martedì , 21 Maggio 2024

PREMIATO DALLA REGINA ELISABETTA IL GIARDINO DELLE ALPI ITALIANE

Da sinistra: Zanzi (giacca scura) e F. Decembri (giacca chiara) Ha conquistato il terzo posto la��installazione-giardino a�?Luci e Colori delle Alpia�?, creato da Francesco Decembrini e Daniele Zanzi per il Chelsea Flower Show, il concorso botanico piA? importante al mondo, che si A? concluso sabato 29 maggio a Londra.

a�?Abbiamo trasportato piante alpine, muschi, licheni e dettagli architettonici con un viaggio attraverso le Alpi la cui difficoltA� avrebbe fatto impallidire persino Annibalea�? scherza il progettista trentino del verde Francesco Decembrini; a�?abbiamo poi allestito il giardino sotto una calura tropicale, rarissima a Londra, e gli esperti inglesi ci hanno chiesto di studiare alcune modifiche per salvaguardare a�� la sicurezza degli uccelli in volo nel nostro giardino. Ci avevano avvisati che sarebbe stato difficilissimo, per noi debuttanti al Chelsea Flower Show, ricevere un premio. I giudici hanno perA? apprezzato la nostra proposta, considerata molto innovativa rispetto allo standard britannico, e la regina Elisabetta in persona A? venuta a vedere il giardino facendoci i complimenti.a�?

img_2508La notizia del giardino a�?amico degli uccellia�? A? stata pubblicata sul Daily Telegraph, i progettisti sono stati intervistati dalla BBC poi la notizia ha fatto il giro del mondo ed A? stata ripresa persino su giornali russi e cinesi. a�?Siamo diventati popolarissimi, giornalisti, esperti, visitatori da tutto il mondo passavano da noi apposta per curiosare, commentare, fotografare.a�?

Il giardino, che ha vinto il bronzo per la categoria Courtyard Gardens, A? un delizioso paesaggio in miniatura: ciuffetti di piante alpine (la piA? gettonata A? stata la Dryas Octopetalus ma le orchidee montane hanno da sempre un pubblico di estimatori), licheni, rocce e piccoli arbusti piegati dal vento. La��ambiente, dal sapore di collezione botanica, A? disseminato di piramidi ricoperte di specchi, ed A? avvolto da uno scenario con il profilo delle Dolomiti; punto focale della��allestimento la��originalissimo a�?albero della��energiaa�?, dotato di celle solari sulle foglie semovibili, strizza la��occhio alla eco-sostenibilitA� assicurando la��energia necessaria alla��impianto di illuminazione e al sistema che riproduce la nebbia mattutina.

Ascolta l’intervista a Francesco Decembrini realiazzata ancora in fase di selezione.

Vedi anche

Al Muse le monumentali sculture animali di Jürgen Lingl-Rebetez

Al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, fino al 12 gennaio 2020 sarà possibile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *