giovedì , 30 Maggio 2024

MESIANO A SETTEMBRE
Torna la festa degli studenti…
…in versione artistica!

mesianoAsut, in collaborazione con Associazione Oz a�� Spazio Off, Associazione Il Funambolo a�� Circolo Wallenda, e con il sostegno dell’Opera Universitaria, dell’UniversitA� degli studi di Trento, presenta Mesiano a settembre: quattro serate di arte, teatro e performance nel parco della facoltA� di Mesiano dal 10 al 30 settembre.

La facoltA� di ingegneria di Mesiano A? uno dei centri di studio, ricerca e aggregazione piA? importanti per i giovani e gli studenti della cittA� di Trento. Fino all’anno scorso, il parco della facoltA� era teatro di un grande evento di musica dal vivo, che attirava migliaia di ragazzi: i fatti accaduti nell’edizione dell’estate scorsa hanno causato la chiusura del festival, ma non hanno attenuato nelle associazioni universitarie e nelle realtA� culturali che animano la cittA� la voglia di proporre qualcosa di intelligente, originale e aggregante per i giovani e gli studenti che vivono a Trento.

Il progetto di proporre a�?un’altra Mesianoa�? A? nato da un’associazione universitaria da tempo attiva all’interno dell’ateneo di Trento, Asut, e intende creare nel mese di settembre una rassegna di serate culturali, per lo piA? improntate a performance teatrali, che riescano ad animare il parco della facoltA� sul finire dell’estate, sulla soglia dell’inizio delle lezioni e degli esami universitari.

Il progetto A? stato studiato assieme a tre importanti realtA� che operano in campo teatrale e culturale sul territorio: l’associazione Oz, nota in cittA� per la sua gestione pluriennale dello Spazio Off di via Venezia, e l’Associazione Il Funambolo, che anima e gestisce le serate organizzate all’interno delA�Circolo Wallenda di via San Martino, oltre alla compagnia EstroTeatro, diretta da Mirko Corradini.
Tre realtA� alternative rispetto ai grandi circuiti, ma che si sono guadagnate una credibilitA� e soprattutto un pubblico giovane. Le quattro serate che si propongono al parco della facoltA� di Mesiano saranno quindi coordinate da Asut, in collaborazione con Oz, Il Funambolo ed EstroTeatro, che ne cureranno i contenuti, gli aspetti artistici e tecnici.

Le serate avranno inizio attorno alle ore 20.00, con l’inizio degli spettacoli veri e propri alle ore 21.00. I quattro spettacoli saranno dislocati di volta in volta in un luogo diverso del parco, cosA� da sfruttare appieno l’ambiente e l’atmosfera stessa del parco.

Il programma nel dettaglio:

giovedA� 10 settembre, ore 21.00: “Tutto in un punto“, monologo teatrale di e con Maura Pettorruso liberamente tratto dalle Cosmicomiche di Italo Calvino, con musica dal vivo a cura di Adele Pardi. Produzione Oz 2009, al debutto nella cittA� di Trento.

Nella riscrittura scenica delle Cosmicomiche di Italo Calvino, viene ripercorsa simbolicamente l’intera storia dell’universo, dal brodo primordiale, al progressivo formarsi delle galassie, dei pianeti, dei continenti, per arrivare ai giorni e proiettarci in un futuro in cui tutta l’umanitA� e tutto l’universo tornerA� a ricondensarsi ‘tutto in in un punto’.
A fine spettacolo, musica diffusa e bar fino alle ore 23,30.

giovedA� 17 settembre, ore 21.00: “Speranze Residue. U-topia“, progetto presentato a Manifesta 7 nel 2008 e in debutto a luglio 2009 a Azioni Inclementi di Schio (Vi).
Voce: Andrea Caltran
Sax: Stefano Carloni
Riprese video: Guido Laino e Tiziana Poli
Regia video live: Marco Furgeri
Produzione: Il Funambolo

Quello delle utopie A? essenzialmente un mondo testuale: di conseguenza esplorare l’isola utopica A? un atto allo stesso tempo linguistico e meta-letterario. “Speranze Residue. U-topia” A? un viaggio che si compie attraverso la sperimentazione e l’improvvisazione sul testo letterario (Utopia di Thomas More) e sullo spartito musicale attraverso il metodo del cut-up e del fold-in, con riprese dal vivo e proiezioni che amplificano il gesto degli autori/attori.
A fine spettacolo, musica diffusa e bar fino alle ore 23,30.

giovedA� 24 settembre, ore 21.00: “4.48” di Sarah Kane, con Cinzia Scotton e regia di Mirko Corradini. Produzione: EstroTeatro, spettacolo selezionato a Pergine Spettacolo Aperto 2009

Uno spettacolo di forte impatto e di grande successo di pubblico e di critica. Le parole di Sarah Kane, la recitazione della giovane Cinzia Scotton , il dialogo con suoni, immagini e video in un originale allestimento: un cubo di plexiglass, e il pubblico che vi sta raccolto attorno.
A fine spettacolo, musica diffusa fino alle ore 23,30.

mercoledA� 30 settembre, ore 21.00: “Pop per. Renderci vivi in video“, serata organizzata da Asut.

Dopo il successo della Serata Futurista 2009, l’Asut rinnova la collaborazione con il duo artistico-multimediale Popper, presentando il nuovo spettacolo Renderci vivi in video, in cui si indaga il rapporto dello spettatore contemporaneo con l’immagine video, sia essa televisiva o cinematografica. Il modo sarA� una serata-evento all’aperto, i cui punti di forza saranno la multimedialitA� e la performativitA�. Il pubblico verrA� coinvolto in un’inedita esperienza, trascinato dal pop elettronico di Davide Panizza e dai video stranianti e immaginifici di Walter Biondani.
A fine spettacolo, musica diffusa fino alle ore 23,30.

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *