domenica , 25 Febbraio 2024

RIVA DEL GARDA REGINA DEL 3D: la conferenza ISPRS

Riva del garda2_600

Dal 23 al 25 giugno, presso il centro congressi di Riva del Garda, si incontreranno oltre 250 ricercatori ed esperti di modellazione 3D di ogni parte del mondo.

Organizza l’evento la Fondazione Bruno Kessler di Trento che, attraverso l’UnitA� di ricerca 3DOM del Centro Materiali e Microsistemi, rappresenta una delle realtA� nazionali piA? avanzate nella ricerca di questo settore. Al simposio della Commissione V dell’ISPRS, ospitato per la prima volta in Italia, si discuterA� delle tecniche piA? innovative di fotogrammetria, metrologia, mobile mapping, computer vision, image processing e utilizzo degli UAV, gli Unmanned Autonomous vehicles, i cosiddetti “droni” che permettono di raccogliere agevolmente i dati. Fotogrammetria e “remote sensing” sono discipline che si occupano di registrare, misurare, analizzare e rappresentare in digitale la Terra, l’ambiente e gli oggetti.

Riva del garda_600

“La Fondazione Bruno Kessler – afferma Fabio Remondino, responsabile dell’UnitA� 3DOM e presidente della Commissione V dell’ISPRS, da molti anni studia sensoristica per immagini a distanza ravvicinata e applicazioni nel campo della metrologia industriale, del patrimonio culturale, dell’architettura, della biomedicina e delle geoscienze”.

“All’interno del nostro gruppo – continua Remondino – abbiamo sviluppato tecniche all’avanguardia in questo settore che ci hanno permesso di realizzare, tra le attivitA� piA? recenti, la modellazione 3DA� dell’opera d’arte etrusca del “Sarcofago degli Sposi””. L’UnitA� di ricerca 3DOM ha condotto anche campagne di studio e rilievo di molte tombe etrusche nella zona di Cerveteri e Tarquinia, di alcuni forti sugli altipiani trentini risalenti alla Prima Guerra Mondiale (progetto VAST, finanziato dalla Caritro), dei castelli del Trentino (progetto 3D-Arch, finanziato dalla Provincia di Trento), della Grande iscrizione di Gortyna in Grecia (progetto finanziato dalla PAT), dei siti archeologici di Paestum, Pompei e dei temp li Maya di Copan, in Honduras, nonchA� della falla che causA? l’affondamento nel 2012 della Costa Concordia al largo dell’isola del Giglio, nell’arcipelago toscano.

Ricco il progamma delle tre giornate che prevede numerose sessioni plenarie:A�tra gli invitati di rilievo parteciperanno Michael Wimmer, dell’Institute of Computer Graphics and Algorithms della Technical University di Vienna (Austria), Andreas Georgopoulos, del Laboratory of Photogrammetry della National Technical University di Atene (Grecia), Florent Lafarge, del Titane research group dell’INRIA, Sophia Antipolis (France), Sven Havemann dell’Institute of Computer Graphics and Visualization della Technical University di Graz (Austria) e Andrea Fusiello del Dipartimento Electrical Engeeniring dell’UniversitA� di Udine.

A�
A�
A�

Vedi anche

Al Muse le monumentali sculture animali di Jürgen Lingl-Rebetez

Al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, fino al 12 gennaio 2020 sarà possibile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *