giovedì , 20 Giugno 2024

BANDABARDOa��: A�LA BAND TOSCANAA�IN CONCERTO IL 4 AGOSTO A CASTELLANO PER IL CASTELFOLK FESTIVAL

La BandabardA?, una delle piA? scatenate folk band italiane, torna in concerto in Trentino.

600 BANDA1

La��appuntamento A? quello inserito nel cartellone del Castelfolk Festival nella serata del 4 agosto a Castellano in Vallagarina

I biglietti disponibiliA� sul circuito www.primiallaprima.it ad un prezzo di 12 Euro + ddp

I BAMBINI E RAGAZZI SOTTO I 14 ANNI ENTRANO CON BIGLIETTO OMAGGIO, CHE SI RITIRA ALL’INGRESSO DELLA MANIFESTAZIONE

BANDABARDOa��

Con i suoi oltre 1200 concerti e 23 anni di attivitA� la BandabardA? puA? dirsi a buon diritto una delle live band piA? vitali in Italia. I loro concerti sono feste straripanti da��affetto: il pubblico vi partecipa numerosissimo, cantando infaticabile ogni canzone, duettando continuamente con gli artisti sul palco, senza perdersi un solo verso, in uno scambio da��intesa che non smette mai di sorprendere la Banda stessa. E questo affetto si traduce in grandi numeri ormai non piA? solo ai concerti, ma negli stessi dati di vendita, che vedono la BandabardA? apparire a�� sempre meno timidamente a�� in cima alle classifiche di vendita, con risultati inattesi per tutti, per la Banda come per i sempre piA? increduliA� addetti ai lavori.

Nel 1993 la band toscana inizia la sua attivitA� suonando in un lunghissimoA� tour in Italia e in Francia, nei locali ma anche per strada.

Il primo album, Il circo mangioneA� esce nel 1996 ed ottiene un ottimo successo, vincendo anche il Premio Ciampi come Migliore Opera Prima. Il successo A? confermato col secondo album, Iniziali BA�-BA�, disco solare, pieno di energia e di sinceritA�. Tra le tracce anche la cover di un pezzo di Lucio Battisti (Una Giornata Uggiosa): la��immenso e il piA? bravo di sempre. Nel 1999 esce il mini cd live Barbaro tour, venti minuti di a�?Festa-BardA?a�?, venti minuti di follia e di energia, di balli e di canti, di divertimento e di sudore.

Nel 2000 A? molto apprezzato dalla critica Mojito Football Club, prodotto da Gianni Maroccolo e registrato in situazioni diverse (diretta totale o sovraincisione selvaggia) e in luoghi diversi. Il disco riflette piA? da��ogni altro le emozioni che la Banda incamera e scambia con gli altri suonando, ballando e viaggiando. L’anno successivo viene pubblicato il live, Se mi rilasso… collasso, a�?summaa�? della��energia bardozziana nelle esibizioni dal vivo (20 bottiglie di vino, Vento in faccia, Beppeanna e l’inedita Manifesto).

Ma A? con Bondo! Bondo!A� che nel 2002 la band ottiene un successo anche internazionale con un tour in Spagna, Francia e Svizzera. Uscito il 6 settembre e subito in vetta alle classifiche di vendita (al 10A� posto, nuova entrata piA? alta della settimana), Bondo! Bondo!A� A? un disco scritto sulla��onda delle emozioni, che ruota intorno ad una domanda: perchA� la��uomo si combatte e per che cosa?

Tre passi avanti, esce nel 2004 ed A? subito un caso: la��album piA? bardozziano A? per 4 settimane nella top ten dei dischi piA? venduti.

Nello stesso anno viene pubblicata l’autobiografia della Banda, Vento in faccia (Arcana Ed.), dove la BandabardA? si racconta a Massimo Cotto, tra vino, ricordi e risate.

Vento in faccia A? anche il titolo del DVD che contiene il concerto di apertura del tour Tre passi avanti, a Firenze, oltre a riprese di backstage e messaggi dei fan. Finalmente la��energia, la��allegria e la poesia dei live della band toscana sono disponibili anche su supporto video digitale.

Il 1 settembre 2006 esce Fuori Orario, un doppio album di vecchie incisioni, canzoni di repertorio risuonate con nuovi amici e 4 inediti. Il disco A? primo nelle classifiche dei punti vendita indipendenti e settimo nelle grandi catene e permane a lungo tra i primi 10 posti.

Ottavio, uscito nel 2008, A? un concept album strutturato come un dramma teatrale dove in quattordici brani suddivisi in quattro atti si raccontano ‘vita e opere’, avventure, incontri, amori fortunati e non, del giovane antieroe Ottavio, tradizionale maschera della��innamorato nel teatro di figura. La��album ha ospiti da��eccezione come il cantante spagnolo Tonino Carotone (nel singolo Bambino), il pianista Stefano Bollani, il maestro Clemente Ferrari e il violinista Adriano Murania. Entrato al settimo posto nella top ten di vendite al momento della��uscita, ha ottenuto sia il premio Pimi del Mei che il premio SIAE come miglior album indipendente della��anno.

Il 29 aprile 2010 la rivista a�?XLa�? pubblica in esclusiva Allegro ma non troppo, un discoA� dove la Banda racconta la��incontro con Goran Bregovic per un viaggio tra matrimoni e funerali, tra polvere di teatro e rifiorire di antiche melodie, tra nuove creature e balli di piazza.

La BandabardA?, insieme a Giobbe Covatta, si A? fatta promotrice anche di una produzione discografica a scopo benefico: Sette X uno, sette artisti uniti per aiutare una campagna di a�?Save the Childrena�? contro la mortalitA� infantile in Tigray. Il disco, pubblicatoA� il 23 novembre 2010, contiene sei brani inediti cantati da Ascanio Celestini, Giobbe Covatta, Davide Enia, Dario Fo, Enzo Iacchetti e Davide Riondino su musiche scritte e suonate da BandabardA?. Apre la��album a�?NanA� Boboa��, antica ninna nanna veneta cantata da Dario Fo, poi gli altri artisti cantano le riduzioni in canzone di alcuni loro monologhi. Si chiude con a�?Sette Sono i Rea��, pezzo storico di BandabardA? reinterpretato per la��occasione da Giobbe Covatta.

Il 3 maggio 2011 la Otrlive pubblica ScaccianuvoleA� (distrib. Universal), album di inediti in cui il nostro strano presente A? descritto da personaggi spesso burleschi che sembrano raccontati da trovatori medievali. Tra morbide ballate e allegri rondA? risuonano melodie un poa�� meno patchanka e un poa�� piA? chanson del solito.

 

Dopo oltre 20 anni, nel 2014 la BandabardA? torna a firmare un contratto discografico con una major e il 10 giugno la Warner Music pubblica L’improbabile, nuovo album di inediti: 12 canzoni nate da chiacchiere da bar, aforismi, aneddoti dove si parla di amore, sessualitA�, attualitA�, frivolezze ed anche terremoto.

 

Il 29 aprile 2016 pubblica una nuova versione de Lo sciopero del sole, la canzone ecologista del 1998 risuonata con strumenti realizzati da materiali di scarto; un progetto in collaborazione con Legambiente per promuovere e valorizzare la raccolta differenziata e il riciclo dei materiali. Questo singolo anticipa l’uscita di un nuovo album nell’estate 2016.

 

Gli ultimi anni hanno visto estendersi a macchia da��olio la cartina geografica della BandabardA?, impegnata in lunghe tournA�e anche alla��estero: Francia, Germania, Spagna, Belgio, Lussemburgo, Svizzera, Polonia, Slovenia e persino Chiapas e Canada.

La��apertura, la��energia e la curiositA� del gruppo lo hanno portato naturalmente a collaborare con innumerevoli artisti, sia in studio che sul palco: Daniele Silvestri, Max GazzA?, Paola Turci, Stefano Bollani, Patty Pravo, Francesco Magnelli, i Modena City Ramblers, Litfiba, Sergio Cammariere, Marina Rei, Raiz, Bobo Rondelli, Lina Sastri, Marco Calliari, Tonino Carotone ed infine anche il grande Goran Bregovic.

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *