venerdì , 7 agosto 2020
Home / evidenza / IL LAGO DI LEVICO
A? ancora piA? blu

IL LAGO DI LEVICO
A? ancora piA? blu

Presentato ufficialmente questa mattina il riconoscimento della a�?Bandiera Blu da��Europaa�? al Lago di Levico, ottenuto per l’impegno nella promozione di un turismo all’insegna della sostenibilitA�.

foto autoritA� e bandiera blu

Unico specchio lacustre del Trentino-Alto Adige, il Lago di Levico ha ottenuto la Bandiera Blu da��Europa dalla FEE Foundation of Environmental Education, organizzazione internazionale non governativa e no-profit con sede in Danimarca, che agisce a livello mondiale ed A? attualmente presente in 60 Paesi nei 5 continenti.

La Bandiera Blu da��Europa A? un eco-label internazionale volontario di certificazione della qualitA� ambientale, che viene assegnato ogni anno in 41 Paesi alle localitA� turistiche balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio, sensibilizzando quindi le scelte politiche verso la cura e la��attenzione alla��ambiente. Tra i numerosi criteri oggetto di valutazione rientrano la qualitA� delle acque di balneazione, la��educazione e le iniziative ambientali, la spiaggia, gli stabilimenti balneari, il turismo, la pesca e la gestione dei rifiuti. In particolare per la candidatura del Lago di Levico – promossa dal Comune di Levico Terme – sono risultati di fondamentale importanza, oltre alla salubritA� delle acque, il divieto di navigazione per i mezzi a motore, le iniziative di sensibilizzazione ambientale realizzate dalla��Amministrazione Comunale con la��APPA Agenzia Provinciale per la Protezione della��Ambiente, la raccolta differenziata nella localitA�, la presenza del biotopo, la��assenza di scarichi nello specchio lacustre e la��ampia fascia di rispetto garantita dalla distanza delle case dalla riva.

Questa mattina sulla spiaggia libera si A? quindi svolta la presentazione ufficiale del riconoscimento della Bandiera Blu da��Europa al Lago di Levico. Alla��evento erano presenti il Sindaco di Levico Terme Gianpiero Passamani, la��Assessore al Turismo Tommaso Acler che ha seguito la candidatura, il Vicepresidente di APT Valsugana Massimo Oss e il Direttore della Divisione Turismo e Promozione di Trentino Sviluppo Paolo Manfrini, che hanno tutti sottolineato la��importanza di questo riconoscimento per Levico Terme, la Valsugana e il Trentino. In occasione della presentazione il numeroso pubblico presente ha avuto inoltre la possibilitA� di testare barche, scooter e auto elettriche, nonchA� le e-bike della rete europea a�?moveloa�?.

Levico Terme e il suo lago

Quello di Levico A? il secondo lago piA? esteso della Valsugana dopo quello di Caldonazzo e in estate A? una meta particolarmente apprezzata dai numerosi turisti provenienti da ogni angolo d’Europa, che scelgono la destinazione per trascorrere una vacanza rilassante, praticare sport acquatici, fare piacevoli passeggiate a�� tra cui la suggestiva Via dei Pescatori a�� e pedalare lungo la ciclabile della Valsugana. Incastonato tra le montagne come un piccolo fiordo norvegese, il Lago di Levico offre due stabilimenti balneari attrezzati, una grande spiaggia libera alberata nonchA� il noleggio di barche a remi ed elettriche. Ea�� inoltre ideale per praticare la pesca, grazie alle numerose specie ittiche che abitano le sue acque.

Nel vicino centro della localitA�, famosa per le sue terme arsenicali-ferruginose uniche in Italia e rare in Europa, sono da scoprire tanti piccoli scorci caratteristici e il grande Parco delle Terme, progettato in epoca asburgica. Per il pernottamento sono a disposizione degli ospiti numerose strutture a�� alberghi, campeggi, B&B e appartamenti a�� che permettono di trascorrere una vacanza a dimensione di famiglia, alla��insegna di relax e sport.

a�?Green Dream Valleya�?, il nuovo video della Valsugana, A? disponibile su www.visitvalsugana/livelovevalsugana

Fonte: www.visitvalsugana.it

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …