venerdì , 25 settembre 2020
Home / evidenza / MUSE: “La migrazione dei rapaci attraverso il Mediterraneo” MercoledA� 7 giugno

MUSE: “La migrazione dei rapaci attraverso il Mediterraneo” MercoledA� 7 giugno

a��a��Incontri al museo per parlare di fauna al MUSE:A�La migrazione dei rapaci attraverso il Mediterraneo

600 Panuccio_8_bisCon Michele Panuccio – Dipartimento di Scienze della Terra e della��Ambiente

UniversitA� di Pavia

A�

MercoledA� 7 giugno alle 20.45

MUSE a�� Museo delle Scienze

A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�A�

A�

Nuovo appuntamento, mercoledA� 7 giugno alle 20.45, con gli a�?Incontri al museo per parlare di faunaa�?, le tradizionali occasioni che – con cadenza mensile – permettono di avvicinarsi con prospettive sempre nuove alle ricerche e agli studi sulla fauna, alla biodiversitA� animale e vegetale, alla conoscenza e conservazione della natura.

Protagonisti della serata saranno i rapaci migratori che si muovono attraverso il Mediterraneo, il cui viaggio e le cui peculiaritA� saranno illustrate da Michele Panuccio del Dipartimento di Scienze della Terra e della��Ambiente UniversitA� di Pavia.

Durante la serata saranno illustrati i risultati delle ricerche effettuate su queste specie attraverso la��uso di differenti metodologie di studio e lungo le diverse rotte migratorie utilizzare dai rapaci per raggiungere e tornare dai territori di svernamento africani.

 

Delle numerose specie di rapaci che nidificano in Europa e che siamo abituati a osservare in caccia sulle nostre montagne o paludi, ce ne sono alcune che compiono spostamenti di migliaia di chilometri. Questi movimenti migratori comportano il volo attraverso diverse barriere ecologiche come catene montuose, deserti e mari. La forte pressione selettiva esercitata da queste barriere ha plasmato le rotte migratorie di aquile, nibbi e albanelle che per tale motivo si concentrano numerosi lungo valli, stretti ed isole. Il comportamento di questi rapaci A? fortemente specie-specifico ed A? influenzato dalla morfologia delle singole specie nonchA� dalla loro ecologia. I rapaci meglio equipaggiate a effettuare il volo battuto, come le albanelle, sono in grado di volare su un fronte ampio, attraversando il Mediterraneo in piA? punti.A� Alla��estremo opposto aquile e avvoltoi si concentrano quasi esclusivamente sullo Stretto di Gibilterra e sul Bosforo. Decenni di ricerche hanno permesso di scoprire le rotte utilizzate per raggiungere la��Africa dai territori di nidificazione Europei e la��utilizzo delle nuove tecnologie ha consentito di dettagliare il comportamento di volo e le strategie migratorie dei rapaci.

 

Michele Panuccio

Laureato in Scienze Naturali, ha effettuato il dottorato di ricerca in Ecologia sperimentale presso l’UniversitA� di Pavia. Da diversi anni studia la migrazione dei rapaci nel Paleartico occidentale e per tale motivo ha condotto ricerche sul campo in Spagna (Stretto di Gibilterra), Grecia (Monte Olimpo, Anticitera), Turchia (Bosforo, Dardanelli), Georgia (Batumi) e in molti siti italiani. Ha utilizzato diverse metodologie di studio, dalle osservazioni dirette all’analisi delle ricatture di rapaci inanellati, fino all’uso di strumentazione radar. Cofondatore di MEDRAPTORS (Mediterranean Raptor Migration Network) A? anche attivo nel team dell’associazione Ornis italica e attualmente coordina un progetto di monitoraggio sullo Stretto di Messina

 

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …