martedì , 11 dicembre 2018
Home / evidenza / DE SICA: “CinecittA�” il 16, 17, 18 gennaio all’auditorium S.Chiara

DE SICA: “CinecittA�” il 16, 17, 18 gennaio all’auditorium S.Chiara

Ritorna, a grande richiesta, il Musical nella programmazione del Centro Servizi Culturali Santa Chiara. VenerdA� 16, sabato 17 e domenica 18 gennaio sarA� in scena al Teatro Auditorium di Trento A�CINECITTA�A� con Christian De Sica.

600-christian-de-sica-cinecittA�

VenerdA� e domenica lo spettacolo avrA� inizio alle 20,30 mentre sabato il sipario si alzerA� alle 21,00.

A� A� A� A� A� A� A�Altro che cinepanettoni!A� PuA? bastare il commento con il quale Rita Cirio chiude la sua recensione su La��Espresso per dirci che in A�CINECITTA�A�, in calendario per tre sere a Trento al Teatro Auditorium, Christian De Sica riesce a portare in scena il meglio di sA� e ad esprimersi ben oltre il livello delle interpretazioni che hanno regalato il successo commerciale a molti suoi film.

Attore, ma anche autore, sceneggiatore eA� regista, De Sica ama definirsi cosA�: A�Sono un saltimbanco, mi sento un attore, uno showman, un commediante. Uno che canta, recita, balla. Quando si fa questo mestiere, si dovrebbe saper fare tutto.A� Chi dunque meglio di lui per raccontare il mondo fantastico di CinecittA�?

Il rapporto fra CinecittA� e Christian De Sica A?, infatti, profondo giA� da prima della sua nascita grazie al padre Vittorio e alla madre Maria Mercader. Christian cresce a CinecittA� prima da adolescente accompagnando il padre, poi con i primi piccoli ruoli per approdare infine agli Studi da attore affermato. Christian ha dunque attraversato in maniera trasversale la CittA� del Cinema: da bambino ha visto girare per casa i mostri sacri del nostro cinema prima e quelli della��epopea dei kolossal di Hollywood sul Tevere poi. Ea�� cresciuto con Rossellini e i suoi figli e ha sposato la sorella di Carlo Verdone. Nella sua vita professionale ha partecipato a decine di film da protagonista, raccogliendo, nella quasi totalitA�, grande successo.

Lo spettacolo, affidato alla regia di Giampiero Solari, ripercorre in modo elegante e sorprendente un secolo di storia del cinema scritta da artisti geniali, ma costruita anche sul lavoro di migliaia di comparse, di eccellenti maestranze. Una favola che alterna irresistibili racconti di vita vissuta, monologhi poetici sulle figure nascoste che rimangono sempre dietro le quinte, divertenti gag sui provini, sugli attori smemorati, sul doppiaggio improvvisato. Non mancano musiche indimenticabili e canzoni evergreen che fanno ormai parte del nostro quotidiano, enfatizzate dalle abili doti di crooner di Christian De Sica. Una storia che appartiene alla cultura italiana, ma che ha ispirato tutto il cinemaA� internazionale.

In A�CINECITTA�A� Christian De Sica, che A? anche autore dei testi assieme a Giampiero Solari, Riccardo Cassini e Marco Mattolini, A? affiancato in palcoscenico da Ernesta Argira, Daniele Antonini e Alessio Schiavo. Le musiche dal vivo sono eseguite dall’orchestra diretta dal maestro Marco Tiso con Riccardo Biseo al pianoforte. Le coreografie originali, create da Franco Miseria, sono affidate all’esecuzione di un corpo di ballo composto da Roberto Carrozzino, Roberto Da��Urso, Deborah Esposito, Dalila Frassanito, Veronica Lepri e Tommaso Petrolo. Il disegno delle luci A? di Marcello Iazzetti, la regia video di Cristina Redini. Patrizia Bocconi ha ideato le scenografie e Ester Marcovecchio i costumi.

A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A� Il successo di A�CINECITTA�A�, che nel corso del 2014 A? stata rappresentato in alcuni dei maggiori teatri italiani, ha ottenuto probanti conferme da parte di critici teatrali piA? accreditati. A�Christian De Sica a�� scrive Aldo Grasso sul ‘Corriere della Sera’ a��A� sa far rivivere il mondo dello spettacolo come pochi. Non solo: i suoi racconti sulle dissipatezze del padre, sul famoso quadro di Francis Bacon rivenduto per poco (rispetto agli attuali valori di mercato), ma con la��aggiunta di un fiorellino da parte del giovane Christian, su Alberto Sordi sono puro cinema. E poi canta bene e, dote molto rara, sa tenere la scena come pochi.A� Per Rodolfo di Gianmarco di ‘Repubblica’ Christian De Sica A�ha la��innegabile e avvincente qualitA� del crooner che sa��applica non solo a stili musicali da��epoca, ma anche a repertori umani e artistici di vite vissute e da dire, da reinterpretare su un palcoscenico con benevolenza famelica e appassionataA� mentre per Masolino Da��Amico (La Stampa) A�IlA� suo dono principale del performer, una simpatia e una grazia innate gli consentono di mantenersi, sempre, giocoso e quindi leggero. Christian canta alla Sinatra e balla coadiuvato da una eccellente orchestra sul palco e da un valido balletto. Due ore piacevoli e gradimento alle stelle.A� Uno spettacolo che a�� come scrive Emilia Costantini sul ‘Corriere della Sera’ a�� A�A? un amarcord in grande stile che non lesina lustrini, paillettes e piume di struzzo, canzoni e balletti, aneddoti e ricordi, governati con disinvolta padronanza mattatoriale da De Sica, che si conferma showman di rango.A�

VenerdA� 16 gennaio il sipario del Teatro Auditorium si alzerA� alle 20,30. Sono previste repliche sabato 17 (ore 21.00) e domenica 18 (ore 20,30).

Vedi anche

L’università di Trento promuove l’eliminazione della violenza contro le donne

Numerose le iniziative organizzate e sostenute dall’Ateneo in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della …