venerdì , 12 Agosto 2022

Al via la raccolta di oggetti “il Muro nel cuore”

Per i 25 anni dalla caduta del Muro, in autunno un’esposizione di oggetti alle Gallerie di Piedicastello, A�Il Gioco degli Specchi lancia una campagna di raccolta “Gli oggetti come finestra sulla vita quotidiana nei paesi dell’Europa giA� comunista”

600-il muro nel cuore

Il Gioco degli Specchi invita ad una raccolta di oggetti a��di uso comune nel periodo della Guerra Fredda, nei paesi europei dell’area comunista.a��

Sabato 19 luglio dalle ore 10 alle 13, dalle 17 alle 19, nella Sala conferenze della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto, in via Garibaldi 33 a Trento, i volontari dell’associazione saranno a disposizione per chi vuole conoscere il nuovo progetto A�Il muro nel cuoreA�, chi vuole portare oggetti da lasciare in prestito o solo farli fotografare, chi vuole raccontarne la storia o farsi intervistare.
a�?L’associazione ha avviato una campagna di raccolta oggetti per realizzare una a��esposizione alle Gallerie di Piedicastello a Trento a ottobre e novembre prossimi, una mostra multimediale che apre una finestra sulla vita delle persone nel periodoa�� a��1945-1989a�� a��in quella parte di Europa da cui in tempi recenti sono arrivati tanti concittadini.a��
Gli oggetti, prestati da chi vive in TrentinoA� e proviene da Romania, Moldova, Albania, Ucraina, Polonia, Bulgaria o altri paesi dell’area sovietica e della ex Jugoslavia, possono essere a��di qualunque tipo, legati alla casa, alla scuola, all’ambiente di lavoro, al vestiario, alla documentazione, al tempo libero: cose semplici che perA? possono avere un significato per la persona, per la sua famiglia o per quel particolare periodo storico e ci a��raccontano con semplice immediatezza come si viveva A�dall’altra parteA�.
Si puA? partecipare on line mandando foto e presentazione aA�info@ilgiocodeglispecchi.org; si possono vedere gli oggetti giA� raccolti e i temi della futura mostra sul sito a��www.ilgiocodeglispecchi.orgA�.
Il Gioco degli Specchi intende ricordare in questo modo ila�� a��25A�a�� a��anniversario della caduta del muro di Berlino,a�� a��come simbolo dei tanti muri che impediscono il libero movimento delle persone.

Con la collaborazione dell’Osservatorio Balcani e Caucaso e del Museo storico Trentino
Con il sostegnoa�� del Comune di Trento, Provincia autonoma di Trento, Regione Trentino Alto Adige/SA?d Tirol, Centro Servizi Volontariato, Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto

Vedi anche

Al Muse le monumentali sculture animali di Jürgen Lingl-Rebetez

Al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, fino al 12 gennaio 2020 sarà possibile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *