lunedì , 10 agosto 2020
Home / arte & cultura / LONTANO DA DOVE – ultimi due incontri e workshop del ciclo sulle pratiche artistiche contemporanee in relazione alla sfera pubblica

LONTANO DA DOVE – ultimi due incontri e workshop del ciclo sulle pratiche artistiche contemporanee in relazione alla sfera pubblica

Gli ultimi appuntamenti LONTANO DA DOVE si terranno presso leA�Gallerie Piedicastello, Piazza Piedicastello, Trento ilA�6 e 7 settembreA�e ilA�18 e 19 ottobre 2014

 

600-gallerie
Un progetto diA�Wunderkammer Trento, collezione di immaginari urbani.
Le conferenze aperte al pubblico sono a cura diA�Professionaldreamers, A�progetto editoriale indipendente che pubblica e promuove ricerche sulle tematiche di spazio eA�societA�, e Giusi Campisi, in collaborazione conA�Tiring HouseA�realizzate con il contributo dellaA�Fondazione Caritro.

Gli artisti invitati ai due incontri sonoA�Ettore Favini, ha vinto il premio Artegiovane Milano e Torino incontrano l’arte e ilA�premio New York della Columbia University eA�Adrian Paci, la sua ultima opera, The
column, A? stata presentata in numerosi musei del mondo, tra cui il Jeu de Paume diA�Parigi e il PAC di Milano.
Gli artisti dialogheranno conA�Denis Isaia, curatore d’arte contemporanea al Mart eA�Marco Scotini, Advisor di Arti visive della Naba, critico d’arte e curatore
indipendente.
Scopo del progetto A? esplorare il rapporto tra arte e sfera pubblica, nelle sueA�declinazioni relative al territorio e al paesaggio, all’identitA� e all’interculturalitA�.
Con questo fine si propone ai partecipanti un lavoro di ricerca-azione condotto dagliA�artisti che hanno aderito al progetto. Il percorso prevede quattro tappe, ognuna delleA�quali A? coordinata da uno degli artisti, che fa della relazione tra arte e sfera pubblica ilA�campo della sua indagine, e porterA� sia la sua esperienza metodologica che lo sguardoA�particolare con cui interpreta le pratiche culturali, sociali e politiche emergenti nello
spazio pubblico.
I partecipanti al termine del lavoro avranno acquisito informazioni, conoscenze eA�competenze relative all’azione artistica nella sfera pubblica. Allo stesso tempo,A�essendo il lavoro organizzato in forma laboratoriale, tale risultato sarA� anche l’esitoA�del contributo di ciascuno all’interno del gruppo di ricerca.
La partecipazione alle conferenze A? gratuita.
La partecipazione ai workshop A? a pagamento

un singolo workshop 100 a��/ studenti 80 a��
Sono disponibili borse di scambio per studenti.

INFO E ISCRIZIONI
Giusi Campisi:A�3297117991A�-A�housetiring@gmail.com

CALENDARIO
Ogni tappa sarA� strutturata come segue:
Sabato ore 10.30 a�� 13.00 intervento del relatore con dibattito aperto al pubblico.
Ore 14.30 a�� 18.00 laboratorio riservato agli iscritti al workshop.
Domenica ore 10 a�� 13.00 e ore 14.30 a�� 18.00 proseguimento del laboratorio.

6 a�� 7 settembre 2014
Ettore Favini
A�pone al centro di numerosi progetti la�� ambiente, soggetto protagonistaA�e mezzo di indagine nel suo rapporto con la��uomo: la fruizione delle sue opere diventaA�un modo di riappropriarsi dello spazio pubblico. La memoria, storica e individualeA�A? il fulcro di un percorso che muove da una��ispirazione autobiografica e arriva adA�elaborare temi universali, quali tempo ed esistenza.
Denis Isaia, ricercatore culturale e curatore d’arte contemporanea, la sua indagine siA�concentra prevalentemente sulla valorizzazione di nicchie culturali non sistematizzateA�e di pratiche culturali orientate alla commistione. Da marzo 2014 A? curatore presso ilA�Mart di Rovereto.
18 a�� 19 ottobre 2014
Adrian Paci
A�docente alla Naba di Milano, nella sua ultima opera filmica, a�?TheA�Columna�?,A�affronta i temi che attraversano la sua ricerca artistica, con una potente metaforaA�mette in questione la trasformazione delle tradizioni e il confronto tra culture, la delocalizzazioneA�del lavoro e il movimento costante, sia quello dei popoli attraverso leA�frontiere geopolitiche sia quello della memoria personale.
Marco ScotiniA�A? Advisor della��Area di Arti Visive NABA e curatore della��Archivio GianniA�Colombo, critico da��arte e curatore indipendente, ha ideato il progetto “DisobedienceA�Archive”; si interessa da anni di arte dell’ est Europa curando mostre e pubblicazioni.A�A? direttore della rivista “No Order. Art in a Post-Fordist Society”, pubblicata da ArchiveA�Books (Berlino).

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …