lunedì , 16 settembre 2019
Home / Mezzolombardo / “SOLSTIZIO D’ESTATE” COMPAGNIA SANTASANGRE
Mezzolombardo, 5 giugno 2012

“SOLSTIZIO D’ESTATE” COMPAGNIA SANTASANGRE
Mezzolombardo, 5 giugno 2012

MartedA� 5 giugno 2012 a Mezzolombardo Teatro San Pietro ore 21.30 la Compagnia Santasangre si esibirA� nello spettacolo “Sei Gradi“, concerto per voce e musiche sintetiche.

Ideazione: Diana Arbib, Luca Brinchi, Maria Carmela Milano, Dario Salvagnini, Pasquale Tricoci, Roberta Zanardo
Corpo e voce: Roberta Zanardo
Organizzazione: Elena Lamberti

Una storia, quella di un cammino percorso nell’acqua e nella sua assenza. Una riflessione personale sulla straordinaria bellezza e forza di questo elemento attraverso la musica, l’immagine, il canto e il corpo.

Il nostro desiderio A? di appassionare chi osserva alla purezza e all’energia vitale della��acqua fino al parossismo, per poi precipitare nella sua mancanza. Lo spettatore allora, non potrA� far altro che osservare il paesaggio arido, la terra attraversata dal vento. Il percorso tentato A? un ritorno alla sintesi, all’artificio tra corpo, voce, suoni, ambienti virtuali e scatole luminose.

Ea�� un esperimento coreo-sonoro in cui fonti luminose, immagini olografiche, suoni campionati direttamente in scena ed elementi naturali rendono il luogo della scena una lanterna magica di grandi dimensioni. La sfera musicale viene proposta come un organismo sonoro auto-produttivo, in esso infatti proliferano e si generano suoni-visioni-azioni a partire dalle risorse interne allo spazio scenico: dalla��acqua agli oggetti metallici sospesi, alla loro interazione con il corpo della performer.

Ogni componente della scena subirA� progressivamente una metamorfosi generando un cambiamento visivo-acustico-narrativo di incidenza sostanziale per la visione. La��acqua, da generatrice della��azione sotto forma di goccia, si riempirA� di vita fino a divenire cascata, ma un bagliore o meglio una��esplosione o forse un semplice moto assorbirA� ogni abbondanza per disperderla nel suo opposto.

Non rimarrA� altro che una negazione, la terra spaccata e sterile. La linea drammaturgica dello spettacolo seguirA� la suddivisione dei 4 movimenti (per noi intesi come fasi di cambiamento) propri della struttura sinfonica operistica, mentre l’elaborazione con video 3d del gesto e sonora del vocalizzo insieme ai suoni concreti degli elementi naturali produrranno la struttura armonica del discorso. I contenuti invece saranno affidati alle 4 fasi del divenire che Aristotele sostiene nel primo libro di fisica.

Info e programma:
www.solstiziodestate.it

Vedi anche

TrentinoInJazz 2019: a Rovereto arrivano i Panaemiliana

Domenica 16 giugno 2019  a ore 19.00  presso il Circolo Operaio Santa Maria  in Via …