sabato , 25 Maggio 2024

DOLOMITI ENERGIA: ad un passo dal colpaccio ma in overtime vince Avellino 79-69

I bianconeri, avanti per quasi tutta la gara, si fanno raggiungere nel finale da un libero di Cusin: al supplementare decide Marques Green. DAL COMUNICATO UFFICIALE AQUILA BASKET

600-aquila-avellino

Non bastano ai trentini le grandi prove di Craft (18) e Baldi Rossi (14)

Dopo una gara di grande soliditA� difensiva, condotta quasi per intero grazie alle grandi prove di Craft (18 punti e 5 assist) e Baldi Rossi (14 con 3/6 da 3 e 7 rimbalzi), la Dolomiti Energia alza bandiera bianca nel gelo del PalaDelMauro arrendendosi all’overtime al veemente ritorno della Sidigas Avellino. A trascinare gli irpini al successo per 79-69 un super Marques Green, che dopo aver suonato la carica nel quarto periodo con due tripleA�siglate nel momento di massima difficoltA�, suggella il successo dei padroni di casa con un supplementare da incorniciare. Ad una Trento sciupona, che chiude cosA� il girone d’andata a quota 12 punti in classifica, non bastano per consolarsi le ottime prove offerte pure da Forray (9) e Moraschini (7).

La cronaca: Aaron Craft prende di petto l’incontro, attaccando Joe Ragland con la penetrazione al ferro e il palleggio arresto e tiro (2-4). La difesa trentina inoltre copre benissimo il pitturato, concedendo ai padroni di casa solo il tiro da fuori. Adonis Thomas (3) e Marteen Leunen (6 con la seconda tripla a segno solo con l’aiuto della parte alta del tabellone) non si fanno pregare, ma quando alle percussioni di Craft (8) e ai tiri dalla media di Lighty (4) Trento aggiunge pure le bombe di Beto e Baldi Rossi, i bianconeri danno la sensazione di poter scappare via (11-18).

Per frenare l’emorragia, Sacripanti deve pescare dalla sua profondissima panchina la fisicitA� di Kyrilo Fesenko, che col suo post basso regala ai campani un’alternativa al tiro dalla distanza: al 10′ A? 13-18.

In apertura di secondo periodo il centro ucraino continua a fare la voce grossa (7 punti e 6 rimbalzi), con la staffetta Lechthaler-Baldi Rossi a fare il possibile per contenerlo (22-24 al 15′). Due iniziative di Flaccadori (4) e il post basso di Forray su Green danno un po’ di ossigeno all’attacco trentino (22-28), ma nel freddo pungente del PalaDelMauro Adonis Thomas riesce a mantenere la mano calda, punendo le rotazioni difensive trentine con le sue triple (3/4 per 11 punti). Alla pausa lunga A? 30-32 Dolomiti Energia.

Di rientro dagli spogliatoi le due squadre alzano ulteriormente l’intensitA� difensiva. Avellino trova soluzioni importanti da Ragland (6) e da un Cusin di grande sostanza (4), Trento risponde con i canestri importanti da Forray (9 punti con 2/5 dall’arco): al 30′ A? 44-45.A�In apertura di ultimo quarto, improvvisamente, la Dolomiti Energia si accende in attacco, grazie alla penetrazione di Craft e alla schiacciata in contropiede di Moraschini. Quando poi lo stesso Moraschini trova la tripla, immediatamente imitato da Baldi Rossi nel possesso successivo, al PalaDelMauro si sentono solo i quattro tifosi bianconeriA�arrivati ad Avellino nonostante la neve (50-58). La risposta della Sidigas, perA?, non si fa attendere: Marques Green, tenuto in campo da Sacripanti nonostante il quarto fallo personale attribuitogli a inizio ultimo periodo, riaccende l’entusiasmo della curva avellinese con una bomba, tenendo i padroni di casa in partita. Il finale, che Trento gioca senza Lighty per un infortunio ad un ginocchio, A? palpitante. La Sidigas si riavvicina con i suoi lunghi (59-60 a meno di due minuti dalla fine), ma un altro canestro dall’arco di Baldi Rossi mette due possessi di distanza tra le due squadre (59-63). La difesa dei bianconeri sembra poter chiudere la gara, ma una fortunosa tripla di Green, a bersaglio con l’aiuto di ferro e tabellone, riapre i giochi a 28 secondi dal termine (64-65). Trento ha l’attacco per chiudere il match, ma Beto perde palla, consegnando agli irpini l’opportunitA� di vincere il match. La difesa aquilotta fa un buon lavoro su Ragland, ma Cusin svetta a rimbalzo subendo fallo a un secondo dal termine. Il centro azzurro segna solo la prima delle due soluzioni dalla linea, sbagliando la seconda anche grazie a un prezioso tap-out di Hogue. E’ overtime.

Il supplementare si apre con un canestro da tre punti fortunato di Craft (65-68), ma il serbatoio dei trentini segna chiaramente riserva. Green sale in cattedra, e con 8 punti personali decide la partita. Finisce 79-69, con la Dolomiti Energia a leccarsi le ferite per una gara di grande spessore gettata al vento per qualche errore di troppo nel finale.

 

SIDIGAS AVELLINO 79-69 d.t.s. (13-18, 30-32, 44-45. 65-65)

AVELLINO: Thomas 13 (2/4, 3/6), Leunen 8 (1/1, 2/7), Cusin 11 (4(7), Obashoan 8 (1/3, 1/1), Ragland 10 (5/7, 0/4), Fesenko 14 (4/8), RandolphA�(0/3, 0/1), Severini n.e., Esposito n.e., Green 14 (0/1, 4/5), Zerini 2 (1/1, 0/1), Parlato n.e. Coach: Sacripanti.

TRENTINO: Craft 18 (5/7, 1/1), Baldi Rossi 14 (2/6, 3/6), Moraschini 7 (2/4, 1/1), Forray 9 (1/5, 2/6), Lovisotto ne, Flaccadori 6 (3/6, 0/2), Gomes 5 (1/5, 1/6), Hogue 4 (1/5), Lighty 6 (3/8, 0/1), Lechthaler. Coach: Buscaglia.

ARBITRI: Sahin Tolga, Attard Manuel e Dario Morelli

NOTE: Tiri liberi: Avellino 13/16, Trentino 9/11. Tiri da due: Avellino 18/35, Trentino 18/46. Tiri da tre: Avellino 10/25, Trentino 8/23. Rimbalzi: Avellino 41 (Thomas 12), Trentino 37 (Hogue 8). Assist: Avellino 24 (Leunen e Ragland 6), Trentino 11 (Craft 5).

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *