venerdì , 12 Luglio 2024

ITINERARI FOLK con musica bluegrass e Fiabe Popolari Italiane in scena

bobjonesbluegrassstuff2Itinerari Folk anima Trento e dintorni anche nella giornata di domenica 19 luglio:

Alle ore 21.30 in Piazza Cesare Battisti suona la musica di Bob Jones & The Bluegrass Cats.

All’etA� di 17 anni Bob Jones incontra per la prima volta il bluegrass e scopre musicisti fondamentali per questo genere quali Bill Monroe e Flatt & Scruggs. E’ il 1975 quando Bob decide di trasferirsi a Nashville dove corona un sogno, quello di entrare a far parte dei Blue Grass Boys, la band del suo idolo Bill Monroe, il padre di questo genere che prende il nome dalla caratteristica erba bluastra del Tennessee. Il successo per Bob arriva, infine, anche dai tour internazionali, da registrazioni discografiche di successo e da riconoscimenti prestigiosi come il E?Bluegrass Singer of the YearE? nel 2003. Ad accompagnarlo ci sarA�, in anteprima assoluta, una E?family bandE? molto particolare formata da Massimo Gatti (mandolinista dei Bluegrass Stuff), e dal figlio Icaro (contrabbasso), nonchA� da Silvio Ferretti dei Red Wine (banjo) e dal figlio Marco chitarra).

A Povo, presso l’Arena della Cassa Rurale, A? di scena il Teatro Ragazzi con “Al paese di Pocapaglia” alle ore 21.00. Organizzato dall’Oltreilponte Teatro, lo spettacolo di e con Beppe Rizzo e burattini di Andrea Rugolo A? tratto da “Fiabe Popolari Italiane” di Italo Calvino.

Pocapaglia A? un paese di contadini brontoloni, pigri e sprovveduti. Solo Masino A? il piA? sveglio e benvoluto da tutti, ma ha lasciato il paese per andare in cerca di fortuna e non A? piA? tornato. Mentre i paesani attendono il suo ritorno, a Pocapaglia cominciano a succedere fatti misteriosi: ogni sera capita che buoi e vacche vengano rubati dalla masca Micillina, una strega che se ne sta appostata nei boschi sotto il paese e che, con un solo sguardo, A? capace di tramortire i pastori di guardia. I pocapagliesi, impauriti, chiedono consiglio al ricco Conte del paese, ma questo nega il suo aiuto e quello dei suoi soldati. Ormai disperati per le continue ruberie della masca, gli abitanti di Pocapaglia decidono di scrivere una lettera per implorare il ritorno di Masino. E proprio una sera Masino ricompare. Parte alla ricerca di Micillina, la trova, la cattura e la porta al cospetto dei pocapagliesi che, con stupore, assistono alla soluzione di un mistero che ha ben poco di soprannaturale. Dopo aver deciso la punizione per il colpevole e aver esortato tutta Pocapaglia a rimboccarsi le maniche, Masino riparte per terre lontane. Da quel momento i pocapagliesi, che hanno capito la lezione, si scoprono meno brontoloni, meno pigri e cominciano a darsi da fare senza piA? chiedere aiuto a nessuno.

Vedi anche

“eState in villa” al via a Meano la rassegna di teatro amatoriale

Sabato 22 giugno 2019 alle ore 21.00 a Meano prende il via, presso il giardino …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *