lunedì , 28 settembre 2020
Home / Arco / A�IO VAGABONDOA�
Beppe Carletti ad Arco lunedA� 11 marzo

A�IO VAGABONDOA�
Beppe Carletti ad Arco lunedA� 11 marzo

Beppe Carletti, lo storico tastierista e giA� fondatore nel 1963 con il mitico cantante Augusto Daolio de I Nomadi, uno dei gruppi piA? importanti della storia della musica italiana, A? anche l’unico membro della formazione originaria rimasto in quella arrivata ai giorni nostri.

Considerato dai fans il leader indiscusso del gruppo, Giuseppe A�BeppeA� Carletti sarA� ad Arco, al salone delle feste del CasinA? municipale con inizio alle ore 20.30,A�lunedA� 11 marzo a presentare il recentissimo libro scritto assieme al giornalista arcense Andrea Morandi A�Io vagabondo. 50 anni di vita con i NomadiA� (Arcana edizioni, 2013).
Ingresso libero, presenti entrambi gli autori.

Beppe Carletti ha fondato i Nomadi nel 1963, quando aveva solo sedici anni. In cinquant’anni di carriera ha inciso trentacinque dischi e venduto quindici milioni di copie, ha registrato negli studi Abbey Road di Londra e in quelli di Sant’Anna di Modena, ha duettato con Francesco Guccini e Richie Havens, con Jovanotti e gli Inti Illimani, ha ricevuto i complimenti di Brian Wilson dei Beach Boys e di George Martin, ha suonato in Chiapas e in Amazzonia, a Gerusalemme e a Sarajevo, a New York e a Praga.

A�Io vagabondoA� A? il romanzo della straordinaria vita di un italiano normale, un uomo di umili origini partito da un piccolo paesino e arrivato a vendere 15 milioni di dischi, segnando un’epoca, incontrando TotA? e Arafat, il Dalai Lama e Fellini, e riuscendo a tenere in vita il suo gruppo nonostante tutto e tutti.

Nessuno come i Nomadi: il 2013 A? la��anno del mezzo secolo di attivitA� del piA? longevo e inossidabile gruppo italiano di sempre.

Una��idea, una ragione e uno stile di vita, prima ancora che un complesso musicale. Fondati nel 1963 da Beppe Carletti e Augusto Daolio, i Nomadi sono ancora nel pieno delle proprie forze, come dimostra la recente pubblicazione di A�Terzo tempoA�, nuovo album di inediti balzato subito in testa alle classifiche.

Fonte: www.ladigetto.it

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …