venerdì , 23 Febbraio 2024

I CANTIERI MUTANTI
DI PERGINE SPETTACOLO APERTO

psa-immagineconferenza-2010“Il piA? maturo, il piA? longevo, il piA? radicato”. CosA� l’assessore provinciale alla cultura ha definito – durante la conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2010, nella sede della Provincia – Pergine Spettacolo Aperto, “realtA� di confronto, capace di esplorare nuove tendenze ma sempre e comunque festival popolare, per tutti, frutto di un lavoro di squadra davvero da lodare“.

Quest’anno la proposta sarA� duplice: da una parte a�?la cittA� dei mattia�?, inaugurata il 3 luglio dalla ormai tradizionale ed amatissima Notte bianca, abiterA� gli spazi della��ex Ospedale psichiatrico con la piA? a�?follea�? settimana della��anno: spettacoli, mostre, installazioni, cinema, stage, musica e cibo non stop.

CreativitA� borderline per un festival dedicato al pensare diverso. Non a caso dedicato, con una sua citazione, alla poetessa Alda Merini. “Mi sveglio sempre in forma e mi deformo attraverso gli altri.” Dall’altra lo storico Teatro Tenda con PeM Pergine e Musica si concentrerA� sulla musica, la danza, il teatro musicale, a partire dal “Trovatore” di Verdi, una nuova produzione che debutterA� il 16 e 17 luglio, per ospitare poi la nuova produzione di Aterballetto su musiche di Ligabue, un evento speciale dedicato a Schumann con la��orchestra Haydn ed ancora un reading in musica con Alessandro Preziosi. La vocazione del Festival si conferma inoltre nei laboratori per giovani artisti, che faranno da filo conduttore a tutte le proposte. Un a�?cantiere mutantea�? che si costruisce a partire da ciA? che ca��A? e che si sta trasformando in altro, e da ciA? che non ca��A? ancora e di cui si sorveglia il germoglio.

Il 3 luglio un musical: La corte degli strassoni, musical scritto e diretto da Alessandro Anderloni, dove si canta e si racconta in dialetto (diventato lingua comica, poetica e universale) le melodie, dagli inconfondibili sapori popolari. Si prosegue verso la��alba con il concerto al Parco Tre Castagni dei mitici Radiottanta, gruppo presente sulla scena musicale regionale dal 2001, proporranno al pubblico un viaggio sonoro nel cuore degli anni ottanta, da ascoltare, ma soprattutto da ballare. Dalla��una in poi Silenzio si balla! Dj contest e silent disco, per rispettare una delle tendenze piA? cool del momento. Un party silenzioso dove si puA? ballare e scatenarsi fino all’alba senza che all’esterno si senta il minimo rumore.

Da domenica 4 luglio, comincia La cittA� dei matti, tra musica, teatro, video, riflessioni, outsider art, laboratori, le fate tate, cibo. Al pomeriggio spettacolo per i piA? piccoli: Ouverture des saponettes, un concerto per bolle di sapone diretto da un eccentrico direttore d’orchestra Michele Cafaggi, che ci porterA� nel mondo fragile e rotondo delle bolle di sapone. Un racconto visuale che trae ispirazione dalle atmosfere circensi e del varietA�. Il giorno dopo si entra nel cuore del programma con lo spettacolo E se il matto parlasse? Il Tarocco tra poesia e riflessione di Alejandro Jodorowsky.
Jodorwsky condurrA� anche uno stage denominato Arte che cura, iscrizioni aperte fino al 12 giugno, anche per questa��anno si sono registrate numerose richieste di partecipazione da tuta Italia). Lo stage A? ideato e strutturato per il coinvolgimento diretto di ciascun partecipante.
Il passaggio tra la notte bianca e la cittA� dei matti sarA� segnato da un concerto molto raffinato, che vede la Stagione di Musica da��autore del Centro S. Chiara trasferirsi a Pergine, il 4 luglio nella splendida cornice del Parco Tre Castagni.

MartedA� 6 luglio
A? la volta di Duccio Canestrini, con il suo: I misteri del monte di Venere un monologo multimediale i prima assoluta al Teatro Tenda, vietatissimo ai minori di 14 anni. Canestrini ci accompagna in un viaggio attraverso le epoche, i luoghi e le civiltA�, alle radici della��innata profonditA� femminile.
Il 7 e 8 luglio uno spettacolo riflessione Teatro e disagio psichico tra arte e terapia proposto dai Diversamente attori. Sempre il 7 luglio presso le cucine della��Ex Ospedale Psichiatrico la��Associazione culturale StradaNA?va e Servizio Salute Mentale di Cles, presenteranno IL BABAU. Viaggio nel mondo di Dino Buzzati, per la regia di Elena Galvani e Jacopo Laurino. A seguire alle ore 20 il Teatro a Canone e Casa del Sole di Trento con SOAVE SIA IL VENTO. Amleto e Ofelia sussurrano e gridano le loro strane storie, ispirato ad Amleto di William Shakespeare e i racconti degli Utenti e Familiari Esperti (UFE) del Servizio di Salute mentale di Trento, regia di Simone Capula. GiovedA� 8 luglio sempre presso le cucine della��ex OP, Luca Vignali ci trascinerA� nella meditazione attraverso il concerto Musicatantraa con campane tibetane e campane di cristallo.

A seguire Asini, spettacolo teatrale liberamente ispirato al racconto di Pinocchio con gli Utenti di Maso San Pietro, giA� interpreti di Nuovole di passaggio; anche questo spettacolo A? stato ideato e diretto da Antonio ViganA? ed A? una nuova produzione in prima assoluta del Festival PSA.
VenerdA� 9 luglio, assisteremo ad un concerto sensazionale di Maurizio Mastrini: Il mio mondo al contrario, recital pianistico dalla��ultima nota alla prima. Dietro il titolo di questo concerto c’A? tutto un modo di suonare, concepire ed eseguire musica che stupisce e incuriosisce allo stesso tempo, partendo dall’ultima nota. Da nuove composizioni a pezzi celebri come Per Elisa di Beethoven, Il volo del calabrone di Rimskij-Korsakov o il Preludio in Do maggiore dal Clavicembalo ben temperato di Bach. Sempre venerdA� presso il Teatro Tenda, Paolo Nani presenterA�: Jekyll & Hyde Il Lato Oscuro del Comico, anche questo A? uno spettacolo in prima nazionale. Ispirato a a�?Lo strano caso del Dott. Jekyll e Mr. Hydea�? di R. L. Stevenson, il piA? classico esempio di romanzo allegorico sul dualismo della��uomo, in perenne equilibrio tra morale ed istinto. Alla paradossale ricerca di comico e di profonditA�, Paolo Nani trasporta JEKYLL & HYDE e la��eterna lotta interiore tra bene e male, nel mondo del clown nero.

Sabato 10 luglio si concludono gli eventi della a�?la cittA� dei mattia�? con la misteriosa Manamana night- la lunga notte del non sense.
Il 16 e 17 luglio con la nuova produzione operistica del festival: OperamanA�a IL TROVATORE, si inaugura la nuova sezione del festival PEM Pergine e Musica. La��Opera di Giuseppe Verdi, sarA� diretta dal regista giapponese Hiroki Ihara. Prosegue anche per questa��anno il sodalizio artistico con il direttore Daniele Agiman e la��Orchestra Rossini di Pesaro, tra i protagonisti naturalmente i cantanti (provenienti da tutto il mondo) dei laboratori di PSA. Il progetto Operamania, incentrato questa��anno su a�?Il Trovatorea�?, sanguigna opera verdiana appartenete alla cosiddetta a�?trilogia popolarea�?. Amatissima dal pubblico, la��opera A? punteggiata di arie immortali e costituisce un difficile banco di prova per i cantanti. La trama A? degna di un film fantasy-horror: roghi di streghe, rapimenti, duelli, pugnali e veleni, precipitano lo spettatore verso un cupo finale, in cui la sorte piA? terribile A? forse quella di chi resta in vita. Anche per questa��anno la��Opera seguirA� una breve tournA�e che vedrA� la produzione operistica del festival migrare fino ad Amstetten in Germania presso il Castello di Umfeld il 19 e 20 luglio e a Pesaro, presso la Rocca Costanza il 24 agosto .
Grande appuntamento con la danza, sabato 25 luglio e la compagnia Aterballetto, diretta da Maurizio Bigonzetti che proporrA� CERTE NOTTI, spettacolo ispirato alle canzoni e poesie di Luciano Ligabue. Aterballetto, la principale compagnia di danza contemporanea italiana, festeggia i 30 anni e piA? di attivitA� mettendo in danza la musica, le parole e i versi di Ligabue. La��idea di questo lavoro A? un cammino attraverso la notte, intesa non come una��oscuritA� reale e mentale, ma assaporata come rigeneratrice di una realtA� intima, personale, come il buio che precede la��apertura di un sipario, momento magico che ci sospende e ci spinge entro il luogo in cui il reale ed il consueto si trasformano, dove tutto, le nostre ansie, le nostre passioni, le nostre gioie si materializzano, dove tutto il reale si ripresenta con valori diversi. Un grande coreografo e di una prestigiosa compagnia di danza e alcune canzoni di Luciano Ligabue.
Per la prima volta Pergine Spettacolo Aperto, collabora con BOLZANO DANZA, cosA� gli spettatori del festival potranno partecipare al debutto assoluto della nuova creazione di Abbondanza e Bertoni, a Bolzano il 27 luglio. Il festival mette a disposizione un servizio pullman gratuito per il viaggio da Pergine a Bolzano.

VenerdA� 30 luglio appuntamento con una��altra importante collaborazione del festival il concerto: DOLCE FOLLIA, Concerto per pianoforte e orchestra in La minore op. 54 e Sinfonia nA� 2 in do maggiore op. 62 della��Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, diretta da Daniel Beyer, che vede come protagonista al pianoforte, Chiara Opalio. Lo spettacolo A? nato da una collaborazione con la��Accademia Musicale di Imola e PinA? Musica e la��Orchestra Haydn.
Robert Schumann, tra i piA? grandi compositori del Romanticismo, lottA? costantemente con il disagio mentale e le note della sinfonia numero due gli ricordavano proprio quei a�?tempi oscuria�? in cui ne aveva percepito i primi segni. Il suo mirabile concerto per pianoforte, fu eseguito in pubblico per la prima volta dalla moglie Clara. La��immagine tramandata dalla storia A? quella, idilliaca, della coppia perfetta tra due grandi artisti. In realtA� il loro rapporto fu burrascoso.
Il festival prosegue il suo percorso di ospitalitA� di grandi nomi e questa A? la volta di Alessandro Preziosi, interprete di un reading su Santa��Agostino, che lo vedrA� protagonista sul palco del Teatro Tenda venerdA� 31luglio. Dopo aver dato voce alle piA? belle pagine di Fernando Pessoa, a quelle della biografia di Raffaello Sanzio e da ultimo a quelle di Cesare Pavese, Preziosi si confronta con Santa��Agostino, dopo aver dato vita ad una produzione televisiva di successo. Le confessioni, opera filosofica e teologica di grande profonditA�, risultano straordinariamente moderne, Preziosi ne interpreterA� la parte piA? privata.
Gran finale sabato 7 agosto con un altro evento speciale organizzato in collaborazione con La Stagione della Musica da��autore del Centro Servizi Santa Chiara di Trento.

La vocazione del Festival anche come laboratorio si conferma, infatti, proseguono i laboratori per giovani artisti, che faranno da filo conduttore a tutte le proposte. Un a�?cantiere mutantea�? che si costruisce a partire da ciA? che ca��A? e che si sta trasformando in altro, e da ciA? che non ca��A? ancora e di cui si sorveglia il germoglio.
Laboratorio teatrale condotto da Antonio Vigano, con utenti ed operatori della ComunitA� terapeutica Maso S. Pietro.
Laboratorio creativo, per giovani artisti e scenografi: mirato alla realizzazione di idee, allestimenti e installazioni per il festival 010. Docenti: Antonio Catalano (visual artist), Daniela Rosi (performer), Luca Tombolato (stage designer).
Laboratorio lirico di avvio al debutto, per cantanti lirici: A? mirato alla��allestimento della��opera in forma scenica. Docenti: Daniele Agiman (direttore da��orchestra), Hiroki Hihara (regista).
Laboratorio lirico di perfezionamento, per cantanti, direttori da��orchestra e maestri collaboratori: prevede un lavoro quotidiano con la��orchestra sinfonica G. Rossini di Pesaro ed un concerto finale con estratti dal Trovatore. Docenti: Daniele Agiman (direttore da��orchestra), Stefano Anselmi (trainer vocale).

Questa��anno il festival PSA ha realizzato anche un bando FUORI! Rivolto a tutti gli artisti e alle compagnie di teatro, musica, danza e di strada che intendono avere uno spazio per presentare/rappresentare i loro lavori in occasione del Festival Pergine Spettacolo Aperto 2010. Articolato in due sezioni sezione teatro e sezione nonsense; ha raccolto molte adesioni da tutta la��Italia. I vincitori saranno scritturati nel 2011 alla��interno della programmazione ufficiale del festival.

Clicca quA� per vedere il programma 2010.

Vedi anche

Al Muse le monumentali sculture animali di Jürgen Lingl-Rebetez

Al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, fino al 12 gennaio 2020 sarà possibile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *