DECANTAR FLAMENCO
Il flamenco interpreta il vino… trentino

pubblicato da: TrentoBlog in Eventi,evidenza,Trento

Flamenco e vino, in Andalusia, sono uniti da sempre; Decantar Flamenco porta fuori dai confini spagnoli questa unione, reinventandola, oggi, con il sostegno di alcuni dei migliori vini Trentini.

L’appuntamento con l’evento “DECANTAR FLAMENCO: il flamenco interpreta il vino… trentino“, è per mercoledì 19 dicembre dalle ore 20.30 presso il Teatro San Marco in via San Bernardino 8 (TN).

La versione presentata in teatro è il risultato di un percorso iniziato più di un anno e mezzo fà: in scena tre bailaoras, un cantaor, un chitarrista e un percussionista. Un attore, infine, avrà il compito di raccontare di vino e di flamenco, mescolando i due mondi, descrivendo l’uno e l’altro allo stesso tempo, quasi come se parlando di vino, si possa “Decantare il flamenco”.

Il vino è un dono meraviglioso , un prodotto non solo di forza fisica, ma anche di intelligenza.

Il lavoratore si conforta, dopo la fatica del giorno, con generosi sorsi, il negoziante suggella con un calice di vino l’incasso della giornata e il poeta lo usa per cercare ispirazione.

L’anziano si sente ringiovanire, si inumidisce le labbra con un sorso di vino e gli ardori della gioventù rifioriscono.
E’ la sostanza che, per eccellenza, fa sì che l’anima cambi, da un momento all’altro, nella maniera più percettibile e visibile. E’ il bene e il male, il riso e il pianto, il piacere e il dolore.

Il vino è quindi simbolo di vita! E cos’è il flamenco, se non brandelli della propria vita, brandelli dell’anima nella voce troncata, rotta e febbrile di un cantaor?

Una voce che non inventa, ma ricorda; una voce che si fa aiutare da un calice di vino per risvegliare la memoria, per ricordare quelle reali, oneste e sincere emozioni oceaniche, come le definisce Felix Grande, flamencologo, poeta e critico spagnolo.

Decantar Flamenco porta in scena alcuni dei più grandi vini trentini, con tutte le loro sfumature, profumi e sapori: dalla freschezza di un Müller Thurgau, al rosso sanguigno di un Merlot, dal dolce oro di un femminile Passito, alla effervescente spregiudicatezza di uno Spumante…tutti reinterpretati dall’arte flamenca della chitarra, del cante e del baile.

canto Angelo Giordano
chitarra Marco Perona
percussioni Tony Colangelo
baile Martina De Nisi, Paola Volta e Gloria Chiarello con la partecipazione degli allievi del corso avanzato
attore Tiziano Chiogna
luci Mara Pieri
foto Fulvio Pettinato
ideazione e regia Tony Colangelo e Martina De Nisi.

Il costo del biglietto d’ingresso è di 8 euro.
E’ possibile contattare l’associazione per l’acquisto dei biglietti in prevendita.

Per info e prenotazioni:
Associazione Flamenco Miel y Limon
www.flamencomielylimon.it
info@flamencomielylimon.it
3395267781 – 3479165136

Articoli simili

Pubblicato il 16 dicembre, 2012 @ 10:04 am.


Trento Blog è un supplemento alla testata Blogosphera, registrata presso il tribunale di Trento (n. 1369/08)
Blogosphera: Direttore responsabile: Andrea Bianchi - Editore: Etymo srl
Redazione: c/o Etymo srl - Via Brescia, 37 - 38122 Trento (TN) - tel. 0461.236456 - redazione@etymo.com
© 2006-2010 etymo s.r.l. P.IVA 02242430219. Alcuni diritti sono riservati sotto licenza Licenza Creative Commons.

Policy di utilizzo dei cookies