martedì , 16 Luglio 2024

Il Cinema della Shoah
Tre giorni di film e riflessioni in occasione del Giorno della Memoria

600

Il Giorno della Memoria A? stato istituito nel 2001 per ricordare la��anniversario della��abbattimento dei cancelli di Auschwitz, della fine della Shoah e delle leggi razziali e nel ricordo dei cittadini ebrei e italiani che hanno subA�to la deportazione, la prigionia, la morte, nonchA� di coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio e a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

Ma come tenere vivo il ricordo della��Olocausto anche tra chi A? ormai lontano, per etA� e per formazione, da quella��orrore? Un ciclo di tre film documenta le nuove strade percorse dalla settima arte per raccontare i campi di concentramento in rapporto al presente, prendendo a prestito linguaggi e stilemi dal noir, dal grottesco, dalla letteratura per la��infanzia, dalla tragicommedia sentimentale.

PROGRAMMA

lunedA� 27 gennaio ore 21.00 (ore 10.00 proiezione riservata agli istituti scolastici)
NUMBERED
film-documentario di Uriel Sinai e Dana Doron, Israele, 2012, 55a��
Si stima che circa 400.000 persone siano state tatuate ad Auschwitz; oggi i sopravvissuti sono solo poche migliaia. Che significano oggi quei numeri impressi sulle braccia per le persone che li portano? Per i loro familiari? Per i piA? giovani che, sempre piA? numerosi, scelgono di farsi tatuare le stesse cifre sulla pelle? Quelle cicatrici, che dovevano distruggere le identitA�, si trasformano in testimonianze illuminanti, personali e piene di vita.
Presentazione di Ugo Morelli, presidente di Polemos, Scuola di formazione e studi sui conflitti

martedA� 28 gennaio ore 21.00 (ore 10.00 proiezione riservata agli istituti scolastici)
TRAIN DE VIE
film di Radu Mihaileanu, Francia, Belgio, Romania, Israele, Paesi Bassi 1998, 103a��
Una sera del 1941, Schlomo, il folle fa ritorno al proprio villaggio ebraico della��Europa della��Est, con la notizia della��imminente arrivo dei tedeschi. Il Consiglio dei Saggi si riunisce e decide di organizzare un falso treno di deportati per sfuggire ai nazisti. La comunitA� prepara la partenza in gran segreto per la Terra Promessa.
Presentazione di Katia Malatesta, direttrice artistica Religion Today Filmfestival

mercoledA� 29 gennaio ore 21.00 (ore 10.00 proiezione riservata agli istituti scolastici)
LA CHIAVE DI SARA
Film di Gilles Paquet-Brenner, Francia, 2010 , 111a��
Julia Jarmond A? una giornalista americana, moglie di un architetto francese e madre di una figlia adolescente.
Indagando sul rastrellamento di tredicimila ebrei, arrestati e poi concentrati dalla polizia francese nel VA�lodrome da��Hiver nel luglio del 1942, a�?incrociaa�� Sara e apprende la sua storia, quella di una bambina di pochi anni che sopravviverA� alla sua famiglia e agli orrori della guerra.
Presentazione di Alberto Conci, Servizio istruzione della Provincia autonoma di Trento

ingresso libero e gratuito alla proiezione delle ore 21.00
la proiezione delle ore 10.00 A? riservata agli istituti scolastici su prenotazione entro le ore 12.00 di venerdA� 24 gennaio telefonando alla Fondazione Museo storico del Trentino 0461 230482
referenti: dott.ssa Cristina Pasolli, telefono 328 3807029,
dott. Luca Caracristi, telefono 366 6352318

iniziativa organizzata da: Comune di Trento in collaborazione con Fondazione Museo storico del Trentino, Forum trentino per la pace e i diritti umani, Religion Today filmfestival

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *