venerdì , 21 Giugno 2024

ELEMENTO PALLADIUM: la psicologia al servizio dello sport, o viceversa?

Abbiamo intervistatoA�la psicologa sportiva Paola Bertotti, dal momento che molti si domandano che legame possa avere la psicologia con lo sport e la��attivitA� fisica.

600-ALESSANDRO_SANTONI_FOTO5

Quella che viene definita psicologia dello sport o psicologia sportiva A? un specifico settore della psicologia che ci aiuta ad andare oltre gli aspetti fisico e tecnico dello sport e ci permette di esplorare la prospettiva psicologica, sociale ed educativa dell’attivitA� motoria. Il compito che lo psicologo svolge in ambito sportivo non A? di tipo clinico, ovvero non si tratta di una psicoterapia, ma piuttosto di un lavoro sull’ottimizzazione delle potenzialitA� e delle risorse dell’individuo. L’idea non A? quella di trasformare giovani atleti in talenti, ma quella di sfruttare al meglio ciA? che A? giA� nell’individuo, ciA? che ancora non A? emerso, in una parolaa��il potenziale. In senso piA? ristretto, l’obiettivo A? quello integrare la preparazione fisica e tecnica con una preparazione di tipo mentale, allo scopo di migliorare la prestazione dell’atleta.

Per fare ciA? si passa attraverso varie declinazioni della psicologia dello sport: in base all’etA�, in base al livello dell’atleta o della squadra con cui si ha a che fare, in base al tipo di sport.

Uno psicologo sportivo puA? lavorare con atleti singoli con un percorso di mental training, tramite il quale si va ad agire sulle abilitA� mentali che sono implicate nello sport di quella��atleta (attenzione e concentrazione, gestione delle emozioni quali ansia e stress, il dialogo interno e il pensiero positivoa��). I ragazzi del Team Despar hanno a disposizione questo servizio. Ma si lavora anche con le squadre per migliorare la coesione, la comunicazione, la creazione di un obiettivo comune e tutto ciA? che puA? portare ad una miglior performance.

Ultimo, ma non meno importante A? il lavoro con lo staff tecnico e i genitori, i quali sono parte integrante della vita dello sportivo, soprattutto se si ha a che fare con giovani leve. Si tratta di incontri formativi per gli allenatori e i dirigenti su tematiche inerenti gli aspetti psicologici, sociali ed educativi della��attivitA� motoria, quali, ad esempio, la comunicazione, la motivazione, la leadership. Mentre per i genitori si prevedono incontri informativi utili a favorire in loro una partecipazione attiva alla vita sportiva del figlio e una miglior gestione della stessa.

Ma la psicologia dello sport non A? solo questo. La��altro lato della medaglia A? quello che prende in considerazione il valore educativo e formativo che l’attivitA� motoria puA? avere.

Infatti, essa puA? essere utilizzata dallo psicologo, in ambito educativo/scolastico, come strumento formativo, utile per apprendere quelle “abilitA� per la vita” (Life Skills) che possono essere poi trasferite nel quotidiano. Attraverso esercizi ludico-sportivi si spinge il bambino a ricercare e potenziare quelle abilitA� che, secondo l’Organizzazione Mondiale della SanitA�, sono a�?capacitA� che ci permettono di acquisire un comportamento versatile e positivo, grazie al quale possiamo affrontare efficacemente le richieste e le sfide della vita quotidiana.a�?

La psicologia dello sport, quindi, non si esaurisce nel motivare l’atleta e aiutarlo a migliorare, ma si tratta di considerare la persona (non necessariamente atleta) nella sua totalitA�, lavorando sui tre livelli: mentale, comportamentale ed emotivo, con l’obiettivo di raggiungere uno stato di benessere e di salute.

 

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *