venerdì , 19 Aprile 2024

TRENTINOSALUTE 4.0: inizia a operare il nuovo Centro di Competenza sulla SanitA� Digitale

600-fbk

Dal primo gennaio prossimo inizierA� ad operare il nuovo Centro di Competenza sulla SanitA� Digitale a�?Programma TrentinoSalute 4.0a�?, di cui la Fondazione Bruno Kessler avrA� la responsabilitA� amministrativa.

Lo ha stabilito la Giunta provinciale su proposta della��assessore alla salute e politiche sociali Luca Zeni. Per il triennio 2017-2019 le spese necessarie al funzionamento del Centro ammontano a 1.350.000 euro. Il Centro sarA� governato congiuntamente, attraverso una Cabina di Regia e un Comitato Esecutivo, da Provincia autonoma di Trento, Azienda provinciale per i servizi sanitari e Fondazione Bruno Kessler. RappresenterA� il punto di incontro fra sistema sanitario, ricerca e territorio, diventando lo strumento di coesione tra gli indirizzi della programmazione sanitaria, i bisogni di innovazione espressi dal Servizio Sanitario Provinciale e le opportunitA� offerte dalla ricerca e dalle nuove tecnologie digitali.

Il Centro dovrA� rispondere agli obiettivi posti dai decisori politici e dalla programmazione sanitaria locale, nazionale ed europea, partendo dai bisogni espressi dai professionisti della sanitA� e dai cittadini, identificando i nuovi modelli organizzativi e le soluzioni tecnologiche, studiando gli aspetti giuridici e valutandone l’impatto socio-organizzativo ed economico. Il fine ultimo A? di trasformare le soluzioni tecnico-organizzative sperimentate in servizi innovativi per il settore sanitario. Si tratterA� di una struttura organizzativa permanente, uno spazio condiviso e laboratorio congiunto che supporterA� lo sviluppo della sanitA� digitale anche coordinando le iniziative giA� in essere. In Trentino non mancano infatti esperienze consolidate in questo campo, con esperienze pilota di eHealth particolarmente significative, come il progetto TreC sul fascicolo sanitario elettronico, le ricette mediche digitali, i certificali digitali di malattia e di infortunio.
La��Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari puA? inoltre vantare un alto grado di innovazione tecnologica e sul territorio provinciale ci sono centri di ricerca e innovazione specializzati sul tema salute e benessere (FBK, UniversitA� degli Studi di Trento, l’Agenzia per la Protonterapia, la Fondazione Edmund Mach, il CNR). Ca��A? inoltre un ampio numero di aziende che operano con successo nel settore.
La��evoluzione demografica in atto, con una quota crescente di anziani e patologie croniche, rende necessario investire in nuove modalitA� per dare servizi sanitari su tutto il territorio, assicurando equitA� di accesso alle cure e supporto alla gestione delle cronicitA�.
Attraverso lo sviluppo e la diffusione di tecnologie a�?eHealtha�? A? inoltre possibile mettere maggiormente in rete il cittadino-paziente con i sanitari, i propri famigliari e altri cittadini, anche per aiutarlo nella gestione della propria salute nella vita di tutti i giorni attraverso vari dispositivi (computer, smartphone, tablet, sensori, ecc), ovunque esso si trovi (casa, lavoro, ferie), e nel momento del bisogno.
Sono ampi gli spazi di lavoro in questo settore e comprendono lo sviluppo di tecniche e strumenti di sanitA� elettronica per la prevenzione e la cura, l’integrazione di servizi di telemedicina e teleassistenza e la diffusione della comunicazione mobile per la raccolta e la gestione di dati clinici e biometrici e per la trasmissione di informazioni e di aspetti legati alla salute. (lr)

 

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *