lunedì , 9 dicembre 2019
Home / Alla scoperta dello yoga / “ROCCEDIMENTI. FATTE, NON FINITE”
le nature contemporanee

“ROCCEDIMENTI. FATTE, NON FINITE”
le nature contemporanee

DC_013Per il terzo anno consecutivo, Dolomiti Contemporanee avvia il programma espositivo estivo, che coinvolgerA� decine di artisti, numerosi partner artistici, gallerie e musei, e verrA� realizzato attraverso una serie di Residenze attivate nelle singole locations dolomitiche (Casso e Valcellina, Cortina d’Ampezzo, Castello di Andraz).

La prima mostra in programma ha titolo Roccedimenti. fatte,non finite, le nature contemporanee. Una mostra collettiva dedicata al tema della natura contemporanea. Essa vedrA� la partecipazione di dodici giovani artisti italiani, e di un maestro ottocentesco.

Artisti in mostra: francesco ardini, pierpaolo febbo, jean-baptiste camille corot, gianni de val, aron demetz, andrea grotto, alessandro pagani, emmanuele panzarini, mario tomA?, alessandro roma, cosimo terlizzi, lucia veronesi, davide zucco.

Fondazione Dolomiti Unesco, Provincia di Pordenone, Parco Naturale Dolomiti Friulane, Fondazione Vajont, Comune di Erto e Casso, Comune di Cimolais, Comune di Claut, Comune di Longarone, Montagna Leader, Nip maniago.

Le Dolomiti sono un luogo formidabile, per la forza e schiettezza con cui gli elementi vi sono dispiegati, un luogo estrememente stimolante.a�?Le Dolomiti sono anche, spesso, un luogo di banalizzazione culturale, in cui questo contesto, unico e sorprendente, viene presentato attraverso immagini stereotipe, descritto per clichA?, ridotto a cartolina.a�?Il lavoro intrapreso da Dolomiti Contemporanee attraverso l’arte, A? volto ad una ricerca critica attenta e determinata, ed opera alla costruzione di nuove immagini all’interno di (e da) questo territorio.

Questo lavoro viene svolto creando e costruendo rapporti con molti soggetti eteronenei, pubblici e privati, attivi sul territorio.a�?Tra questi, vi A? la Fondazione Dolomiti Unesco, importantissimo organo di tutela e governo del Bene.a�?L’arte contemporanea A? ricerca, intelligenza, sensibilitA�, desiderio di analizzare e comprendere e capacitA� di formalizzare in modo nuovo, non retorico.a�?Se l’arte contemporanea riesce a crearsi uno spazio anche all’interno di determinate piattaforme istituzionali, generalmente piA? attente agli aspetti di protezione e conservazione, ciA? significa che si sta facendo un buon lavoro in termini culturali globali, e non solo un buon lavoro rispetto allo specifico network del contemporaneo.

Si lavora anche per generare l’identitA� precisa per il Nuovo Spazio di Casso, quella di un Centro per la Cultura Contemporanea della Montagna, che oggi in Italia non esiste.a�?L’identitA� di uno Spazio cosA� concepito A? coerente con la modalitA� operativa propria di Dolomiti Contemporanee, che prevede di mettere in linea le arti visive con la cultura alpina, in particolare (ma non solo) nella Regione dolomitica.

La mostra Roccedimenti A? inserita nel programma di Dolomiti Days, promosso dalla Provincia di Pordenone e dalla Fondazione Dolomiti Unesco.

Le iniziative che si svolgono a Casso coinvolgono anche gli altri Comuni della Valcellina, il particolare Claut e Cimolais.

Alla��interno del programma di Dolomiti Days, questi gli eventi principali proposti da Dolomiti Contemporanee a luglio;

 

PROGRAMMA

Sabato 6 luglio, ore 18.00. Inaugurazione della mostra collettiva d’arte contemporanea Roccedimenti, a cura di Gianluca D’IncA� Levis, con la collaborazione di Guido Bartorelli, Nuovo Spazio di Casso.

MercoledA� 10 luglio, ore 20.45. Serata-evento dal titolo Arte in Dolomite dall’800 ad oggi, Sala Convegni di Claut. Ne parlano:
Gianluca D’IncA� Levis, curatore di Dolomiti Contemporanee e direttore del Nuovo Spazio di Casso
Philippe Daverio, critico e divulgatore da��arte
Alessandra De Bigontina, direttrice del Museo da��arte moderna Mario Rimoldi di Cortina da��Ampezzo

La conversazionefornirA� un quadro della storia e del significato dell’azione artistica nel particolare contesto delle Dolomiti, dall’epoca storica ad oggi. Lo sguardo e l’azione dell’uomo critico e creativo sull’ambiente della montagna, in un excursus tra arte classica, moderna, contemporanea.

GiovedA� 11 luglio, laboratori didattici per bambini dagli 8 agli 13 anni, Nuovo Spazio di Casso,Casso.
Ore 10.00 a�� 12.00 Supernatural, workshop con l’artista Federico Lanaro
Ore 15.00 a�� 16.30 Fuoriluoghi: Dolomiti Pop-Up,laboratori didattici con la��Associazione il Margine
Ore 16.30 a�� 18.30 Supernatural, workshop con l’artista Federico Lanaro
info e prenotazioni: Dolomiti Contemporanee, info@dolomiticontemporanee.net, Tel. 0427 666068 (Nuovo Spazio di Casso) / Associazione il Margine, info@associazioneilmargine.eu, Tel. 347 0472258

VenerdA� 12 luglio, ore 15.30, incontro-dibattito dal titolo Fare cultura in montagna: un’impresa produttiva, sede del Parco Naturale Dolomiti Friulane (Cimolais).
All’incontro, che verterA� su alcune modalitA� alternative, come quella proposta da Dolomiti Contemporanee, di promuovere e valorizzare strutture, temi, territorio, attraverso arte e cultura, prenderanno parte:
Luciano Pezzin, PresidenteParco Naturale Dolomiti Friulane
Giuseppe Verdichizzi, Assessore Provincia di Pordenone
Gianluca D’IncA� Levis, curatore Dolomiti Contemporanee e direttore Nuovo Spazio di Casso
Marco Melchiori, Direttore Confindustria Belluno Dolomiti
Loretta Ben, Sindaco di Taibon Agordino
Flavio Faoro, Direttore festival Oltre le Vette
Fabrizio Panozzo, professore UniversitA� CA� Foscari Venezia
Antonio Cason, Ad Cason Marmi

 

 

Info:

info@dolomiticontemporanee.net

press@dolomiticontemporanee.net

tel. +39 0427 666068

tel. +39 338 1492993

Orari:

dal martedA� alla domenica

10.00-12.30/15.00-19.00

chiuso il lunedA�.

Enti coinvolti:

Gallerie e Musei: Brand New Gallery Milano, Galleria Goethe Bolzano, Traffic Gallery Bergamo, Museo Mario Rimoldi Cortina d’Ampezzo.

Contesto fisico e culturale.

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …