venerdì , 21 Giugno 2024

D2T Start Cup: premiato Kiss My Bike, l’antifurto invisibile per biciclette.

Un avanzato sistema antifurto creato appositamente per le biciclette, una bio-torba rinnovabile prodotta dagli scarti di lavorazione delle vinacce, un portale web per la prenotazione on-line delle lezioni di sci i premiati da Trentino Sviluppo.

600 Start2T

Questi i tre progetti che si sono aggiudicati la vittoria nelle tre categorie – meccatronica, green e digital tourism a�� in gara nella��ottava edizione del Premio D2T Start Cup. Il concorso, promosso da Trentino Sviluppo e riservato ai giovani fino a 35 anni, ha vissuto nella serata di ieri, mercoledA� 28 ottobre, la sfida finale nella suggestiva cornice della Manifattura Tabacchi. I sei concorrenti finalisti sono stati impegnati nei pitch davanti ad una platea di imprenditori, manager, investitori ed operatori del settore, per convincere la giuria della bontA� della propria idea imprenditoriale. KissMyBike, HTC Bio Innovation e iSkier, questi i tre progetti vincitori ai quali A? andato un assegno da 5 mila euro offerto dagli sponsor Dana Mechatronics Technology Center, TreSolar & TrePartners e Trentino Marketing. Unicredit Start Lab, uno dei piA? importanti programmi nazionali di accelerazione di startup, ha scelto inoltre di premiare ARTool, un sistema a realtA� aumentata per la gestione delle lavorazioni nell’industria delle macchine utensili.
Il Premio Dana Mechatronics A? andato a Nadya Bobova , 28 anni, che assieme al suo team composto da Ivan Minakov e Uladzimir Kharkevich ha ideato KissMyBike (www.kissmy.bike), antifurto satellitare pensato in modo specifico per la bicicletta; l’innovativa combinazione di tecnologie mobili e satellitari da��avanguardia permette di risalire in modo preciso ed affidabile alla posizione del mezzo in caso di furto; il sistema avvisa immediatamente il proprietario in caso di rimozione e traccia con precisione la��intero percorso di spostamento, consentendo di ritrovare velocemente la��amata bicicletta.
Il Premio Green Tre&Partners-Tre Solar A? andato invece a Daniele Basso , 33 anni di Mogliano Veneto (Treviso) ma residente a Trento, che con il ricercatore trentino Luca Fiori ha presentato GreenPeat, una soluzione che sfrutta la tecnologia di carbonizzazione idrotermica (HTC) per la produzione di una bio-torba che ottenuta dalla vinaccia esausta, prodotto di scarto delle distillerie.
Il Premio Trentino Marketing per il a�?Digital Tourisma�? A? andato ad Alessio Antonelli , 24 anni di Verona, che assieme al fratello Fabio, ha ideato iSkier un portale web (ed una app) per la gestione delle prenotazioni on-line delle lezioni di sci completa di diverse funzionalitA�: dai pagamenti online alla gestione del calendario lezioni per le scuole di sci (58 nel solo Trentino, 402 in Italia) che possono anche personalizzare la piattaforma, fino ad sistema di recensioni che traccia la soddisfazione del cliente.
Il Premio speciale Unicredit Start Lab A? stato invece assegnato al team di ricercatori meccatronici guidato da Amedeo Setti , 25 anni, residente a Marco di Rovereto, che con Matteo Ragni ed il sostegno del professore universitario Paolo Bosetti ha sviluppato ARTool, un sistema a realtA� aumentata per l’industria delle macchine utensili, in grado di aumentare l’efficienza delle macchine a controllo numerico e di fornire un supporto per l’assistenza remota da parte dei produttori.
I campioni provinciali, vincitori della Start Cup trentina, avranno ora la��opportunitA� di sfidare altri progetti da��impresa premiati nelle varie Start Cup regionali, durante la finale del Premio Nazionale della��Innovazione che si terrA� il 3 e 4 dicembre prossimi in Calabria, in provincia di Cosenza, e precisamente nel comune di Rende. Trentino Sviluppo finanzierA� la partecipazione di ciascun progetto al a�?campionato nazionale delle startupa�? con un ulteriore contributo di 1.000 euro.

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *