mercoledì , 28 Febbraio 2024

MOTORI: Vetri ghiacciati

Ecco alcune soluzioni da fare e altre da non compiere per sghiacciare i vetri, da parte del nostro Alfredo Nepi

600 windscreen

Nelle stagioni invernali capita spesso di trovare i vetri delle proprie autovetture ghiacciati. Soprattutto al mattino quando la notte A? stata molto fredda. Per molti automobilisti A? un disagio. Per non perdere troppo tempo e arrivare al lavoro in orario, ecco alcuni suggerimenti per pulire i parabrezza ghiacciati.

La prima cosa A? cercare diA� prevenire la formazione di ghiaccio applicandoA� alla sera un telo o un cartone sul vetro stesso, prima che si inizi a depositare il ghiaccio. Non usare fogli di giornale che potrebbero incollarsi sul vetro.

Se vi siete dimenticati ecco alcune soluzioni da fare e altre da non compiere.

Per sbrinare non usare il sale sul vetro a�� forse uno dei a�?rimedi della nonnaa�� piA? conosciuti maA�assolutamente peggiorativi. Il sale, se non si scioglie, puA? graffiare il parabrezza, eA�peggiorare la situazione in caso di crepa o scheggiatura. Non versare acqua bollente sul parabrezza e non indirizzare in maniera diretta il getto diA�aria calda sul vetro: creare un improvviso shock termico al vetro sovrapponendo aria caldaA�erogata sul vetro e temperatura dello stesso comporta uno stress al parabrezza. A? dunqueA�importante riscaldare il vetro lentamente evitando getti diretti di aria molto calda.A�Non tentare di rompere lo strato di ghiaccio con oggetti appuntiti o spigolosi: unA�comportamento di questo tipo porta con sA� un alta possibilitA� di graffiare il vetro. A? beneA�attendere che il parabrezza sia parzialmente scongelato e poi raschiare il ghiaccio con unaA�spatola di plastica. Se non la�� avete potete usare con attenzione la tessera bancomat o tipi analoghi.

A? possibile utilizzare spray chimici per lo sbrinamento purchA� non sianoA�presenti scheggiature o crepe nel parabrezza.A�Non utilizzare tergicristalli danneggiati: controllare la��integritA� dei tergicristalli A?A�fondamentale, crepe e logoramenti sono segno di tergicristalli da sostituire. A�In questo caso A�almenoA�unaA�volta alla��anno i tergicristalli andrebbero sostituiti. Nel caso in cui il vetro risulti danneggiato A�A? A�necessario la��intervento di uno specialista

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *