venerdì , 25 settembre 2020
Home / Bolzano / DUE GRANDI a�?STABAT MATER”
per la Settimana Santa

DUE GRANDI a�?STABAT MATER”
per la Settimana Santa

Stabat-1

Due grandi A�Stabat MaterA� italiani, l’uno di fronte all’altro, quello di Giovanni Battista Pergolesi e quello di Antonio Vivaldi, sono un duplice momento di forte spiritualitA� nella settimana che precede la Pasqua.

A proporli martedA� 26 marzo a Bolzano (Auditorium, ore 20.00) e mercoledA� 27 marzo a Trento (Auditorium, ore 20.30), sul podio dell’Orchestra Haydn, sarA� il MA� Umberto Benedetti Michelangeli, con le voci soliste della soprano Laura Nicorescu e della mezzosoprano Adriana Di Paola (quest’ultima in sostituzione della��indisposta Loriana Castellano).

A�Li ho entrambi giA� eseguiti in diverse occasioniA� a�� dichiara Umberto Benedetti Michelangeli nella nota di presentazione al concerto – . A�Siamo di fronte a brani di enorme valore.

Anni fa ho tentato di abbinarli, d’accordo con il direttore artistico di un teatro non italiano. Abbiamo verificato che questa operazione risultava felice ed efficace. Dell’opera di Pergolesi c’A? poco da dire, salvo riconfermare la sua grande valenza.

Ma la statura dello Stabat Mater di Vivaldi A? sorprendente. E la decisione di allora di abbinarli A? stata molto fortunata. Siamo su versanti poetici molto vicini. In questi due brani troviamo il tripudio della teoria degli affetti. L’intensitA� di questa opera vivaldiana A? strepitosa e ha una carica emotiva e di intensitA� psicologica che lascia senza fiatoA�.

Iniziato nel 1734 e ultimato due anni piA? tardi durante gli ultimi mesi di vita, lo Stabat Mater di Giovanni Battista Pergolesi A? lo struggente testamento spirituale di un compositore di talento, ucciso dalla tisi a soli ventisei anni. Poco piA? di vent’anni prima, nel 1712, Antonio Vivaldi si cimentava sul medesimo testo traendone una partitura che doveva essere eseguita come parte della Festa dei Sette Dolori di Maria Vergine a Brescia.

Questo inno A? una delle composizioni sacre piA? note di Vivaldi, realizzata su commissione della Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri. Dopo la prima esecuzione, il lavoro vivaldiano cadde nell’oblio e fu ripresentato al pubblico solo nel 1939.

Info biglietti

info: www.haydn.it

Bolzano, tel. 0471.053800
Trento, tel. 0461.213811

Vedi anche

Al Muse appuntamenti per i più piccoli tra pipistrelli e mammiferi

Fino al 4 novembre 2018 al MUSE gli appuntamenti per i più piccoli assolutamete da …