giovedì , 22 Febbraio 2024

PASSITO E’ PASSIONE:
il vino Santo

CCIAA_A2082406_002Si narra che agli inizi della��Ottocento i Conti Wolkenstein, signori di Castel Toblino, abbiano ordinato al loro cantiniere di preparare un vino molto particolare per festeggiare il loro ritorno in primavera. Il vino preparato in quella��occasione fu un vino dolce, un eccezionale passito ottenuto da uve Nosiola. CosA�, secondo la tradizione, sarebbe nato il Vino Santo trentino. Ma secondo altri sarebbe possibile farne risalire le origini ancora piA? in lA� nel tempo. GiA� nelle cronache del Concilio si parla infatti di a�?vini squisitissimi, bianchi, rossi e rosati dei colli di Trento e vini dolci di Santa Massenzaa�? (Michelangelo Mariani).
CosA� narra la leggenda. Ma qualunque sia la��origine di questo straordinario passito, oggi il Vino Santo A? uno dei simboli della vitienologia trentina, un apprezzato a�?vino da meditazionea�?.

Come ogni anno Palazzo Roccabruna gli rende omaggio con a�?Passito A? passione: il Trentino Doc Vino Santo a Palazzo Roccabrunaa�?, un evento ricco di degustazioni, abbinamenti e approfondimenti, e con un ospite illustre che da tempo accompagna la��Enoteca nella valorizzazione del passito della Valle dei Laghi: il giornalista enogastronomico Paolo Massobrio, nota firma del quotidiano a�?La Stampaa�? e autore de a�?Il Golosarioa�?, celebre guida ai piaceri della tavola italiana.

Dal 18 al 20 aprile dalle 17.00 alle 22.00 la��Enoteca propone tre giorni di degustazioni in abbinamento a due squisite specialitA� enogastronomiche: i formaggi di malga stagionati del Trentino e una vera provocazione: i Cantucci di Prato, tradizionalmente abbinati al Vin Santo toscano. SarA� la��occasione per sottolineare la differenza fra il Vino Santo trentino, frutto del lento appassimento della Nosiola e di un lungo affinamento in botte e il Vin Santo toscano, ottenuto con la��appassimento di uve Trebbiano e Malvasia.CCIAA_130412_025
Oltre alle degustazioni in Enoteca a�?Passito A? passionea�? propone anche alcuni approfondimenti enogastronomici. GiovedA� 18 aprile alle 18.00 a�?Vino Santo, presidio Slow Fooda�? proporrA� in degustazione i Trentino Doc Vino Santo che possono fregiarsi della��ambita chiocciola concessa da Slow Food.
Sabato 20 aprile alle 18.00 il noto giornalista Paolo Massobrio condurrA� il laboratorio dal titolo: a�?Con Paolo Massobrio alla scoperta del Vino Santoa�? in cui si affronterA� il tema degli abbinamenti fra Vino Santo, formaggi di malga e Cantucci di Prato per scoprire la formula del miglior connubio e per parlare delle caratteristiche che rendono il Trentino Doc Vino Santo un prodotto unico nel panorama dei passiti italiani.
Sabato 20 aprile dalle 19.00 alle 22.00, per il ciclo a�?A tavola con la cucina trentinaa�?, sarA� ospite della��Enoteca lo chef Stefano Bertoni del ristorante Castel Toblino che si cimenterA� nella preparazione di un irresistibile menA? dedicato alla perla della Valle dei Laghi. Il tutto naturalmente abbinato al passito trentino e ad altri vini della tradizione.

CON LA PARTECIPAZIONE DI PAOLO MASSOBRIO

 

Info:

Palazzo Roccabruna

Camera di Commercio I.A.A.

via SS. TrinitA�, 24

38122 Trento

 

T. +390461887105

F. +390461239853

M. +393357426952

 

www.palazzoroccabruna.it

www.tn.camcom.it

 

Vedi anche

Al Muse le monumentali sculture animali di Jürgen Lingl-Rebetez

Al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, fino al 12 gennaio 2020 sarà possibile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *