giovedì , 18 Luglio 2024

ELEZIONI ED ENERGIA
Di Giovanni Straffelini

Giovanni StraffeliniIn maggio, in molti comuni del Trentino avranno luogo le elezioni amministrative e da qualche tempo le diverse liste stanno presentando i loro programmi elettorali. Alcuni programmi prevedono progetti di sviluppo delle energie rinnovabili, con la��obiettivo di contribuire a fronteggiare la sfida energetica e ambientale che abbiamo davanti e che riguarda tutti noi.

Le fonti di energia rinnovabile, come noto, si pongono in alternativa alle fonti fossili, come il petrolio e il metano, che sono relativamente inquinanti e in via di esaurimento. Naturalmente la��impostazione di una politica energetica A? compito precipuo del governo nazionale, a causa delle delicate scelte strategiche e degli ingenti costi di investimento necessari. Cosa possono quindi fare gli enti locali in concreto?

In questo periodo di ristrettezze economiche A? difficile pensare che i comuni possano a�� nel breve periodo a�� destinare ingenti risorse economiche per investimenti nel settore della��energia, compreso quello delle fonti rinnovabili. Quante amministrazioni locali se la sentono, ad esempio, di imitare Carano, che nel 2007 ha affrontato il notevole investimento di 3,2 milioni di Euro a�� cosA� dicono le cronache a�� per realizzare un impianto fotovoltaico dalla potenza di 500 kilowatt? O affrontare investimenti ancora maggiori per disporre di potenze piA? elevate? (continua a leggere sul blog di Giovanni Straffelini).

Vedi anche

Comune, UniversitA� e Ordini professionali: approvato il protocollo per la revisione del Prg

La Giunta comunale ha approvato lo schema di protocollo d'intesa per l'accompagnamento nel percorso di revisione del piano regolatore generale fra Comune, UniversitA� degli studi di Trento e ordini professionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *