domenica , 14 Luglio 2024

CORSI GUIDA SU NEVE: Unire l’utile al dilettevole.

Il parere di Alfredo Nepi sui corsi di guida sicura su fondo ghiacciato. Imparare a guidare su neve e ghiaccio divertendosi

600-guidare sulla neve

di Alfredo Nepi

La strada innevata, o peggio ghiacciata, rappresenta un’insidia notevole che mette a rischio la nostra sicurezza e quella delle persone che viaggiano in auto con noi. Quando si parla di neve e guida, questo connubio che scatena le piA? disparate reazioni: euforia per gli smanettoni e terrore per chi non ama guidare su fondi innevati. Spesso, soprattutto i giovani, hanno eccessiva fiducia nelle proprie capacitA� e, forse influenzati dalle abitudini dei videogiochi, ritengono di riuscire a gestire qualunque imprevisto. Nulla di piA? sbagliato! Guidare su un fondo a scarsa aderenza non A? come mandare la vettura in testacoda su un piazzale innevato, dove ci sono ampie vie di fuga e nessun ostacolo. Ea�� tutta una��altra cosa.

In ogni caso quando si guida su neve, A? importante A? conoscere il comportamento della vettura. In particolare modo prevenirne le reazioni ed imparare a controllarle. Occorre ricordare che la neve ha diverse gradazioni di aderenza: su quella compatta si scivolerA� piA? facilmente, mentre sul manto fresco l’aderenza sarA� maggiore. Il ghiaccio comporta quasi sicuramente una sbandata.

L’approssimazione e l’imperizia sono la maggior causa degli incidenti, che possono verificarsi sulle strade. Per chi vuole essere al massimo della preparazione ci sono i corsi pratici di guida sicura. I corsi consentono alla��allievo di prendere coscienza dei propri limiti e delle proprie reazioni al presentarsi di un pericolo.

Al test drive che abbiamo partecipato per Trento Blog Motori, abbiamo appreso le corrette tecniche di guida necessarie a padroneggiare le varie situazioni di pericolo, con e senza la��ausilio dei dispositivi di sicurezza attiva (ABS, ASR, ESP).

Il corso tenuto da Drive OK si A? svolto con un inizio di parte a�?teorica’ di circa 20 minuti A�A�effettuata nella hospitality riscaldata a cura degli istruttori. Questa fase si A? resa necessaria per impostare correttamente la tecnica per poi passare alla guida alternandosi con i partecipanti del gruppo in periodi di circa 15 min. ciascuno. Vetture utilizzate Subaru con pneumatici chiodati.

La parte guidata con corsi specifici ha permesso di sviluppare la capacitA� di ognuno di noi e di valutare le condizioni di aderenza mantenendo il controllo dell’auto in situazioni rese critiche. A tale scopo, un percorso, completamente innevato e ghiacciato, circondato da barriere di neve, ci ha permesso di apprendere le manovre necessarie per mantenere la vettura in strada. E la finalitA�, in tutti quanti i casi, A? stata quella di poter imparare a gestire l’automobile in condizioni estreme: capire il comportamento in frenata, in curva e in accelerazione, per prendere dimestichezza con la neve allenandosi in tutta sicurezza su fondi a scarsa aderenza. Ma al contempo divertirsi, perchA� vorremmo vedere in faccia chi nella vita, almeno una volta, non ha mai avuto la tentazione di mettere di traverso la vettura che sta guidando e riuscire a fare gran parte della pista innevata.

Contrariamente a quanto si possa credere i corsi neve/ghiaccio rappresentano una bellissima opportunitA� per tutti. Sono utili per a�?sentirea�? quando la vettura arriva al limite di aderenza e per acquisire gli automatismi di correzione della sbandata, tecniche indispensabili ad aumentare la sicurezza di guida anche di coloro che percorrono strade meno insidiose.

Da parte mia, abituato alla guida in circuito e in monoposto, riconosco che A? stato difficile abituarmi alle tecniche insegnate dai bravissimi istruttori. Con il mio stile di guida hanno dovuto sudare le sette camicie ed avere molta pazienza. Mentre ho notato che i giovani che erano al corso, in pochissimo tempo avevano imparato molto velocemente tutte le informazioni fornite.

Ecco il video del test drive:A�http://youtu.be/R96HqJnlmMY

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *