giovedì , 5 dicembre 2019
Home / arte & cultura / I TRENTINI NELLA GUERRA EUROPEA: inaugurazione della mostra alle Gallerie di Piedicastello

I TRENTINI NELLA GUERRA EUROPEA: inaugurazione della mostra alle Gallerie di Piedicastello

A�I trentini nella guerra europea_600

TRENTINI NELLA GUERRA EUROPEA 1914-1920: inaugurazione della mostra alle Gallerie di Piedicastello sabato 28 giugno

Le Gallerie, da sabato 28 giugno e per i prossimi 5 anni, raccontano la prima guerra mondiale attraverso il dramma dei trentini. La storia di una popolazione che visse sulla propria pelle tutti gli aspetti di quel conflitto.

Il curatore Antonelli: “Un’esposizione didattica, comprensibile a tutti: era compito della Fondazione”. AffiancherA� altre mostre, in primis quella dedicata al rapporto tra cinema e Grande Guerra che si inaugurerA� il 28 luglio, e altre iniziative per i prossimi cinque anni, in occasione del Centenario della Grande Guerra.

Le lancette dell’orologio tornano indietro di cento anni, nella Galleria bianca. Nel tunnel si incontra la storia della Grande Guerra, dispiegata sulla mappa dell’Europa e del mondo, dove si consumA? il dramma dei trentini. Il conflitto in trincea e quello in montagna, la tragedia dei profughi e degli internati, le vicende dei combattenti austroungarici sul fronte orientale, quelle dei volontari dell’esercito italiano.

I trentini nella guerra europea2

IL PERCORSO, LE MAPPE, GLI OGGETTI

La mostra A? articolata in cinque sezioni, una per ogni anno di guerra.

In ciascuna c’A? una mappa che mostra via via gli Stati belligeranti e gli spostamenti dei trentini, le cui vicende non rimasero confinate al conflitto italo-austriaco, ma si intrecciarono a quelle del resto d’Europa. Una popolazione che in quegli anni si mosse dall’Italia fino in Boemia, Moravia, Galizia, Serbia, Romania, Russia, Siberia e per qualcuno anche in Cina e negli Stati Uniti, prima del ritorno a casa dopo la guerra.

Il percorso si snoda su dei pannelli orizzontali, posti in cima a dei supporti che richiamano le cassette militari che venivano utilizzate per trasportare oggetti e spostarsi sui treni. Ci sono lettere, cartoline, pezzi di diari, fotografie raccolte a gruppi di 36, come in un vecchio rullino. Accanto a esse, le particolari storie di singoli trentini: gente comune, soldati, un sacerdote internato che nel campo di Theresienstadt incontrA? l’attentatore dell’arciduca Francesco Ferdinando, un militare che spezzA? il proprio fucile per rifiutare la guerra e venne fucilato.

Vero cuore della mostra sono gli eventi, segnati su una linea del tempoA�sul muro della galleria e spiegati, sezione per sezione, sui pannelli sopra le cassette.

La sezione dedicata al 1914 racconta la leva di massa, la partenza dei trentini per il fronte orientale, l’esperienza di prigionia in Russia.A�Nel 1915 l’entrata in guerra dell’Italia e l’apertura del fronte italo-austriaco segnano il dramma dei civili trentini che diventano profughi nei territori a est dell’Austria-Ungheria, o vengono internati nelle cittA� di legno quando sospettati d’irredentismo.A�Nel 1916 altri 35mila sfollati trentini vengono mandati nei campi profughi italiani. Il Trentino, svuotato dai civili, si riempie di reduci, di soldati amputati e malati. Nella fossa dietro il Castello del Buonconsiglio ha luogo il 12 luglio l’esecuzione di Cesare Battisti, irredentista e condannato dagli austriaci per alto tradimento.A�La parte dedicata al 1917 racconta il fronte trentino, la Guerra Bianca sulle Dolomiti e il coinvolgimento dei trentini prigionieri nella Rivoluzione russa.A�Il percorso si chiude con un’appendice che racconta il ritorno e l’immediato dopoguerra.

Inaugurazione della mostra: sabato 28 giugno ore 17.00

Intervengono:
Tiziano Mellarini, assessore alla cultura della Provincia autonomia di Trento
Giuseppe Ferrandi, direttore della Fondazione Museo storico del Trentino
Quinto Antonelli, curatore della mostra

INFO
Fondazione Museo storico del Trentino
Tel. 0461 230482
info@museostorico.it a�� www.museostorico.it

 

 

Vedi anche

Lagarina Jazz: a Isera l’imperdibile concerto dei “Floors”

Giovedì 20 giugno 2019 si apre il Lagarina Jazz con l’aperitivo in musica e un …