SPECIALE 62° TRENTO FILM FESTIVAL: una giornata con Alex Honnold a Trento

Speciale 62° Trento Film Festival: Trentoblog ha trascorso una giornata con Alex Honnold, il giovane americano re dei climber, che come al suo solito ha dato spettacolo.

Al 62° Trento Film Festival come ospite e giurato, il giovane climber americano Alex Honnold, il più audace scalatore solitario, autore di incredibili ascensioni in free solo, in arrampicata libera e senza corda, da Yosemite al Messico, fino all’ennesimo straordinario exploit: la traversata integrale del gruppo del Fitz Roy.

Questo il video contributo realizzato da Mountainblog che, a Trento, ha seguito Honnold per un’intera giornata.

Video & editing: Tommaso Brentari (Mountainblog.it)

honnold


SPECIALE 62° TRENTO FILM FESTIVAL: intervista a Reinhold Messner

Speciale 62° Trento Film Festival: Trentoblog intervista Reinhold Messner sull’alpinismo femminile, tema della serata con ospite il famoso alpinista sudtirolese

messner

Grimpez, les femmes! Arrampicate donne! è stato il titolo della serata condotta da Reinhold Messner nell’ambito del 62° Trento Film Festival
Un incitamento fatto proprio dalle grandi protagoniste di storiche scalate, presenti alla serata del 2 maggio all’Auditorium Santa Chiara.

La nostra redazione ha incontrato, in tale occasione, Reinhold MessnerJunko TabeiMarina Kopteva, Luisa Iovane, Marianne Chapuisat, Angelika Rainer.

Intervista di Andrea Bianchi
Riprese e montaggio: Tommaso Brentari – Matteo Menapace (Mountainblog.it)


SPECIALE 62° TRENTO FILM FESTIVAL: Intervista a Licia Colò

Speciale 62° Trento Film Festival: Trentoblog intervista Licia Colò, conduttrice di “Alle falde del Kilimangiaro”, che ha presentato il suo libro dal titolo “Per te io vorrei”.

licia

Ospite della 62^ edizione del Trento Film Festival, Licia Colò, conduttrice del programma televisivo “Alla falde del Kilimangiaro”, e che alla rassegna trentina ha presentato il suo nuovo libro “Per te io vorrei”.

Nel libro, la Colò ci conduce in un bellissimo viaggio di parole alla scoperta del futuro che vorrebbe per sé, per sua figlia Liala e per tutti gli abitanti della Terra.

L’abbiamo incontrata a Trento…

Intervista di Andrea Bianchi
Riprese e montaggio: Tommaso Brentari e Matteo Menapace (Mountainblog.it)


SPECIALE 62° TRENTO FILM FESTIVAL: intervista a Gerhard Vanzi

Speciale 62° Trento Film Festival: Trentoblog ha intervistato Gerhard Vanzi, direttore marketing di Dolomiti Superski

gerhard

ome vivere e scoprire la montagna in modo tematico, storico. C’è lo spiega Gerhard Vanzi, marketing director di Dolomite Superski.
Le 12 valli delle Dolomiti hanno raccontato le loro storie fatte di natura, emozioni. proposte “attive”, wellness e buona cucina, storia e cultura, attraverso un album fotografico e un video presentato al 62° Trento Film Festival.

Intervista di Andrea Bianchi
Riprese e montaggio: Tommaso Brentari e Matteo Menapace (Mountainblog.it)


SPECIALE 62° TRENTO FILM FESTIVAL: intervista a Spiro Dalla Porta Xydias

Speciale 62° Trento Film Festival: Trentoblog ha intervistato Spiro Dalla Porta Xydias sul concetto etico dell’alpinismo e dell’ascensione che diventa ascesi.

spiro

Al 62° Trento Film Festival, convegno con Spiro Dalla Porta Xydias ed il GISM sul concetto etico di alpinismo e dell’ascensione che diventa ascesi.

L’ascensione, essendo innanzitutto di natura etica e non sportivo/gestuale, rappresenta per l’uomo cosciente o non cosciente un innalzamento spirituale, che gli permette di evadere dai coinvolgimenti materiali e pratici che caratterizzano oggi il nostro quotidiano.

600px-Il-grande-cuore-dell_alpinismo-cover

Il grande cuore dell’alpinismo – cover

Intervista di Andrea Bianchi
Riprese e montaggio: Tommaso Brentari e Matteo Menapace (Mountainblog.it)


SPECIALE 62° TRENTO FILM FESTIVAL: intervista ad Egidio Bonapace

Speciale 62° Trento Film Festival: “Perché e come si va in montagna”, intervista ad Egidio Menapace

bonapace

Nel Salotto letterario del 62° Trento Film Festival, per-corso articolato in quattro incontri, uno per ogni stagione, per fare domande e ipotizzare risposte, condividere significati e interpretazioni, offrire visioni e futuri con Claudio Bassetti, Egidio Bonapace, i coordinatori scientifici e alcuni interlocutori privilegiati.

Il format di colloqui del rifugio fa leva sulla specificità del luogo, sul meccanismo della rapida integrazione delle persone nel rifugio, sulla vicinanza tra temi e luoghi.

La nostra redazione ha intervistato, in proposito, Egidio Bonapace

 

Intervista di Andrea Bianchi
Riprese e montaggio: Matteo Menapace – Tommaso Brentari (Mountainblog.it)


SPECIALE 62° TRENTO FILM FESTIVAL: genziana d’oro a Metamorphosen di Sebastian Mez

Speciale 62° Trento Film Festival: genziana d’oro a Metamorphosen di Sebastian Mez

metamorphosen

E’ il regista tedesco Sebastian Mez il vincitore della Genziana d’Oro – Gran Premio Città di Trento del 62° Trento Film Festival. La giuria internazionale ha premiato con la genziana più ambita il suo film “Metamorphosen“, un’opera che mette in scena con rigore la visione del regista, attraverso un linguaggio cinematografico impressionante e coerente. Usando la potenza del cinema, il film rivela una catastrofe ambientale e le popolazioni che tuttora ne subiscono le conseguenze. Il film racconta la vita della popolazione di una remota e vasta zona degli Urali contaminata alla metà degli anni ’50 da un’esplosione nucleare.

Al regista polacco Bartek Swiderski è andata la Genziana d’Oro del Club Alpino Italiano per il miglior film di alpinismo. E’ “Sati“, “film inusuale” per la giuria questo toccante ricordo di Piotr Morawski, conquistatore di sei Ottomila, morto in Himalaya nel 2009 attraverso le parole della moglie Olga.

La Genziana d’Oro della Città di Bolzano per il miglior film di esplorazione e avventura è andata al documentario “Janapar: love on bike” del regista inglese James Newton, racconto di un lungo viaggio in bicicletta che diventa un’avventura di vita.

Il premio della Giuria se lo aggiudica “Happiness” del regista francese Tomas Balmès, la storia di un monaco bambino che vive con sua madre a Laya, un villaggio del Bhutan abbarbicato sulle alture himalayane. Un documentario che costituisce uno straordinario scorcio sulla società bhutanese e sui cambiamenti che sta affrontando.

Le Genziane d’Argento sono state così assegnate: per il miglior cortometraggio al documentario francese “Le lampe au beurre de yak” del regista Hu Wei, un ritratto sfaccettato della situazione tibetana, e delle diverse reazioni del popolo Tibetano a questo momento storico difficile e di mutamento.

La Genziana d’Argento per il miglior contributo tecnico artistico al documentario “The Creator of the Jungle” del regista spagnolo Jordi Morató, documentario su un personaggio eccentrico quanto straordinario, il signor Garrel.


ANTEPRIMA AL 62° TRENTO FILM FESTIVAL: Trento Symphonia e La Montagna Silenziosa

Anteprima al 62° Trento Film Festival: serata speciale al Supercinema Vittoria con Trento Symphonia, La Montagna Silenziosa e l’annuncio dei vincitori

montagna

Questa sera, al Supercinema Vittoria, doppio appuntamento con le anteprime e l’annuncio pubblico dei vincitori della 62° edizione del Trento Film Festival.

Alle ore 20.30, spazio a Trento Symphonia. Un’orchestra, un coro e un folto gruppo di ragazzi con la funzione di “leggii viventi” vengono ripresi mentre suonano la 8a Sinfonia di Gustav Mahler in un paesaggio di montagna all’inizio del tramonto. Man mano che l’esecuzione musicale procede, i musicisti, guidati dai corrispondenti “leggii viventi”, iniziano a muoversi secondo una precisa coreografia. In determinati momenti dell’esecuzione e dei movimenti nello spazio, gruppi eterogenei di musicisti, coristi e leggii viventi scompaiono all’improvviso e, con loro, i suoni che essi producono. Lentamente, ma inesorabilmente, la musica diventa un oggetto sonoro colto nel momento della sua erosione, cui corrisponde la lenta dissoluzione della visione del paesaggio, per via del procedere dell’oscurità. Alla fine, la musica come oggetto sonoro e il paesaggio come oggetto visivo, pur corrispondendo fedelmente alla configurazione di partenza, si trasformano e modificano profondamente. In questo modo, in “Trento Symphonia” il paesaggio diventa un momento di connessione tra contemplazione, corrispondenza e immaginazione.

Alle ore 21.00, La Montagna silenziosa. Al matrimonio della sorella List nel maggio del 1915 il giovane tirolese Anderl incontra Francesca, graziosa ragazza italiana dal carattere ribelle. Tra i due è amore a prima vista. Ma l’improvvisa notizia che l’Italia ha dichiarato guerra all’Austria-Ungheria si abbatte sull’allegra compagnia nuziale: quella che fino a un attimo prima era una comunità europea piena di speranze si ritrova da un momento all’altro lacerata in nazionalità diverse e il fatale patriottismo di vecchia scuola si dimostra più forte dei legami familiari appena intrecciati. Già il giorno successivo Anderl è inviato a combattere sul lato austriaco del fronte dolomitico – il suo nuovo cognato Angelo su quello italiano. Francesca resta in paese, dapprima nascosta, come infermiera. La Prima Guerra Mondiale infuria come una tempesta nello spettacolare paesaggio montano. Ma anche in mezzo alle granate che piovono senza sosta e agli ufficiali fanatici che lo circondano Anderl coltiva la speranza di un futuro di pace al fianco della sua amata.

Sabato 3 maggio, ore 20.30, Supercinema Vittoria. Per acquistare o prenotare i biglietti: www.cineworldtrento.it


SPECIALE 62° TRENTO FILM FESTIVAL: intervista a Enrico Brizzi e Marco Albino Ferrari

Speciale 62° Trento Film Festival: Trentoblog intervista Enrico Brizzi e Marco Albino Ferrari protagonisti del reading “Appenino a due voci”

brizzi

Tra gli appuntamenti della 62^ edizione del “Trento Film Festival”, anche un reading letterario con Enrico Brizzi e Marco Albino Ferrari, dal titolo “Appennino a due voci”.

Una conferenza-spettacolo e viaggio letterario atteraverso l’Appennino Settentrionale, lungo l’Alta via dei Parchi.

Intervista di Andrea Bianchi
Riprese e montaggio: Tommaso Brentari e Matteo Menapace


SPECIALE 62° TRENTO FILM FESTIVAL: intervista a David Lama

Speciale 62° Trento Film Festival: Trentoblog intervista David Lama giunto a presentare “Cerro Torre”

lama

Al 62° Trento Film FestivalDavid Lama ha presentato l’atteso film “Cerro Torre – E’ la natura a dettare le regole”. 
Nel video, l’intervista realizzata dalla nostra redazione in occasione della speciale proiezione trentina.

Intervista di Andrea Bianchi
Riprese e montaggio: Matteo Menapace – Tommaso Brentari (Mountainblog.it)


SPECIALE 62° TRENTO FILM FESTIVAL: intervista a Simone Moro sul valore della rinuncia

Speciale Trento Film Festival: Trentoblog intervista Simone Moro, reduce dal tentativo di prima invernale non andato a buon fine sul Nanga Parbat

moro

Al 62° Trento Film Festival serata alpinistica con Simone Moro, dedicata al valore della rinuncia.

Moro, reduce dal tentativo di prima invernale al Nanga Parbat non andato a buon fine, ci racconta come la rinuncia non sia un fallimento e che in montagna bisogna perdere per saper vincere

Intervista di Andrea Bianchi
Riprese e montaggio: Tommaso Brentari e Matteo Menapace (Mountainblog.it)


Trento Blog è un supplemento alla testata Blogosphera, registrata presso il tribunale di Trento (n. 1369/08)
Blogosphera: Direttore responsabile: Andrea Bianchi - Editore: Etymo srl
Redazione: c/o Etymo srl - Via Brescia, 37 - 38122 Trento (TN) - tel. 0461.236456 - redazione@etymo.com
© 2006-2010 etymo s.r.l. P.IVA 02242430219. Alcuni diritti sono riservati sotto licenza Licenza Creative Commons.

Policy di utilizzo dei cookies