venerdì , 23 Febbraio 2024

IL TOCCO DEL PECCATO: Jia Zhang-Ke

600Attraverso quattro storie il regista racconta le tensioni sotterranee della Cina, il suo disastro morale e sociale, la violenza della sua societA�.All’interno del ciclo Effetto festival, verrA� proiettato per la prima volta in Trentino al TeatroA�comunale di Pergine, martedA� 4 marzo alle 20.45, il flm-scandalo sul ruolo della violenza nellaA�societA� cinese contemporanea, censurato in patria e vincitore della premio per la migliorA�sceneggiatura a Cannes 2013.

Un minatore non si rassegna alle responsabilitA� di corruzione del capo del suo villaggio, boss arricchitosi vergognosamente mentre quasi tutta la sua comunitA� sopravvive come puA?.

Un lavoratore che, per mantenere faticosamente moglie, fglioletto e l’anziana madre, A?A�costretto a viaggiare in lungo e in largo per la Cina, armato di una pistola per scansare i numerosi pericoli che gli si pongono sulla strada, in un paese pervaso da una violenza diffusa.

La receptionist di una sauna dove si praticano anche prestazioni sessuali che dopo aver chiusoA�dolorosamente una relazione “scorretta” con un uomo sposato si vede molestata da dueA�clienti che pretendono da lei i servigi solitamente svolti dalle massaggiatrici.

Un giovane operaio cambia continuamente lavoro alla ricerca di un’occupazione che possaA�dargli una minima possibilitA� di costruirsi una vita e al contempo aiutare la madre che viveA�lontana e in diffcoltA� economiche.

Quattro storie, ognuna della durata di mezz’ora, ispirate a fatti realmente accaduti,A�ambientate in altrettante aree della Cina contemporanea, dallo Shanxi (luogo natale del registaA�Jia Zhang-ke) allo Hubei, da Chongqing al Guangdong, a sottolineare come il “peccatoA�originale” del grande paese sia qualcosa di endemico e indifferentemente distribuito.

a�?Il flm prende spunto da quattro fatti realmente accaduti in Cina in anni recenti, fatti ben notiA�alla gente di tutta la Cina, avvenuti nello Shanxi, a Chongqing, nello Hubei e nel Guangdong,A�zone che comprendono da Nord a Sud gran parte del paese. Ci tenevo a partire da notizie diA�cronaca, perchA� ciA? che volevo costruire era un ritratto realistico della vita nella CinaA�contemporaneaa�?. Jia Zhang-ke.

Il regista, giA� vincitore nel 2006 del Leone da��Oro al Festival di Venezia con Still Life, enunciaA�una tesi lineare e facilmente percepibile dal pubblico, mostra senza censure tutta la violenzaA�possibile, affdando a essa il ruolo da��incessante leitmotiv dell’opera.
Senza spiegazioni o comunicazioni uffciali, in Cina A? stata bloccata la��uscita in sala del flm, IlA�New York Times ha denunciato la censura: i giornalisti cinesi sarebbero stati invitati a nonA�parlare o commentare il flm, bloccato in patria dalla��Uffcio Centrale della Propaganda delA�Partito Comunista Cinese.
Il Tocco del Peccato, di Jia Zhang-Ke, Cina/Giappone 2013, 129 minuti.

il-tocco-del-peccato
Info: uffciostampa@teatrodipergine.it

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *