lunedì , 19 Aprile 2021

GIORNALISMO INVESTIGATIVO: guarda i trailer dei vincitori del Premio Roberto Morrione

La palma alla videoinchiesta “Le catene della distribuzione” e al webdoc “Le altre case di Bologna”

600-premio-morrione

Sono due le inchieste vincitrici della quinta edizione del Premio Roberto Morrione per il giornalismo investigativo dedicato ai giovani giornalisti under 31. I vincitori sono stati premiati dalla giuria, presieduta da Giuseppe Giulietti, durante la serata tenutasi a Palazzo delle Albere a Trento.

Nella sezione video inchieste il premio va a “Le catene della distribuzione” di Leonardo Filippi, Maurizio Franco e Maria Panariello per aver efficacemente messo in luce la complessa serie di relazioni attive tra il mondo della produzione agricola-alimentare e la vendita al dettaglio; per aver illustrato con espressivitA� narrativa il perverso gioco di ruolo tra i grandi marchi della distribuzione e i piccoli e medi produttori. Un’inchiesta che contribuisce ad accendere una luce, pur lieve, sulle insidie che si nascondono dietro le colorate e suggestive offerte dei supermercati e quindi sulla filiera che – in virtA? di una catena di patti leonini – conduce fino allo sfruttamento schiavistico del lavoro nei campi.

Nella sezione webdoc il primo premio va a “Le altre case di Bologna” di Sara Del Dot, Stefania Pianu e Sara Stradiotti per aver ricostruito e documentato, con straordinaria ampiezza di prospettiva e ricchezza dei materiali raccolti, il problema della mancanza di alloggi popolari a Bologna. La pluralitA� delle voci e delle opinioni raccolte, la capillaritA� dell’indagine sul territorio si uniscono – nel ricorso alle tecniche espressive del web – alla sensibilitA� giornalistica applicata nell’illustrazione del delicato tema dei senza-casa; e dimostrano quanto sia utile e necessario realizzare inchieste di carattere sociale anche in realtA� solitamente percepite dall’opinione pubblica come prive di significative criticitA� legate alla diseguaglianza economica e alla giustizia sociale.

Il giornalismo d’inchiesta ha ancora un futuro. Questo il messaggio lanciato ieri sera al palazzo delle Albere dal premio Morrione (a cui si A? aggiunto quest’anno il premio Baffo Rosso), per la prima volta ospitato a Trento. Presenti alla cerimonia di premiazione anche l’assessora provinciale alle politiche giovanili e universitA� e ricerca e il rettore dell’ateneo trentino Paolo Collini. Tanti anche i volti noti del giornalismo italiano, ma soprattutto i volti giovani, visto che il premio si rivolge a reporter sotto i 31 anni, che vengono accompagnati in tutte le fasi della realizzazione di un’inchiesta giornalistica. Su temi che, ovviamente, non possono non essere delicati, difficili.

I quattro progetti finalisti hanno ricevuto alla��avvio delle inchieste un contributo di 4.000 euro utilizzato nello sviluppo e nella produzione del lavoro. Alle due vincitrici A? stato assegnato oggi un ulteriore riconoscimento in denaro di 2.000 euro. Oltre alle risorse finanziarie, il premio Morrione ha fornito agli autori il tutoraggio di professionisti di testate giornalistiche televisive nazionali: per questa edizione Paolo Aleotti, Toni Capuozzo, Valerio Cataldi, Sandro Ruotolo.IlA�tutoraggio tecnico A? stato curato daA�Francesco Cavalli eA�Stefano Lamorgese, mentreA�la��avvocato Giulio Vasaturo ha garantito la consulenza legale.

Durante la serata A? stato consegnato a Fabrizio Gatti il Premio Baffo Rosso, il nuovo riconoscimento che la��Associazione Amici di Roberto Morrione destina a giornalisti che si sono particolarmente distinti per il loro lavoro di inchiesta e di ricerca della veritA�.

I TRAILER DELLE QUATTRO INCHIESTE FINALISTE

Le altre case di Bologna (vincitore categoria webdoc da��inchiesta)

Le catene della distribuzione (vincitore categoria video inchiesta)

Roma, ultima fermata (finalista categoria webdoc da��inchiesta)

Un tratto della tratta (finalista categoria video inchiesta)

La giuria del Premio Morrione A? presieduta da Giuseppe Giulietti ed A? composta da Paolo Aleotti, Luca Ajroldi, Federico Badaloni, Piero Badaloni, Francesca Barzini, Giuliano Berretta, Toni Capuozzo, valerio Cataldi, Francesco Cavalli, Giovanni Celsi, Enzo Chiarullo, Giovanni De Luca, Giovanni De Mauro, Daniela De Robert, Mara Filippi Morrione, Lorenzo Frigerio , Flavio Fusi, Alessandro Gaeta, Gian Mario Gillio, Udo Gumpel, Stefano Lamorgese, Francesco Laurenti, Albino Longhi, Elisa Marincola, Lella Marzoli, Flaviano Masella, Anna Migotto, Gaia Morrione, Fausto Pellegrini, Sandro Ruotolo, Mario Sanna, Marcella Sansoni, Barbara Scaramucci, Marino Sinibaldi, Maurizio Torrealta, Giorgio Zanchini.

Sono main sponsor delle giornate di Trento del Premio Morrione la RAI, la Provincia Autonoma di Trento, la��Otto per Mille della Chiesa Valdese. La��evento A? realizzato con il sostegno di FNSI, Usigrai, UniversitA� di Trento e Fondazione Museo Storico del Trentino. Rainews24, Rai Radio3, TGR, Internazionale e Atlante delle guerre e dei conflitti sonoA�media partner. Il premio A? realizzato in collaborazione con: Articolo21, Associazione 46A� Parallelo, RaiTeche, Kogoi Edizioni, UCSI, Il Journal, I Siciliani, Report, Scuola di giornalismo Lelio Basso, Premio CittA� di Sasso Marconi, Tavola della Pace, Liberainformazione, Osservatorio di Pavia.

Per maggiori info: www.premiorobertomorrione.it

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *