venerdì , 7 agosto 2020
Home / economia e società / FAI LA TUA P/arte: Il cantiere della creativitA�

FAI LA TUA P/arte: Il cantiere della creativitA�

600Per il terzo anno consecutivo, con un crescendo di partecipazione e con una varietA� di proposte che si rinnova di anno in anno alla��insegna di molteplici espressioni artistiche, si si svolge a Levico Terme , (domenica 16 marzo) la manifestazione Fai la tua P/arte.

Si tratta di una vetrina della creativitA� artistica giovanile che chiama decine e decine di protagonisti in un intreccio di etA� e di esperienze ad animare una ininterrotta sequenza di esibizioni e momenti di aggregazione artistica, che offe una panoramica vasta e colorata di tante forme di espressivitA�.

A Fai la tua P/arte a�� evento che non casualmente ha scelto fin dalla sua prima edizione un logo che richiama la cantieristica stradale, (un cantiere della��arte dove prende forma il coinvolgimento) sono presenti anche questa��anno musicisti, ballerini, pittori, scultori, scrittori, poeti, a�?circensia�?, fumettisti, grafici e quanta��altro A? in grado di offrire il variegato e stimolante universo della creativitA� che merita spazio e possibilitA� di farsi conoscere ed apprezzare.

Il Palalevico per un intero pomeriggio, (dalle 14 alle 19) si trasforma con A�Fai la tua P/arteA� in un luogo di spettacolo e dialogo creativo e artistico. Una trasformazione estetica e funzionale di un luogo dove il pubblico a�� sempre piA? numeroso nelle due passate edizioni a�� diventa a sua volta protagonista attraverso il percorso che ognuno puA? autonomamente costruire nel seguire i tanti momenti della manifestazione. Il Palalevico sarA� dunque la location di una no stop di eventi, molti dei quali itineranti, nei quali si intrecciano diverse discipline con lo stimolo a collaborazioni artistiche, session, improvvisazioni e sorprese.

La��idea di fondo A?, infatti, quella di un passaggio di testimone tra una��esperienza artistica e la��altra che lascia ampio spazio anche alle sinergie tra artisti. Non uno spettacolo secondo canoni classici e rituali, ma un insieme solo apparentemente casuale di diversi momenti dinamici che permettono al pubblico di scoprire le potenzialitA� di un patrimonio espressivo passando dalla��ascolto della musica al ballo, dalla��attenzione a giovani pittori che creano dal vivo le loro opere alla vivacitA� colorata di writers, dalle esplorazioni del cielo alle acrobazie circensi, dalle clownerie alla realizzazione di esprimenti tra video, musica, elettronica. E molto altro.

Questa��anno sono coinvolte nella terza edizione di Fai la tua P/arte una quarantina di realtA� che comprendono sia associazioni che, soprattutto, singoli protagonisti. La particolaritA� della��evento A? una coraggiosa scelta organizzativa che si fa del basso budget una forza creativa. La��organizzazione ha fin dalla prima edizione compiuto la scelta di chiedere a tutti i partecipanti una gestione autonoma dei propri spazi espressivi che comprende anche la��arredo delle diverse situazioni di spettacolo e di esposizione. Il tutto attraverso uno spirito di scambio e di partecipazione che nelle intenzioni dei promotori A? imprescindibile e che costituisce il valore aggiunto a�� dal profondo significato sociale a�� alla no stop di esibizioni.

Nelle due passate edizioni il riscontro della��iniziativa ha superato ogni piA? ottimistica previsione e la testimonianza del successo sta nella moltiplicata richiesta di partecipazione a�� oltre che nella varietA� delle proposte a�� riscontrata per questa terza edizione.

Fai la tua P/arte si svolgerA� domenica 16 marzo e tutti i protagonisti sono invitati dalla��organizzazione a contribuire alla��allestimento del Palalevico il giorno precedente la��evento. VerrA� utilizzato tutto il Palalevico, tempo permettendo anche nella sua parte esterna. Nella platea della struttura quattro spazi/palco/cantiere vedranno alternarsi le proposte musicali, teatrali, letterarie eccetera. I lati della platea saranno occupati per la maggior parte dalle sezioni grafico espressive. Il palco sarA� spazio per i balli e per la testimonianza video fotografica in diretta di quanto avverrA� al Palalevico durante la��evento. Nella��atrio e in altri spazi sarA� organizzata la��animazione per i bambini e al pubblico sarA� chiesto di farsi a�?criticoa�? in diretta della manifestazione attraverso la��utilizzo di post it. Al primo piano saranno collocate esperienze artistico culturali che hanno bisogno di ambientazioni piA? raccolte e confidenziali. Ogni esperienza artistica di palcoscenico dovrA� organizzare la propria proposta in diversi a�?stepa�? di pochi minuti da ripetere in una staffetta artistica coordinata dalla��organizzazione che fornisce ai partecipanti la parte tecnica di base per le esibizioni.

Fai la tua P/arte A? il cantiere della creativitA� che garantisce ai partecipanti a�� specie a quelle realtA� che non sono organizzate ed istituzionalizzate a�� la possibilitA� di farsi conoscere e di stabilire contatti e collaborazioni in un clima di corale dinamismo. La formula della piena collaborazione e dello scambio tra partecipanti permette di contenere i costi della manifestazione entro limiti che a giudizio dei promotori rappresentano un ulteriore valore della proposta.

I PROTAGONISTI

Ye in the Sky a�� Foto/musica
Luca Cappalonga a�� Arte scrittura
Flamenka a�� Danza flamenco
Madoo a�� Pittura spray
Saretta Arcobaleno a�� Scrittura
Blues Luca a�� Musica
Zivirell a�� Danza irlandese
Tobia Zambotti a�� Pittura
CandirA? a�� Musica/foto
Anja Crespi a�� Design
Giorgia Pallaoro a�� Pittura
Deborah Vianello a�� Foto/danza
ASD Dynamica a�� Ballo hiphop
Animacri a�� Animazione
Bolle di sapone a�� Arte circense
Fabrizia Toller a�� Musica
Federico Bernard a�� Scultura
Stefania Zanetti a�� Fotografia
Ivan Passamani a�� Fumettista
Caterina a�� Fumettista
Andrea Lelli a�� Musica
Matteo Ganzerli a�� Musica
Trampolieri Kairos a�� Arte circense
Dreamers a�� Musica/pittura
The Clochart Crew a�� Arte da strada
Linda e Clarissa a�� Trucco artistico
Moreno Sighel a�� Pittura
Alessia Pallaoro a�� Pittura
Contaminarte a�� Arte sonora
Nicola Piras a�� Musica
Stefania Simeoni a�� Pittura
Sara Previsdomini a�� Musica
Cosmin a�� Video
Re 7ma minore a�� Musica
Marica Furlani a�� Fotografia
Daniel Cetto a�� Scultura

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …