE: FUORI DAI LABORATORI, DENTRO LA CITTA� CON a�?La ricerca va in cittA�a�?

Ultimi giorni per prenotarsi online per le cene tematiche, i trekking urbani e lo spettacolo finale. Tutti dettagli sul sito www.unitn.it/laricercavaincitta

600-la-ricerca-va-in-citta

Domani dalle 16 nel centro storico di Trento va in scena a�?La ricerca va in cittA�a�?. Oltre 80 ricercatori e ricercatrici di UniversitA� di Trento, Fondazione Bruno Kessler, Fondazione Edmund Mach e MUSE-Museo delle Scienze pronti a incontrare i cittadini per parlare di scienza.
Trento, 29 settembre 2016 a�� Ultimi preparativi per domani, quando dalle 16 andrA� in scena nel centro storico di Trento a�?La ricerca va in cittA�a�?. Una manifestazione a tutta scienza che, fuori dai laboratori, interesserA� i luoghi consueti della vita quotidiana in contemporanea con la a�?Notte dei Ricercatoria�? europea. Bar, negozi, ristoranti e vie ospiteranno per una sera approfondimenti sulla ricerca scientifica che si puA? vedere, esplorare e in qualche caso anche toccare con mano. Tante le proposte in programma: 24 tra caffA? e aperitivi scientifici, 12 sedi coinvolte, 10 incontri con le scuole, 6 cene a tema, 5 incontri nei negozi, 5 appuntamenti di trekking urbano, una tavola rotonda di apertura e un grande spettacolo finale. E giA� fioccano sul sito le prenotazioni per le attivitA� a posti limitati.
A riscuotere interesse sono soprattutto le cene con i ricercatori e le ricercatrici che si terranno alle 19.30 in tre ristoranti – Moki Bistrot (via Malpaga), Bar Ristorante Fiorentina (via Calepina) e La Corte (via degli Orbi) a�� per parlare di autismo, cittA� a�?intelligentia�? e biodiversitA�. Gli ultimi posti disponibili per le cene (menA? fisso, al costo di 15 euro) sono prenotabili online sul sito www.unitn.it/laricercavaincitta
Ca��A? ancora tempo per prenotarsi anche per i Trekking urbani, le passeggiate a tema scientifico che partiranno da Piazza Duomo, accanto alla fontana del Nettuno alle 17. Il primo, alle 17, attraverso un percorso che segue il corso del Rio SalA?, racconterA� dei progetti vincitori del concorso indetto dal Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica con la collaborazione del Comune di Trento. Sempre alle 17, a piedi e in funivia, si scopriranno le interazioni tra vegetazione e cambiamenti climatici fino a Sardagna. Alle 18 lungo il Fersina, in bicicletta, si andrA� a caccia delle specie di insetti invasive, mentre alle 18.30 protagonista sarA� la fastidiosa zanzara tigre, con un trekking dedicato a scoprirne i nascondigli e le trappole. Quattro appuntamenti (18.15, 19, 19.45, 20.30), infine, per scoprire la domotica con una visita alla struttura della��ITEA A�di Piazza Garzetti. Per partecipare al trekking gratuito A? necessario prenotarsi online su www.unitn.it/laricercavaincitta. Alcuni trekking dureranno circa mezza��ora, altri due ore. In caso di pioggia si terrA� solo la visita alla struttura della��ITEA in piazza Garzetti.
Prenotazioni aperte anche per lo spettacolo teatrale a�?Vite sintetichea�? della Compagnia Teatrincorso a�� Spazio 14 di Trento. Nello spettacolo, realizzato con la consulenza scientifica del Muse, la comicitA� involontaria del quotidiano incontrerA� le grandi domande che la��innovazione biologica ci presenta: la preoccupazione per il destino della��umanitA� apre scenari coinvolgenti a partire da una cucina casalinga e dalle vicende di una comune famiglia alle prese con figli, lavoro, tempo che passa ea�� un misterioso dinosauro. La partecipazione A? gratuita, ma A? necessario prenotarsi online sempre sul sito www.unitn.it/laricercavaincitta
Tutti gli altri eventi saranno a partecipazione libera. La giornata vuole essere anche un momento di riflessione sulla��importanza della ricerca e sulla necessitA� di investire nei giovani per garantire lo sviluppo della conoscenza. Ecco perchA� alle 16 si inizierA� con la tavola rotonda a�?La ricerca si fa giovanea�?, che darA� inizio a tutte le attivitA� nel Palazzo della Provincia in Piazza Dante (Sala Belli). A intervenire saranno Andrea Simoni segretario generale della Fondazione Bruno Kessler, Andrea SegrA?, presidente della Fondazione Mach, Marco Andreatta, presidente del MUSE-Museo delle Scienze, Flavio Deflorian, vice rettore della��UniversitA� di Trento e Sara Ferrari, assessora all’universitA� e ricerca.
a�?La ricerca va in cittA�a�? sarA� animata anche da 24 caffA? e aperitivi scientifici, che a partire dalle 17 e per tutta la serata si terranno in sei bar del centro storico: Line Bar e Bar Duomo (via Verdi), Bar Tridente (piazza Duomo), Bar Aquila Da��Oro e CaffA? Olimpia (via Belenzani), Bar Pasi (piazza Pasi). Tanti i temi al centro del dibattito: dai temi che riguardano informatica e sicurezza (telerilevamento, privacy negli smartphone, informatica nelle economie emergenti, sistemi frenanti, etichette alimentari), a quelli che indagano la natura o la salute umana (cervello, gusto e preferenze alimentari, sensi negli ipovedenti, diversitA� individuale e sociale), le relazioni sociali (occupazione dei giovani, transizione dalla scuola alla��universitA�, crimine e pregiudizi, tecniche di coinvolgimento attraverso il gioco), le dinamiche economiche (evasione fiscale, ruolo delle banche, consumo delle risorse, zero spreco di cibo) o la conoscenza e la tutela della��ambiente (frane, insetti, microbi nelle acque termali, storia del carbone, tecnoecosistemi). Previsto anche un focus sulla��Europa delle regioni e su quella delle opportunitA�.
NovitA� di questa��anno, la possibilitA� di trovare la ricerca anche in luoghi davvero inconsueti. Con la��iniziativa a�?La ricerca dove non ti aspettia�? dalle 17 e fino a chiusura sarA� caccia alla scienza in tre negozi del centro storico: alla Farmacia Gallo (piazza Erbe), da Wind Atena Srl (piazza Duomo) e al Conad (via Torre Verde/Vicolo della��Adige).
Ai ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado sono invece dedicati alcuni incontri durante la mattinata di domani. In anteprima, dalle 10 nella Sala conferenze della Fondazione Caritro (via Calepina 1), i ricercatori delle quattro istituzioni si alterneranno fra loro in rapidi flash talk per presentare ai ragazzi delle pillole della loro attivitA� di ricerca. Tra i temi trattati le estinzioni di massa e i cambiamenti climatici del passato e attuali, il glacialismo e la disoccupazione giovanile.
La��impegno delle istituzioni di ricerca
Sono ben 80 le ricercatrici e i ricercatori coinvolti dalle quattro istituzioni promotrici: UniversitA� di Trento, Fondazione Bruno Kessler, Fondazione Edmund Mach e MUSE-Museo delle Scienze. La��iniziativa A? nata in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento e con il patrocinio del Comune di Trento. Responsabili scientifici di questa edizione sono Emanuele Eccel (FEM), Valeria Lencioni (MUSE), Alessandro Quattrone (UniTrento) e Adolfo Villafiorita (FBK).

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …