mercoledì , 28 Febbraio 2024

DIALOGARE ATTRAVERSO L’ARCHITETTURA: A Magazzino X si parla di Quartiere San Martino ed Architettura del riutilizzo

magazzinox_1Questa sera, venerdA� 20novembre, a Magazzino X, in Via Torre d’Augusto a Trento, si parlerA� di architettura, con particolare attenzione al quartiere San Martino, ricco di spunti dal punto di vista architettonico, ma anche sociale e culturale.

A partire dalle 20.30, gli architetti Flavio Palermo e Michele Roccabruna, con il geometra Francesco Lorenzi, professionisti che vivono e operano all’interno del quartiere, ci racconteranno il Quartiere San Martino da un diverso punto di vista, differente dall’immagine data dai media. Spesso infatti si A? letto che San Martino rappresenta una zona di degrado, disordine sociale, delinquenza e carenza di punti di aggregazione culturale e artistica. Nel corso della serata verrA� fornita un’immagine di san Martino totalmente diversa. Si partirA� dal ruolo che il borgo ha avuto in passato, per poi raccontare ciA? che rappresenta oggi e che cosa potrebbe essere domani. Sono numerose le persone che credono nelle potenzialitA� di san Martino (come il gruppo 090909) ed emblematica A? l’esperienza di Magazzino X. Se per alcuni San Martino A? simbolo di degrado sociale, molti pensano che il borgo sia dotato di risorse speciali, date anche dalla convivenza multirazziale, oltre che dall’impegno di tutti quelli che ci vivono e lavorano. Ne scaturisce quindi un bisogno di riqualificazione del quartiere, un bisogno di spazi volti all’aggregazione sociale e alla creazione artistica.

Magazzino X rappresenta oggi una piccola risposta a questi bisogni, uno spazio, un’occasione di partecipazione e di scambio di idee. Il progetto di 090909 non A? altro che un intervento in prima persona, che segue il concetto del risparmio e del riutilizzo. L’allestimento del magazzino nasce proprio dalla necessitA� di riutilizzare oggetti e materiali di facile reperibilitA�. Non si parlerA� quindi di design o di nuova tendenza del arredamento, sarebbe fuori luogo, perchA� A? chiaro che non si sta inventando niente, ma si prova solo a concretizzare idee, offrendo professionalitA� e risparmiando il piA? possibile sulla voce a�?materiale utilizzatoa�?.

E cosa puA? fare l’architettura in questo contesto, senza perdersi in sterili discussioni sui piani regolatori o spingersi in ipotetici interventi di riqualificazioni territoriali? Si deve partire dal piccolo, dalla piccola realtA� di un borgo come San Martino, da un ex magazzino dei giocattoli; saper rendere flessibile uno spazio alla luce della consapevolezza che l’architettura non deve autocelebrarsi ma deve offrire la migliore location possibile per favorire quelle relazioni personali o sociali.

La cultura offre il linguaggio migliore per ricercare queste relazioni sociali, perchA� attraverso una qualsiasi forma di arte, un messaggio di riflessione, di denuncia piuttosto che di sensibilizzazione o di contaminazione multirazziale si amplifica, scuote, arriva piA? facilmente a destinazione.
Con l’esperienza di Magazzino X, si vuole lanciare una proposta: lo spazio tematico, uno spazio in divenire, che cambia continuamente pelle, allestito in maniera e gusto diverso a seconda di un tema; continuativa contaminazione multiculturale e multirazziale, per recuperare sia la memoria storica della cittA�, sia il senso dell’ospitalitA�.

Nel corso della serata verrA� proiettato un video, girato nelle ultime settimane proprio nel quartiere San Martino, dell’artista palermitano Fabrizio Contino Gravantes, e sarA� inoltre possibile visitare il Magazzino, con le sue mostre e installazioni.

Per maggiori informazioni:
www.spazio14.it
liveactts14@gmail.com
0461 261958
346 6049354

Vedi anche

Al Muse appuntamenti per i più piccoli tra pipistrelli e mammiferi

Fino al 4 novembre 2018 al MUSE gli appuntamenti per i più piccoli assolutamete da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *