martedì , 28 Novembre 2023

ROMANINO PER NON VEDENTI
Il venerdA� mattina e la domenica mattina un percorso per i disabili dedicato alla mostra

G. Romanino NudoVirileIn occasione della mostra dedicata a Girolamo Romanino i Servizi Educativi del Museo, in partnership con la sezione trentina dell’Unione italiana ciechi, hanno coinvolto un gruppo di non vedenti in un percorso all’interno della mostra.
Ad oggi i disabili della vista vengono definiti come un non pubblico, ossia una categoria di visitatori che solo in linea teorica potrebbe frequentare il museo, in realtà non lo visitano. Il progetto è partito con una prima ricerca relativa alle esigenze e alle aspettative che le persone non vedenti o ipovedenti nutrono nei confronti del museo. E’ stata realizzata attraverso un questionario sottoposto ad un gruppo di 41 utenti della sezione trentina Unione italiana ciechi. Dall’indagine è emerso che i non vedenti gradirebbero dal museo la realizzazione di un percorso di visita condotto da un esperto con la possibilità di toccare gli oggetti o le loro riproduzioni, come per esempio un modellino architettonico che riproduca la struttura da visitare.

L’audioguida è stata ritenuta un sistema di visita impersonale che non favorisce le relazioni e che non possiede le caratteristiche di interattività come avviene con un operatore del museo. Questa prima rilevazione ha consentito la progettazione di un percorso rivolto alla mostra su Romanino, a cura di Francesca Rinaldi e con il coordinamento di Francesca Jurman. Il percorso è strutturato in tre momenti: il primo, volto a contestualizzare e presentare la mostra, consiste nell’analisi architettonica del rinascimentale Magno Palazzo con il supporto di un modellino in scala a rilievo della facciata; nel secondo la visita in alcune sale della mostra con la descrizione dei quadri più rappresentativi, e nel terzo la guida agli affreschi di Romanino in Loggia con l’ascolto di musica rinascimentale, l’utilizzo di disegni in rilievo e l’esplorazione dello spazio con l’ausilio di un modellino del prospetto.
Il primo appuntamento è stato molto apprezzato dai non vedenti che si sono detti molto felici dell’esperienza fatta. Nelle prossime settimane i percorsi di visita alla mostra per non vedenti proseguiranno nelle giornate di venerdì e domenica mattina.

Per le prenotazioni telefonare al Castello del Buonconsiglio presso i Servizi Educativi allo 0461 23 37 70.

Vedi anche

“I Romani nelle Alpi”: incontro con la docente Elvira Migliaro

Mercoledì 29 maggio, alle ore 17.00, allo Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas, in piazza Cesare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *