domenica , 25 Febbraio 2024

CONSERVATORIO BONPORTI: un weekend ricco di eventi

Si concentrano il 13, 14 e 15 marzo 2015 i nuovi eventi organizzati dal Conservatorio a�?Bonportia�? di Trento: tre diversi appuntamenti per tre diverse localitA� del nostro territorio all’insegna dell’approfondimento sull’arte del comporre e attraverso concerti con repertori sinfonici e vocali.

600-Elena_Bresciani_mezzosoprano

VenerdA� 13 marzo 2015 presso la sede staccata di Riva del Garda (ore 16) avrA� luogo una tavola rotonda dal titolo “Omaggio a Leonardo Polato: riflessioni e prospettive sulla musica contemporanea”. Con questo appuntamento, inserito nel ciclo degli Incontri di analisi e composizione, si vuole rendere omaggio al Prof. Polato, una figura che ha dato un importante contributo al conservatorio trentino e che A? scomparsa prematuramente lo scorso autunno. A�L’incontro a�� spiega il Prof. Massimo Priori, curatore del ciclo – sarA� dedicato in parte alla figura del compositore e in parte alla corrente compositiva che seguiva, riconducibile alle sperimentazioni legate alla new complexity (in italia Ivan Fedele). Saranno ascoltati alcuni brani di Polato e sarA� presentato anche un suo videoA�. All’incontro parteciperanno Franco Ballardini, Simonetta Bungaro, Andrea di Paolo, Filippo Perocco, Marco Russo, Corrado Ruzza, Nicola Strafellini, Piero Venturini e Roberto Vetrano, ossia docenti del conservatorio e amici compositori con i quali Polato collaborava.

Sabato 14 marzo 2015 la proposta musicale del a�?Bonportia�? raddoppia con due appuntamenti concertistici: uno a Trento con l’orchestra ed i solisti del Conservatorio (Sala Filarmonica, ore 18) ed un altro ad Arco con musica sacra vocale (Chiesa Collegiata, ore 20.45).

Il concerto di Trento, diretto dal Maestro JuliA�n Lombana, vede protagonisti un’ottantina di studenti del Conservatorio, ossia i componenti dei due gruppi orchestrali del a�?Bonportia�? – l’Orchestra del Conservatorio, con i giovani e promettenti musicisti di domani, e l’Orchestra Microkosmos, quella con gli allievi piA? piccoli che partono dai 9 anni di etA� a�� assieme a tre solisti, selezionati lo scorso anno per esibirsi negli appuntamenti piA? rappresentativi della produzione artistica. A questi tre studenti verrA� data la possibilitA� di eseguire un concerto ciascuno integralmente: la flautista Anna Baldessarini (Classe della Prof.ssa Regano) nel Concerto in sol maggiore op. 29 per flauto e archi di Stamitz (1745-1801), l’oboista Giacomo Piccioni (Classe del Prof. Tomasi) nel Concertino per corno inglese e orchestra di Donizetti (1797-1848) e infine la violoncellista Benedetta Baravelli (Classe Prof.ssa Guarino) nel Concerto N. 1 in Do maggiore per violoncello e orchestra di Haydn (1732-1809). SarA� l’Orchestra del Conservatorio ad accompagnare gli studenti solisti nella loro esibizione, mentre i giovanissimi dell’Orchestra Microkosmos eseguiranno alcuni brani dall’Album per la GioventA? di Schumann (1810-1856) nella trascrizione orchestrale di Guy Lacour. Un concerto, dunque, dal carattere fresco e gioioso, come la gioventA? che ne A? protagonista.

Nel concerto di Arco, che avrA� luogo nella stessa giornata di sabato (Chiesa Collegiata, ore 20.45), verranno proposte una serie di arie e pezzi sacri che saranno interpretati dal soprano Denia Mazzola Gavazzeni e dal mezzosoprano Elena Bresciani, con l’accompagnamento all’organo del Prof. Giovanni Giannini. L’appuntamento, intitolato a�?Ad Crucema�?, propone musiche di Pergolesi, Rossini, Donizetti, Mendelssohn, Massenet, Jacopone da Todi e Verdi. A renderlo prezioso la partecipazione del famoso soprano Denia Mazzola. Bergamasca, artefice della riscoperta delle opere di Donizetti, sposA? negli anni Novanta il direttore d’orchestra nonchA� critico musicale Gianandrea Gavazzeni, una delle piA? alte personalitA� nel mondo musicale italiano e internazionale. Denia Mazzola da quest’anno A? entrata nel corpo docenti del Conservatorio trentino.

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *