domenica , 14 Aprile 2024

MOTORI: Quasi un incidente su cinque sulle strade italiane (il 18,6%) A? un tamponamento.

 

Nel 2014 in Trentino ci sono stati 583 tamponamenti

di Alfredo Nepi

La guida di un veicolo richiede molta attenzione: bisogna essere pronti a rispettare la segnaletica stradale, eventuali pericoli e gestire il proprio stile di guida in base alle condizioni del mezzo e del clima. Nonostante questo puA? capitare di essere coinvolti a�� come vittime o causa a�� di un tamponamento. Questo genere di episodio A? una delle tipologie piA? diffuse di incidenti stradali. Per moltoA� sono considerati quasi come eventi alla��ordine del giorno, soprattutto sulle strade piA? trafficate. Questa percezione A? confermata dai risultati di una rilevazione del Centro Studi Continental su dati Istat, dalla quale emerge che quasi un incidente su cinque in Italia (per la precisione il 18,6%) A? un tamponamento.

Il quadro che emerge evidenzia che A? necessario sensibilizzare i conducenti a mettere in pratica comportamenti virtuosi che consentano di evitare i tamponamenti come ad esempio: porre una maggiore attenzione alla guida, fare revisionare a norma di legge i veicoli, evitare di guidare quando si A? stanchi, ecc.

La��elaborazione del Centro Studi Continental fornisce anche un prospetto regionale del numero dei tamponamenti avvenuto nel 2014, prospetto dal quale emerge che la regione in cui avvengono piA? tamponamenti A? la Lombardia, seguita da Lazio ed Emilia Romagna. Si tratta di tre regioni in cui la rete stradale A? molto sviluppata ed in cui i volumi di veicoli che si spostano sono molto alti.

In Trentino Alto Adige i tamponamenti nel 2014 sono stati 583, posizionando la nostra regione al 14A� posto. Da��altra parte, nelle regioni piA? piccole ed un traffico meno intenso, il numero di tamponamenti A? piA? basso.

A�( fonte: rilevazione del Centro Studi Continental

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *